Trama

1425: la Guerra dei Cent'anni tra Francia e Inghilterra infuria. La futura Giovanna d'Arco ha appena dieci anni e vive a Domrémy in Lorena. Un giorno, mentre si prende cura della sua pecora, confessa alla sua amica Hauviette di non sopportare più di assistere alla sofferenza causata dagli inglesi. La signora Gervaise, una suora, cerca di farla ragionare ma la giovane è pronta a imbracciare le armi per la salvezza delle anime.

Approfondimento

JEANNETTE: L'INFANZIA ELETTRO-POP DI GIOVANNA D'ARCO

Diretto e sceneggiato da Bruno Dumont, Jeannette: The Childhood of Joan of Arc è ambientato nella Francia del 1425 e racconta la storia della giovanissima Giovanna d'Arco, destinata a diventare per sempre "la pulzella di Francia". Nel bel mezzo della guerra dei Cento Anni, Jeannette ha soli 8 anni quando fa da guardiana per le sue pecore nel piccolo villaggio di Domremy. Un giorno, nonostante la giovane età, rivela all'amica Hauviette di non poter sopportare la vista della sofferenza causata dagli inglesi. Madame Gervaise, una suora, prova a farla ragionare ma Jeanette è pronta a prendere le armi per la salvezza delle anime e la liberazione del Regno di Francia, guidata dalla sola fede in Dio.

Con la direzione della fotografia di Guillaume Deffontaines, i costumi di Alexandra Charles e le musiche composte da Igorrr, Jeannette: The Childhood of Joan d'Arc è un musical elettro-pop. Dopo le incursioni nella commedia con Li'l Quintin e Ma Loute, Bruno Dumont si cimenta con un altro genere per lui inedito e così spiega la sua scelta: "Non ci sono grandi spiegazioni per la mia scelta. Molto semplicemente volevo cimentarmi con qualcosa di cinematografico per me ancora da esplorare: il musical. Tutti sanno come la musica possa essere una forma di espressione intensa, infinita e istantanea: ho pensato solamente che sarebbe stato interessante metterla al centro di un mio film. Jeannette: The Childhood of Joan d'Arc si basa sui romanzi di Charles Péguy e in particolare su Il mistero della carità di Giovanna d'Arco. L'idea di adattare il suo lavoro per me è stata quasi spontanea, dato l'uso che l'autore fa di prosa e versi in termine di genere e di stile. La sua versione della storia di Giovanna d'Arco mi ha attirato ma non senza riserve: ho dovuto infatti modernizzare la poesia letteraria, ostile alla modernità, per renderla accessibile a tutti e, soprattutto, all'insensibilità della gioventù di oggi. Senza musica, la poesia passerebbe inosservata, sembrerebbe abbandonata, perduta e difficile. Non avrei mai potuto affrontare cinematograficamente Péguy e la sua poesia vertiginosa se non avessi avuto il sostegno di un'altra arte come la musica, in grado di dare vita al testo.

Ho scelto di raccontare i primi anni di vita di Giovanna d'Arco, quelli prima di divenire una soldatessa e una martire. Tale scelta mi ha portato a confrontarmi con una figura storica già scelta da numerosi registi tra loro molto diversi: Dreyer, Besson, Bresson e Preminger. Come ha scritto Bernanos, Giovanna d'Arco è la "meraviglia delle meraviglie" per la letteratura e la mitologia francese. Rappresenta, con i suoi tormenti, il simbolo dell'identità francese e del miracolo della riconciliazione nazionale. La sua adolescenza rimane però un mistero ancora oggi. Di lei bambina si conosce poco. Nella sua prima opera su Giovanna, scritta a 23 anni, Péguy racconta l'adolescenza e l'infanzia dell'eroina fino alla sua partenza per salvare Orleans. Lo stesso Péguy è poi ritornato sullo stesso racconto in un momento diverso della sua vita, a 37 anni, rileggendo in maniera più lirica e poetica la storia regalandoci Il mistero della carità di Giovanna d'Arco. La mia versione di Giovanna d'Arco, seguendo il lavoro di Péguy, termina là dove altri film invece cominciano".

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (1) vedi tutti

  • L'infanzia di una pastorella chiamata a divenire l'eroina e la martire di una nazione. Un richiamo che avviene attraverso visioni mistiche rese concrete grazie al potere coinvolgente della musica: un pop che sconfina nel rock più convinto fino ad un buffo rap contadino. Un Dumont diversamente folle che continua a strabiliarci.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CANNES 70 - QUINZAINE DES REALISATEURS  Tra le rive di un piccolo estuario fluviale del nord della Francia, la piccola pastorella Jeanne di soli otto anni comincia ad avere le prime visioni mistiche (la Suor Germaine sdoppiata e una triade di sante alate, armate e canterine) che la inquadrano, solo qualche anno più tardi appena quattordicenne, come destinata a trasferirsi ad… leggi tutto

1 recensioni positive

2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CANNES 70 - QUINZAINE DES REALISATEURS  Tra le rive di un piccolo estuario fluviale del nord della Francia, la piccola pastorella Jeanne di soli otto anni comincia ad avere le prime visioni mistiche (la Suor Germaine sdoppiata e una triade di sante alate, armate e canterine) che la inquadrano, solo qualche anno più tardi appena quattordicenne, come destinata a trasferirsi ad…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Bruno Dumont
Foto
Lise Leplat Prudhomme
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito