Espandi menu
cerca
Rosemary's Baby

Regia di Roman Polanski vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lina

Lina

Iscritto dal 28 ottobre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 111
  • Post 8
  • Recensioni 1059
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Rosemary's Baby

di Lina
6 stelle

Horror oggettivamente buono e stilisticamente ben studiato, ma personalmente ritengo che la storia sia davvero di cattivo gusto, con dei risvolti amari e crudeli che non ho gradito (e per dirla tutta non mi piacciono le tematiche che hanno a che fare con satanismo e simili). 

Polanski, che ha da sempre una predilezione per il mondo dell'occulto e per le tematiche sataniche, ha reso questa sua opera angosciante e morbosa ottenendo l'approvazione da parte del pubblico e della critica che lo ha definito uno dei suoi più grandi capolavori (se non il più grande). La tensione c'è e si lascia sentire in ogni momento, ma è fortemente psicologica e quasi mai visiva (perciò per evitare di sentirsi annoiati o contrariati, si astengano dalla visione tutti i patiti di quell'horror grafico e stereotipato fatto di mostri, splatter, effetti speciali a go-go, apparizioni paranormali, ambientazioni tetre e spaventose in cui avvengono esplorazioni misteriose e solitarie sovrastate da un inquietante silenzio che annuncia che qualcosa di orribile stia per succedere da un momento all'altro ecc.) i personaggi sono tutti ben caratterizzati (soprattutto la dolce ed ingenua Rosemary) e la storia rapisce, intriga, ipnotizza nell'illustrare due punti di vista interessanti, ma molto diversi, che fanno anche riflettere molto: quello di una madre disposta a tutto per il figlio che sa di amare incondizionatamente qualunque cosa sia o possa diventare (del resto, lo stereotipo dell'amore genitoriale estremo fa sempre effetto e quindi anche in questo caso colpisce nel segno) e quello di un uomo che in preda alla mania del raggiungimento del successo professionale, sarebbe probabilmente disposto perfino a vendersi l'anima al diavolo, solo che alla fine invece, per veder soddisfatto il proprio ego, vende l'anima di suo figlio. Il nascituro dunque diviene grazie a dei trattamenti specifici, il figlio del demonio... e naturalmente la madre biologica, Rosemary, anche se combattuta tra shock, ribrezzo e terrore, non lo rifiuterà neanche allora e non rinuncerà a crescerlo. Interessanti soprattutto si rivelano proprio i profili psicologici di Rosemary e di suo marito il quale si trasformerà in un mostro ed indimenticabili ed agghiaccianti si rivelano la scena dello stupro di lei fra probabile sogno e realtà e tutte le sequenze che hanno per soggetto accenni, riferimenti e rituali satanici (scena finale compresa che secondo me è la più raccapricciante di tutte).

Una piccola, grande chicca del genere questa, adatta ad un pubblico certamente non allergico alle tematiche occulte e sataniche.

 

Roman Polanski

 

Ha fatto un buon lavoro.

 

John Cassavetes

 

Bravo.

 

Mia Farrow

 

Perfetta per la parte.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati