Trama

Yvonne, ufficiale di polizia della Costa Azzurra, scopre che Santi, il suo defunto marito e capo della polizia locale, conduceva una doppia vita quando un criminale che sta interrogando riconosce il suo anello di nozze come parte del bottino di una rapina. La scoperta sconvolge la sua esistenza ma anche il collega Louis le consiglia di mantenere il segreto su colui che tutti reputavano un eroe. Nel frattempo, Antoine esce dal carcere dopo aver trascorso otto anni dietro le sbarre a causa di Santi. Anche se supportato da una moglie amorevole, Antoine non riesce a dimenticare l'ingiustizia subita. I tentativi di Yvonne di aiutare Antoine metteranno presto la poliziotta nei guai.

Approfondimento

PALLOTTOLE IN LIBERTÀ: RIMEDIARE A UN ERRORE

Diretto da Pierre Salvadori e sceneggiato dallo stesso con Benjamin Charbit a partire da un'idea originale di Benoît Graffin, Pallottole in libertà racconta la storia di Yvonne, detective di una città della Costa Azzurra e giovane vedova del capo della polizia Santi, da tutti considerato come una sorta di eroe locale. Ben presto, però, Yvonne si rende conto che il marito non è stato esattamente quel modello di virtù così idolatrato dal figlio e che un giovane di nome Antoine ha passato gli ultimi otto anni della sua vita in carcere come capri espiatorio di Antoine. La sua esistenza viene allora gettata nel caos: Yvonne vuole fare tutto il possibile, tranne raccontargli la verità, per aiutare l'affascinante Antoine a riprendersi la sua vita e sua moglie. Antoine, tuttavia, ha più di qualche difficoltà a riadattarsi alla libertà e ciò sarà la causa scatenante di una spettacolare sequenza di eventi.

Con la direzione della fotografia di Julien Poupard, le scenografie di Michel Barthélémy, i costumi di Virginie Montel e le musiche di Camille BazbazPallottole in libertà è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione al Festival di Cannes 2018 nella sezione Quinzaine des Rèalisateurs: "Per molto tempo ho pensato alla storia di un innocente hitchcockiano che, uscendo di prigione, decide di impegnarsi a commettere il crimine per il quale è stato ingiustamente condannato. Avevo in mente anche il genere: il thriller. Ho iniziato a scriverne la sceneggiatura, che sin dall'inizio ha avuto toni piuttosto leggeri ed era fin troppo incentrata sulla storia della rapina. Una conversazione casuale con mia madre ha ridato nuova linfa al progetto. "Sai che sono le madre che fanno i padri", mi ha detto. Ha poi aggiunto: "Ho sempre dipinto tuo madre come un po' più grande, gentile e forte di quello che forse era nella realtà". Le sue parole mi hanno colpito e le ho volute mescolare a ciò su cui stavo lavorando. Ne è così venuta fuori la vicenda di un innocente che esce di prigione e di una madre che tenta di raccontare al figlio che il padre poliziotto non era poi così onesto come lo dipingono. Per tale ragione, lo spettatore sin dall'inizio vede le sue aspettative sul thriller continuamente disilluse e capisce che il fulcro della vicenda sta altrove".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Pallottole in libertà è Pierre Salvadori, regista, attore e sceneggiatore francese. Nato nel 1964 in Tunisia da genitori corsi, Salvadori si è trasferito a Parigi da bambino e dopo gli sudi liceali ha seguito di corsi di cinema a Censier e quelli di recitazione teatrale tenuti da Jacqueline Chabrier.… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2018
2018
locandina
Foto
Pio Marmaï, Adèle Haenel
Foto
Adèle Haenel
Foto
Adèle Haenel, Pio Marmaï
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito