Tre manifesti a Ebbing, Missouri

  • Three Billboards Outside Ebbing, Missouri

  • USA,
  • Genere: Giallo
  • durata 115'
play

Regia di Martin McDonagh

Con Frances McDormand, Woody Harrelson, Sam Rockwell, Abbie Cornish, Peter Dinklage, John Hawkes, Lucas Hedges, Caleb Landry Jones... Vedi cast completo

altre VISIONI

Trama

Dopo mesi trascorsi senza trovare il colpevole dell'omicidio di sua figlia, Mildred Haynes fa una mossa audace, realizzando tre manifesti che sembrano un controverso messaggio diretto a William Willoughby, il venerato capo della polizia della sua città. Quando nel caso viene coinvolto anche Dixon, vice del capo della polizia immaturo e con un debole per la violenza, lo scontro tra Mildred e William sull'applicazione delle leggi diventerà sempre più duro.

Approfondimento

TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI: LA SFIDA DI UNA MADRE

Diretto e sceneggiato da Martin McDonagh, Tre manifesti a Ebbing, Missouri racconta la storia di Mildred Hayes che, diversi mesi dopo l'efferato omicidio della figlia e del mancato arresto del responsabile, decide di rompere il silenzio, comprando tre cartelloni stradali (che generalmente indicano la direzione verso la propria cittadina) per scrivere un messaggio polemico nei confronti di William Willoughby, lo stimato capo della polizia locale. La situazione si complica, però, quando l'agente Dixon, un ragazzo immaturo e viziato, si intromette fra Mildred e le forze dell´ordine di Ebbing, portando a conseguenze inattese.

Con la direzione della fotografia di Ben Davis, le scenografie di Inbal Weinberg, i costumi di Melissa Toth e le musiche di Carter Burwell, Tre manifesti a Ebbing, Missouri è una dark comedy che esplora la provincia americana attraverso le vicissitudini di una donna esasperata dall'omicidio insoluto della giovanissima figlia Angela (stuprata, uccisa e bruciata). Tutto ha inizio quando Mildred affitta da un pubblicitario locale i tre cartelloni per un messaggio "promozionale" sui generis dando il via a una resa dei conti che ha il sapore del moderno western. La figura di Mildred è infatti ispirata a modelli più maschili che femminili, come ricorda lo stesso regista: "Da come cammina e da come si comporta, Mildred assomiglia a John Wayneo all'uomo misterioso della tradizione degli spaghetti western, il pistolero che arriva al centro della strada con le pistole in mano e che lascia tutti senza parole. A differenza di costui, Mildred non ha alcuna pistola: è armata solo della sua intelligenza, di una lingua tagliente e di una molotov. Mildred è poi il primo personaggio femminile che concepisco come protagonista di un film e forse è anche il personaggio più implacabile che abbia mai creato, una donna che soffre e che senza rimorsi decide di mettere alla prova tutta la sua città.

Al centro di Tre manifesti a Ebbing, Missouri vi è il conflitto tra Mildred e il capo della polizia. Si tratta di una guerra fra due persone, entrambe seppur in maniera diversa dal lato della ragione. Le loro tensioni nascono da una rabbia che non riesce a essere placata e aumentano nel corso del film mentre la storia si addentra nei concetti di divisione, rabbia e regolamento di conti. Cosa succede quando si è giunti allo stremo della disperazione e della rabbia? Cosa si può fare, sia di costruttivo che di distruttivo, per scuotere la situazione? Questa è un'idea interessante da esplorare: cosa succede quando cerchi la speranza in una situazione disperata? Credo che sia questo il motivo per cui questo film è così diverso dagli altri noir. Sulla storia aleggia costantemente un dubbio: e se non ci fosse una soluzione al crimine che ha tolto la vita alla figlia di Mildred? La vicenda della figlia di Mildred è triste e terribile. Tuttavia, ho avvertito la necessita di non rinunciare alla commedia".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Tre manifesti a Ebbing, Missouri è lo scrittore, regista e produttore inglese Martin McDonagh. Nato nel 1970 in Inghilterra da genitori irlandesi, McDonagh è soprattutto un commediografo teatrale. I suoi lavori sono stati tutti presentati sia a West End sia a Broadway, esportati in oltre 40 paesi e… Vedi tutto

Commenti (22) vedi tutti

  • È un superpotere essere vulnerabili, ma ben pochi se ne accorgono, specialmente quando la marea monta e trascina in tutt'altra direzione. Il messaggio lascerà il segno, sia nel film che nello spettatore.

    leggi la recensione completa di andenko
  • Bello, bei personaggi, bel film. Richiama un po' i fratelli Coen più cupi. Rockwell vince un meritato oscar ma ha fatto di meglio

    commento di il drugo
  • L'odio e la cattiveria impregnano il film in ogni grado e sfaccettatura, ma dietro alla tumefazione del male s'intrufola in silenzio la voglia di bene.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • La battaglia di una madre disperata, arrabbiata, ma coraggiosa per ottenere giustizia in seguito alla crudele uccisione della figlia, stuprata e bruciata viva, nel profondo Missouri.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Una sceneggiatura perfetta che riesce nel contempo a interessare lo spettatore alla ricerca del colpevole dell’odioso crimine, divertirlo con il suo umorismo nero e tagliente, commuoverlo con l’empatia verso l'umanità dei suoi personaggi, sconvolgerlo con terrificanti esplosioni di violenza, farlo riflettere sulla società e sulla natura umana.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Niente da dire ....Chapeau....La McDormand mostruosamente brava

    commento di ripley2001
  • Un film eccezionale, egregiamente diretto e interpretato, di intensità emotiva rara, autentica e frastornante, perlustratore dell'animo umano.

    commento di kotrab
  • Uno splendido film amaro,doloroso, a tratti surreale e di un umorismo intinto nel fiele. Magistralmente scritto, diretto ed interpretato. I comportamenti umani, ci ricorda McDonagh, sono spesso crudeli ed insensati, ma qualche barlume di speranza a volte spezza le tenebre della disperazione.

    commento di woodyforever
  • Il film perfetto del regista Martin McDonagh. Brutale, sarcastico, commovente.

    leggi la recensione completa di siro17
  • .. per essere un buon detective ci vuole una sola cosa: l'amore...

    leggi la recensione completa di champagne1
  • si parte con i tratti dei personaggi tipici dell'america profonda, con le loro vite minime che necessariamente amplificano ogni dramma personale, ma è chiaro che qualcosa di dirompente sta per succedere, che il tessuto narrativo convenzionale verrà rotto, sviluppandosi in modo estremo, ed è questo il merito maggiore del regista-sceneggiatore

    commento di carloz5
  • McDonagh in crescendo, film dopo film (3 nell'arco di 9 anni). adotta un linguaggio che sta tra Tarantino e i Coen, ma sempre più personale. da antologia della scrittura le lettere che lascia il capo Willoughby. fantastici gli attori, McDormand e Rockwell su tutti.

    commento di giovenosta
  • Pronto per gli Oscar, dopo i molti e quasi unanimi apprezzamenti della critica e del pubblico.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri vive della qualità dei dialoghi e del tono di profondo irrealismo di cui quest'ultimi intridono la pellicola.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Versare della panna acida sul cuore di qualcuno e camminarci sopra. Questa è la sensazione spiazzante lasciata da questo splendido oggetto, definito film . Imperdibile , davvero.

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Mai visto tanta gente in sala dai tempi di Zalone e non si spiega! Un film da dimenticare, inutilmente violento e sboccato, dialoghi da western, sceneggiatura altamente improbabile che si regge su un cast ottimo si, ma troppo macchiettistico...insomma, quasi quasi era preferibile un buon Bud Spencer d'annata. Voto: 3.....su 10

    commento di gighi
  • Giunto al terzo lungometraggio, Martin McDonagh ha trovato la quadratura del cerchio. Si addentra con sicurezza nel solco di un'ironia nera come la pece e lancia una distesa sconfinata di dialoghi lussureggianti, ma anche il plot ha tutte le motivazioni del caso, affondando le radici nell'abulia della desolata provincia americana. Una leccornia.

    leggi la recensione completa di supadany
  • W l'America!

    commento di Marsil_Claritz
  • Un film cattivo, tanto cattivo, dove il sarcasmo la fa da padrona e le battute acide fanno ridere non solo sanamente ma anche con soddisfatta malizia. Si sogghigna con perfidia insomma, lasciando la bocca buona e con la voglia di ricominciare a vederlo. E quando un film lascia queste sensazioni vuol dire che ha fatto centro.

    leggi la recensione completa di michemar
  • L'affissione di una madre pietrificata dal dolore per la morte della figlia, violentata e uccisa mesi prima, accusa l'inefficienza del metodo investigativo. Sarcastica descrizione “varietale” degli abitanti di questa provincia americana, fotografata benissimo sia negli interni (commissariato) che fuori. Magnifica la McDormand, ottimo Rockwell.

    commento di Leo Maltin
  • Qua siamo a livelli altissimi... stupendo.

    commento di Johncoffee
  • Una storia forte e ottimamente confezionata, in linea con il clima da profondo sud di un’America che è sempre ferma lì, al negro sporco e cattivo da torturare, allo stupro facile di ragazzotte imprudenti che passano sole di sera su strade solitarie, a stazioni di polizia da cui è meglio girare alla larga.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
9 stelle

Venezia 74 – Concorso ufficiale. Una madre è disposta a tutto pur di offrire il meglio ai propri figli, ma può andare anche oltre quando si tratta di cercare giustizia per l’assassinio di uno di loro. In una circostanza del genere, c’è chi si lascia andare allo sconforto e chi - pur soffrendo un dolore lacerante - acquisisce una forza d’animo tale da… leggi tutto

30 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

karugnin di karugnin
6 stelle

L’inizio è vera folgorazione, come poche volte accade. Ci ripenserai alla fine, con sincero rimpianto, quando, interdetto, te ne rimarrai lì con quell’amaro in bocca. Ma andiamo per ordine. Quasi nemmeno il tempo di trovare la posizione in poltrona e sei già nella pelle di Mildred, il gelido dolore dentro, la tiepida puzza di Ebbing fuori. McDonagh non usa… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
3 stelle

Una donna affitta tre cartelloni pubblicitari per chiedere allo sceriffo locale di trovare i colpevoli dello stupro e dell'omicidio di sua figlia. I manifesti causano scalpore in città, ma ancora di più lo farà il suicidio dello sceriffo, che era peraltro malato terminale di cancro.   Stamattina sono andato in Comune all’Ufficio Affissioni e ho preso tre… leggi tutto

2 recensioni negative

Recensione

kubritch di kubritch
2 stelle

Non si capisce se trattasi di commedia o di film drammatico. Sbanda da una parte all'altra. La solita storia della vergine in pasto al minotauro emblema e capoespiatorio di un sistema sociale a giustificazione di un senso della giustizia fai-da-te. Guardate bene come funziona la mente contorta deI nordamericani e di tutti quelli che ammirano questo filmaccio con velleità pseudo-autoriali…

leggi tutto
Recensione
Disponibile dal 16 maggio 2018 in Dvd a 16,99€
Acquista
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 16 voti
vedi tutti

Recensione

andenko di andenko
9 stelle

In una sua recente canzone, Vasco Brondi alias Le luci della centrale elettrica ci rivela che "è un superpotere essere vulnerabili". Che sia questa la cifra per afferrare la potenza di Tre manifesti a Ebbing, Missouri? Le tre lettere che lo sceriffo scrive a tre persone speciali suonano come il contrappasso ai tre manifesti appesi dalla madre disperata e contengono la lucida…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 52 voti
vedi tutti

Recensione

Eric Draven di Eric Draven
6 stelle

  Ebbene, oggi voglio parlarvi di uno dei film dell’anno, un film che ha fatto sfracelli quando è stato presentato in Concorso alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia e i cui apprezzamenti sono ascesi così tanto da fargli guadagnare numerose nomination all’Oscar. Il pubblico n’è andato matto, la Critica, come detto, l’ha incensato…

leggi tutto

Recensione

omero sala di omero sala
8 stelle

    A Ebbing, Missouri, un piccolo centro rurale sperduto nella pancia dell’America, viene stuprata e uccisa una minorenne di nome Angela. A sette mesi dall’orrido delitto non sono ancora stati individuati i colpevoli. Mildred Hayes (Frances McDormand), la ruvida madre di Angela, decide di affrontare l’inefficienza della polizia affittando tre cartelloni…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Oscar 2018: I premi

Oscar 2018: I premi

La 90ª edizione degli Academy Awards è finalmente arrivata. La lunga notte in diretta dal Dolby Theatre di Los Angeles coincide per uno… segue

Post
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 64 voti
vedi tutti

Recensione

IlGranCinematografo di IlGranCinematografo
9 stelle

  Arrivato alla terza regia e sceneggiatura per il cinema, Martin McDonagh scatta l'acidissima fotografia di un'America stremata dal suo stesso rancore al punto da sentirsi di dover vomitare una volta per tutte razzismi e violenze in cambio di un bagno ristoratore nella gentilezza. La redenzione di quest'America s'incarna in due figure di titanica stazza tragica: da un lato una donna…

leggi tutto

Recensione

port cros di port cros
9 stelle

La apparentemente sonnacchiosa cittadina di Ebbing, persa nelle campagne del Missouri, si sveglia una mattina scossa da un deflagrante atto d’accusa, squadernato su tre manifesti finora abbandonati posti all’accesso del paese: è l’inizio della guerra di Mildred, una donna energica e determinata, contro la polizia locale, che non è stata in grado di far luce sul…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2017
2017

Recensione

supadany di supadany
9 stelle

Venezia 74 – Concorso ufficiale. Una madre è disposta a tutto pur di offrire il meglio ai propri figli, ma può andare anche oltre quando si tratta di cercare giustizia per l’assassinio di uno di loro. In una circostanza del genere, c’è chi si lascia andare allo sconforto e chi - pur soffrendo un dolore lacerante - acquisisce una forza d’animo tale da…

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015

Visti

leto di leto

Scrivi un testo introduttivo (potrai sempre editarlo in seguito)

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito