Espandi menu

cerca
Jumanji: Benvenuti nella giungla

Regia di Jake Kasdan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

nickoftime

nickoftime

Iscritto dal 15 novembre 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 73
  • Post 17
  • Recensioni 1028
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Jumanji: Benvenuti nella giungla

di nickoftime
6 stelle

Nel considerare gli elementi che rendono “Jumanji - Benvenuti nella giungla” un prodotto di pura fantasia non tragga in inganno le particolarità della trama, e cioè il meccanismo del gioco che da il titolo al film. Come già sa chi ha visto il lungometraggio di Joe Johnston di cui quello diretto da Jack Kasdan è il sequel, Jumani è il gioco che proietta i partecipanti in una giungla popolata da misteriose  e letali creature. Nella necessità di aggiornare la confezione del prodotto, Kasdan sostituisce il gioco da tavola con l’omonimo video game che all’inizio della storia risucchia i nostri in una foresta delle meraviglie dove i ragazzi, oltre alla fauna locale , devono vedersela contro gli sgherri del cattivo che vorrebbe impedirgli di venire in possesso del gioiello necessario a farli ritornare a casa. Ma la vera novità di “Jumanji - Benvenuti nella giungla” è quella che riguarda i personaggi. Capita infatti che gli stessi, nel passaggio dalla realtà quotidiana a quella virtuale, siano chiamati all’avventura utilizzando gli avatarfornitegli dal gioco e quindi con corpi diversi da quelli abituali. Se, come accade, il divertimento deriva dalla difficoltà dei personaggi di adeguarsi a una trasformazione che regala loro un fisico e dei carismi opposti a quelli di sempre, al punto che i due nerd del gruppo si ritrovano ad avere la silhouette e le possibilità di Rambo (interpretato da “The Rock”) e Lara Croft, a fare la differenza in termini di immaginazione è, paradossalmente, la rappresentazione della condizione giovanile. Coevo di una serie come “Tredici”, in grado negli Stati Uniti di scatenare polemiche e dibatti per il realismo con il quale viene analizzata il dramma del bullismo e, più in generale, le disfunzioni proprie della fase adolescenziale, “Jumanij” va in direzione opposta. Kasdan infatti non esenta i suoi liceali da ansie e dolori ma utilizza il malessere dei suoi in maniera ludica e divertita, non mettendo mai in discussione la certezza che a tutto si possa mettere rimedio. Chi non lo avesse fatto, provi a guardare la fiction in questione e poi consideri se, paradossalmente, non sia proprio questa visione del mondo a dare al film il contributo maggiore in termini di trasfigurazione della nostra contemporaneità. Ideale per le feste natalizie.

(icinemaniaci.blogspot.com)

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati