Detroit

play

Regia di Kathryn Bigelow

Con John Boyega, Will Poulter, Algee Smith, Jacob Latimore, Jason Mitchell, Hannah Murray, Jack Reynor, Kaitlyn Dever, Ben O'Toole... Vedi cast completo

  • In TV
  • Rai Movie
  • canale 24
  • Ore 13:20
In STREAMING

Trama

A Detroit nel 1967 è in corso una delle più grandi e più intense rivolte della storia degli Stati Uniti. Due giorni di disordini e la notizia della presenza di armi vicino al motel Algiers spingono la polizia a intervenire ricorrendo a interrogatori sempre più violenti che causeranno morti e feriti.

Approfondimento

DETROIT: UNA DRAMMATICA PAGINA DI STORIA

Diretto da Kathryn Bigelow e sceneggiato da Mark Boal, #Detroit si concentra sugli eventi che si verificarono a Detroit, nel 1967, durante una terrificante nottata a causa di alcuni disordini che portarono a traumatiche conseguenze. L'estate 1967 rappresentò infatti un momento fondamentale nella storia moderna americana, quando gli Stati Uniti, attraversati da crescenti disordini politici e sociali a causa dell'impegno nella guerra del Vietnam e dei decenni di ingiustizia razziale e repressione, conobbero grandi sollevamenti da parte della popolazione. Gli epicentri del malcontento e della rabbia pronta a esplodere furono le grandi città, dove più forti erano la discriminazione e le disparità razziali in ogni settore.

 

In particolar modo, #Detroit racconta ciò che accadde due notti dopo che iniziò la rivolta nella capitale del Michigan, famosa per le sue fabbriche di automobili: il ritrovamento di armi da fuoco in prossimità di una caserma della Guardia Nazionale indusse il Dipartimento di Polizia di Detroit, la Polizia di Stato del Michigan, la Guardia Nazionale dell'Esercito del Michigan e un servizio di guardie private locali a prendere possesso di un edificio nei pressi dell'Algiers Motel. Mettendo da parte le regole procedurali, diversi poliziotti interrogarono con forza i perplessi ospiti del motel nel tentativo di intimidire le persone e portarle eventualmente alla confessione. La situazione, però, sfuggì a tutti di mano: all'alba, si contarono tre giovani neri, disarmati, uccisi e nove persone (sette uomini neri e due donne bianche) brutalmente picchiate.

 

Con la direzione della fotografia di Barry Ackroyd, le scenografie di Jeremy Hindle, i costumi di Francine Jamison-Tanchuk e le musiche di James Newton Howard, Detroit rappresenta il terzo tentativo della regista Kathryn Bigelow di presentare eventi controversi e reali unendo dramma, thriller e cinema verité. Seguendo il particolare stile di scrittura dello sceneggiatore Mark Boal (definito dagli americani come "you are there" narrative), la Bigelow porta lo spettatore al centro del racconto facendogli sposare il punto di vista dei protagonisti. Dopo aver analizzato le conseguenze del terrorismo e della guerra in Oriente in The Hurt Locker (2008)Zero Dark Thirty (2012), la Bigelow e Boal puntano l'attenzione su un altro scontro culturale destinato a sfociare in guerriglia: la Detroit del 1967, una città segnata da decenni di trascuratezza e promesse infrante, da separazioni razziali e da discordie civili.

 

In un continuo alternarsi di vittime e carnefici, Detroit ricostruisce cosa è accaduto all'interno dell'Algiers Motel quasi in tempo reale rendendo onore a chi è sopravvissuto e a coloro che sono morti ingiustamente in nome di una causa degna di rispetto. Nel 2014, per rendere più veritiero il racconto, un team di ricercatori ha raccolto all'interno della comunità afro-americana aneddoti e ricordi, venendo a conoscenza della storia di Larry Reed, inserita poi nella sceneggiatura. Cantante del gruppo The Dramatics, Larry Reed aveva preso quella notte del '67 una stanza all'Algiers motel per se stesso e per l'amico Fred Temple, vivendo così uno degli eventi che avrebbe per sempre segnato la sua esistenza. Ancora in vita, Reed ha accettato dopo molto esitazioni di condividere la sua esperienza e di far luce su un evento che spesso, ancora oggi, viene dimenticato dai libri di storia.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Detroit è Kathryn Bigelow. Regista e produttrice, la Bigelow ha firmato Zero Dark Thirty (nominato a 5 Oscar e premiato per il miglior montaggio sonoro) e The Hurt Locker, titolo che ha guadagnato ben 6 Oscar tra cui quello al miglior film, alla migliore regia (segnando un record: la Bigelow è la prima… Vedi tutto

Commenti (16) vedi tutti

  • Adoro la talentuosa regista, davvero... Ma questo cos'è? "IL PIANETA DELLE SCIMMIE" oppure "DIAZ"?!

    commento di FabrizioRomanatti84
  • Un film che andrebbe visto non solo per il soggetto trattato ma anche per le sue qualità oggettive.

    commento di Frranci
  • L'ABC del politicamente corretto (dopo il politicamente scorretto di PB ed il politicamente schierato di ZDT). Il 'dagli al negher' ha alla base l'inurbamento post bellico (primo e secondo), il resto e' accademia, legal ending incluso.

    commento di maurizio73
  • Film prodotto nel 2017, cinquant'anni dopo i fatti che racconta. Di scottante attualità pensando a quel che sta avvenendo in questi giorni negli Stati Uniti. Ottimi attori e grande regia.

    leggi la recensione completa di hupp2000
  • I tumulti "razziali" del 1967 a Detroit divengono un cinema "nevrotico" e serrato, la lettura sociale è trascritta nel nervosismo della regia.Le 4 mura dell' hotel sono lo spazio condensato di un tempo e un epoca abbrutita dal razzismo.

    leggi la recensione completa di GIMON 82
  • Film "emotivo", claustrofobico nell'impianto generale. Soggetto semplice, buoni contro cattivi e viceversa, io ti minaccio con la pistola (finta), e tu mi spiani con i cannoni (veri). Forse troppo lungo (30 minuti in meno sarebbero stati perfetti), e qualche compiacimento nella violenza. Film minore della Bigelow, non riuscito del tutto. Voto 5

    commento di ivcavicc
  • Ottimo film di storia recente. Teso, rigoroso ma con buon piglio narrativo. Ottimo il cast.  Kathryn Bigelow si conferma regista di talento. 

    commento di Greatmax54
  • Come descrizione dei fatti reali si può anche visionare,per altri motivi è sconsigliato.voto.4.

    commento di chribio1
  • Una drammaticità che tiene incollati per tutto il tempo.

    leggi la recensione completa di leporello
  • Bolzaneto.

    commento di irvine
  • Film teso, accurato, certamente interessante, ma anche discutibile, poiché se è vero che la nostra solidarietà è sollecitata verso i poveretti umiliati e offesi, è altrettanto vero che dalla lunghissima durata di quelle scene e dal distacco gelido del modo di raccontare sembra emergere un certo impudico compiacimento descrittivo...

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Racconto sconvolgente delle crudeltà commesse su alcuni ragazzi di colore e due ragazze bianche dalla polizia di Detroit presso il Motel Algiers nel 1967. Denuncia rabbiosa del razzismo dilagante negli USA allora e ancora persistente.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Un raro esempio di grande cinema.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • su temi classici del cinema di denuncia, Bigelow innesca la sua modernissima capacità di girare l'azione dal di dentro, questa volta nella soffocante clausura delle stanze di un albergo di Detroit, producendo un film quasi epico

    commento di carloz5
  • Vi siete mai accorti che la bellezza di un film è inversamente proporzionale a quante volte si sia costretti a ispezionare lo screen dell' I phone o per i più fortunati un orologio visibile al buio?

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Partendo da una ricostruzione il più possibile fedele dei fatti, ottenuta con un grande lavoro di documentazione consistente anche nella raccolta delle testimonianze di tre superstiti, Boal butta giù una sceneggiatura divisa sostanzialmente in tre atti, e Bigelow la traduce in immagini con uno stile immersivo fatto di camera a mano e primi piani.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

  Premesso che il talento di Kathryn Bigelow, al di là delle opinioni personali, è innegabile e la preparazione e produzione artistica sono ampie e variegate, la visione di DETROIT (2017) conferisce allo spettatore un'esperienza di immersione totale e spietata nel racconto di un vergognoso episodio specifico, poco noto da noi, avvenuto 50 anni fa, nel 1967 a Detroit (… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

pazuzu di pazuzu
9 stelle

  A 50 anni esatti da uno dei momenti più bassi ma meno conosciuti della storia americana recente, Kathryn Bigelow ed il suo ormai fido sceneggiatore Mark Boal (con lei anche nei precedenti The Hurt Locker e Zero Dark Thirty) decidono di riesumarlo, portandolo all'attenzione del grande pubblico attraverso un thriller mozzafiato che ha la precisione aneddotica del reportage. I… leggi tutto

14 recensioni positive

2020
2020
Trasmesso il 23 ottobre 2020 su Rai Movie

Recensione

hupp2000 di hupp2000
9 stelle

Torna ad essere di scottante attualità in questi giorni il film di Kathryn Bigelow che racconta l’uccisione di tre uomini di colore ad opera di poliziotti, avvenuta a Detroit nell’estate del 1967, durante un’ondata di sommosse che sconvolsero numerose città degli Stati Uniti. La vicenda è raccontata in maniera passionale e perfino brutale, con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
Trasmesso il 16 maggio 2020 su Rsi La1
Trasmesso il 5 maggio 2020 su Rai 4

Recensione

GIMON 82 di GIMON 82
9 stelle

Detroit 1967, l'odore del fumo infuoca le strade, una rivolta furiosa rivive in chi ha la pelle "sbagliata". C'è chi invece corre, si occulta dai boia in divisa, prima che un colpo raggiunga la sua schiena, egli diverrà a quel punto un manichino che macchierà di sangue l'asfalto. E poi vi sono loro, ragazzi e ragazze che condividono uno spazio, uomini di colore e due donne…

leggi tutto
Trasmesso il 30 aprile 2020 su Rai 4

Recensione

fra_paga di fra_paga
8 stelle

La regista si rifugia nel politically correct per far decollare un film che soggettivamente credo non avesse bisogno di alcun trampolino. A differenza di altri suoi lavori (the hurt locker) l'ho trovato molto più conivolgente nonostante la consueta pecca bigelowiana di uno stile di ripresa troppo spesso volto all'inseguimento del soggetto. Critica che solitamente non rivolgo a momenti…

leggi tutto
2019
2019

Recensione

Mark_Luis di Mark_Luis
8 stelle

Film come al solito girato da Dio dalla Bigelow, attori ben diretti, meravigliosa messa in scena.   Resta comunque una visione parziale e di parte di una vicenda poco chiara e ,come afferma la stessa regista, romanzata nel film in base a testimonianze.... di un'unica parte appunto.   Innegabile ci siano state violenze a Detroit in quel periodo contro la comunità nera da…

leggi tutto

Recensione

leporello di leporello
9 stelle

   Di rara bellezza e intensità drammatica, quello firmato dall’ottima Bigelow è un film che sarà difficile dimenticare. Il dilatarsi del tempo nella scena centrale della “mattanza” all’Algerian tiene incollati allo schermo per tutti i tre quarti d’ora della sua durata, cosa che può riuscire solo a chi con il cinema ci sa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
2018
2018
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito