Testa o croce

Trama

La pecorella smarrita: Don Remigio, che si è fatto prete dopo aver subito da ragazzino un incidente, riceve un colpo in testa e si innamora, ricambiato, di una ragazza. Un altro colpo, e tutto torna normale. "Il figlio del Beduino": un operaio molto "macho", di nome Beduino, è sconvolto all'idea che suo figlio possa essere gay. Scoprirà che i suoi timori non hanno proprio alcun motivo d'essere. Se il secondo episodio offre un Manfredi di tutto rispetto e una visione non banale del mondo dei borgatari romani, il primo (con Pozzetto prete) va piuttosto sul pesante. Nel complesso, poco più che due barzellette.

Commenti (3) vedi tutti

  • Nel complesso è un film ad episodi passabile.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • L'episodio con Nino è molto simpatico…bè grazie alla sua presenza

    commento di antonio88
  • buon film.Pozzetto e Manfredi ottimi nei rispettivi episodi.Un bravo anche a Gullotta ed alle 2 attrici femminili Venier e Di Benedetto.Musiche riciclate da dramma della gelosia sempre di Rustichelli

    commento di antonio de curtis
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

will kane di will kane
6 stelle

Successone probabilmente oltre ogni previsione di inizio anni Ottanta,in un un momento in cui il film a due episodi da affidare a un sicuro campione d'incassi era una formula abbastanza sfruttata,vedi analoghi risultati con "Qua la mano"(Celentano/Montesano),"Culo e camicia"(Pozzetto/Montesano) ed altri.Nanni Loy dirige con mestiere due farse al prezzo di una senza battute particolarmente… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
4 stelle

Gli ultimi rantoli della commedia italiana, mentre già all'orizzonte si profilavano quelle Vacanze di Natale che sarebbero andate a seppellire l'idea di cinema nel Belpaese. Due grevi e piuttosto beceri episodi, con cast squilibrati: se a reggere le sorti di metà pellicola sono Manfredi e Stoppa, nell'altra metà i protagonisti sono niente meno che Pozzetto e la Venier. A voi l'arduo compito… leggi tutto

2 recensioni negative

2015
2015

Recensione

movieman di movieman
6 stelle

Sacerdote con amnesia s'innamora di con donna e ci va letto, poi però gli torna la memoria. Borgataro romano teme che il figlio possa essere gay e non sa come affrontare la questione. Questi i due episodi. Il film lascia in eredità la barzelletta del tizio che aspetta il bus e chiede a Pozzetto: "Scusi per andare in ospedale cosa devo prendere?" Risposta: "La polmonite", e la…

leggi tutto
Recensione
2013
2013

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

La solita ennesima commedia a episodi,questa volta con il duo Pozzetto-Manfredi.La prima con una generosa Venier che si fa il prete (senza saperlo)La seconda con Manfredi che scopre il figlio gay (forse).Comunque molto piacevole e si ride volentieri ,anche con caratteristi come il grande Paolo Stoppa.Da vedere.

leggi tutto
Recensione
2011
2011

Recensione

serfanti di serfanti
4 stelle

Due episodi un po' divertenti e un po' banali che sono poco piu' di due barzellette; piu' divertente e riuscito l' episodio con Manfredi anche se un po' volgare, piu' slegato e banale l' episodio con Pozzetto. Voto 5,5.

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Recensione

sasso67 di sasso67
6 stelle

Due episodi di valore medio, con il secondo migliore del primo. Le due storielle si basano troppo sulla bravura personale dei due protagonisti, per cui viene fuori la maggiore preparazione di Manfredi rispetto agli umori surreali, ormai fin troppo sfruttati, di Pozzetto. Nel primo episodio si apprezza una Venier di ancor buona freschezza, prima di vendersi anima e corpo al diavolo della…

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Treni

Redazione di Redazione

Da quando hanno iniziato a fischiare le loro "blue notes" nelle praterie americane, i treni si sono impressi nell'immaginario di Hollywood e del mondo intero. Difficile che il loro binari non corressero paralleli a…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
6 stelle

Nel primo episodio Pozzetto è un prete lombardo che perde la memoria e trova l'amore. Nel secondo un proletario romano scopre che il figlio è omosessuale e non riesce ad accettarlo. Il secondo episodio fa più ridere del primo, ma anche il primo fa sorridere. Manfredi è (inutile dirlo) migliore di Pozzetto e dà al suo personaggio forti tinte umane, Pozzetto…

leggi tutto
Recensione

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Gli ultimi rantoli della commedia italiana, mentre già all'orizzonte si profilavano quelle Vacanze di Natale che sarebbero andate a seppellire l'idea di cinema nel Belpaese. Due grevi e piuttosto beceri episodi, con cast squilibrati: se a reggere le sorti di metà pellicola sono Manfredi e Stoppa, nell'altra metà i protagonisti sono niente meno che Pozzetto e la Venier. A voi l'arduo compito…

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Recensione

cochierenato di cochierenato
5 stelle

Il film composto da due episodi (movie-movie li chiamavano all'epoca) racconta due storielle che si reggono sulle abilità dei due protagonisti. A mio avviso un film passabile per un'ora e mezza in compagnia. Pozzetto nei panni di Don Remigio non delude, Mafredi nelle vesti del'operaio "beduino" è veramente forte. Da notare la grafica  dei titoli di testa: un monetone…

leggi tutto
Recensione
2005
2005

LA MIA SALA

johnpjgozz di johnpjgozz

IL CINEMA CUSNA DI VILLA MINOZZO (RE), CHIUSO DAL LONTANO 1984 CON MIA GRANDE DELUSIONE DA BAMBINO A CUI IL PADRE INIZIAVA A TRASMETTERE LA GRANDE PASSIONE PER IL CINEMA...PURTROPPO E' DURATO TROPPO POCO PER ME, MI…

leggi tutto
Playlist
2004
2004

GRAZIE NINO!..

RINO di RINO

NINO MANFREDI, che con Sordi è stato un altro GRANDE e DEGNO rappresentante di ROMA (le sue origini ciociare non contano) e soprattutto del cinema italiano, ci ha lasciato proprio oggi. Una playlist è il…

leggi tutto
Playlist
2003
2003

Recensione

will kane di will kane
6 stelle

Successone probabilmente oltre ogni previsione di inizio anni Ottanta,in un un momento in cui il film a due episodi da affidare a un sicuro campione d'incassi era una formula abbastanza sfruttata,vedi analoghi risultati con "Qua la mano"(Celentano/Montesano),"Culo e camicia"(Pozzetto/Montesano) ed altri.Nanni Loy dirige con mestiere due farse al prezzo di una senza battute particolarmente…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito