Espandi menu
cerca
La terra di Dio

Regia di Francis Lee vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 217
  • Post 21
  • Recensioni 1479
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La terra di Dio

di steno79
7 stelle

Primo film del britannico Francis Lee, presentato e premiato al Sundance Film festival nel 2017 come “Chiamami col tuo nome” di Guadagnino, che però ha avuto un successo internazionale decisamente superiore. Questa “Terra di Dio”, di cui non si capisce perfettamente il titolo perché non ci sono particolari riferimenti spirituali nella trama, sembra porsi consapevolmente sulla scia di “Brokeback mountain” di Ang Lee, di cui replica l’ambientazione agreste e una parte delle dinamiche relazionali tra i personaggi, che a tratti risultano altrettanto drammatiche ma nella parte finale si aprono maggiormente alla speranza. Il protagonista è Johnny Saxby, un ragazzo dello Yorkshire che porta avanti la fattoria di famiglia dopo che il padre è rimasto invalido, ma è un’anima in pena che sfoga la sua frustrazione ubriacandosi e facendo sesso promiscuo. L’incontro con un giovane rumeno assunto per aiutarlo nel lavoro lo porterà ad un progressivo cambiamento della propria esistenza. Nella caratterizzazione del personaggio principale c’è qualcosa di risaputo che, soprattutto nella prima parte, non facilita l’empatia dello spettatore, poiché il regista gioca la carta di un maledettismo e di un’alienazione piuttosto superficiali e già visti. Da quando entra in scena il personaggio di Gheorghe il film diventa più interessante nonostante i voluti riferimenti al film di Ang Lee, mantiene una buona tenuta figurativa con l’ambientazione nello Yorkshire sapientemente valorizzata, può contare su un’efficace coppia di interpreti fra cui spicca soprattutto Josh O’Connor, apparentemente inespressivo ma in realtà di forte intensità soprattutto nelle scene finali. Non credo che “God’s own country” passerà alla storia come il film con Heath Ledger e Jake Gyllenhaal, ma merita comunque una visione, è un esordio promettente, fra l’altro su una vicenda che sembra essere molto autobiografica per il regista. Purtroppo distribuito in poche copie, io l’ho visto al cinema Quattro fontane di Roma.

Voto 7/10

 

Josh O'Connor, Alec Secareanu

La terra di Dio (2017): Josh O'Connor, Alec Secareanu

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati