Espandi menu

cerca
Suburbicon

Regia di George Clooney vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 253
  • Post 162
  • Recensioni 3443
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Suburbicon

di alan smithee
5 stelle

locandina

Suburbicon (2017): locandina

VENEZIA 74 - CONCORSO 

Nella idilliaca cittadina di Suburbicon, a fine anni '50, l'ingresso in comunità di una famiglia di colore infiamma gli animi ed incita a comportamenti intolleranti che sfociano in sempre piu' sconsidetati episodi di violenza sempre più ostile ai danni dei nuovi arrivati. Grazie, anzi a causa di questi ultimi, impariamo a conoscere la famiglia che abita vicino a loro: il figlio decenne  Nicky Lodge e i genitori, più la zia, sorella gemella della madre inferma del piccolo. 

Una atmosfera sempre più strana caratterizza l'ambiente circostante, fino alla notte in cui Nicky viene svegliato bruscamente nel cuore della notte: qualcosa di molto grave sta avvenendo nella cucina di casa e dà quel momento per il ragazzo tutto è destinato a cambiare, nel segno del sangue e della violenza più efferata, che scorreranno a fiumi.

Matt Damon, Julianne Moore

Suburbicon (2017): Matt Damon, Julianne Moore

Matt Damon

Suburbicon (2017): Matt Damon

Da una sceneggiatura che sarebbe stata perfetta ad inizio anni '80, i Coen riprovano a tornare sui passi del loro fulminante esordio di Blood Simple.

Ma, forse per qualche senso di colpa, affidano ad un bravo diligente regista glamour come sa esserlo George Clooney, la responsabilità della trasposizione del loro script.

La storia noir-pulp si indovina dopo 10 minuti, ma non è certo quello il vero problema. 

Il tempo è passato e certe storie ad incastro perfetto appaiono inesorabilmente come dei déjà vu.

Julienne Moore inoltre inspiegabilmente si sdoppia un una ingenua e poco credibile versione mora e bionda senza un vero costrutto: molto meglio e più saggio trovarne una interprete che rendesse più opportuna e vtedibile la parte di una qualunque delle due sorelle. Senza tanto strafare inutile.

Attori funzionali, Damon sgradevole quanto basta, ma nel ruolo dello zio opulento, onesto ed ingenuo era d'obbligo riuscire a scritturare John Goodman.

Noah Jupe, Matt Damon

Suburbicon (2017): Noah Jupe, Matt Damon

La vicenda dell'intolleranza razzista mi pare strumentalizzata e presentata in modo sin troppo caricaturale ed agguerrito, smodato e con una escalation troppo semplificata per risultare plausibile.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati