Espandi menu
cerca
Black Tide

Regia di Erick Zonca vedi scheda film

Recensioni

L'autore

leporello

leporello

Iscritto dal 18 dicembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 34
  • Post 5
  • Recensioni 501
  • Playlist 9
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Black Tide

di leporello
7 stelle

Un Vincent Cassel che definire sorprendente è poco, ispettore di polizia (anzi no: dal 1995 in Francia si chiamano “comandanti”) dinocolato, sbevazzone, perennemente dentro il suo cappottone  come fosse Colombo (coi suoi radi e sudaticci capelli appiccicati in testa ha dato vita e corpo a un vero e proprio personaggio che potrebbe tranquillamente diventare seriale), sulla cui scia prende velocità anche un ottimo Romain Duris, un professore  schizzato, appuntito e a sua volta non meno border line dell’altro, sono già elementi sufficienti per apprezzare questo “Fleuve Noir”.
La storia è un classico giallo, niente di sorprendente, e la regia non fa altro che il suo semplice dovere. Piuttosto, spero a causa di tagli voluti da chissà quale autorità con potere decisionale (di solito sono le distribuzioni), vi si trovano evidenti difetti attribuibili al montaggio (il comandante Visconti passa da un cazziatone al caffè col figlio ad una visita a domicilio in un batter di ciack, senza nessun respiro in mezzo), ed anche la sceneggiatura, con mezza stazione di polizia indaffarata a pieno organico nella ricerca di un adolescente scomparso (difficilmente accadrebbe nella realtà) ha le sue pecche.
Ma il modo di camminare, di guardare, di rincorrere ogni pista sempre col fiatone perennemente a rischio di infarto, la figura di questo comandante Visconti che si fa offrire da bere (e bere forte) da chiunque, ben temperata anche dalla storia collaterale del figlio piccolo spacciatore e della “sbandata” con la testimone chiave davvero meritano considerazione.
Detto da uno al quale, peraltro, Vincent Cassel non è mai stato simpatico.

Un Vincent Cassel che definire sorprendente è poco, ispettore di polizia (anzi no: dal 1995 in Francia si chiamano “comandanti”) dinocolato, sbevazzone, perennemente dentro il suo cappottone  come fosse Colombo (coi suoi radi e sudaticci capelli appiccicati in testa ha dato vita e corpo a un vero e proprio personaggio che potrebbe tranquillamente diventare seriale), sulla cui scia prende velocità anche un ottimo Romain Duris, un professore  schizzato, appuntito e a sua volta non meno border line dell’altro, sono già elementi sufficienti per apprezzare questo “Fleuve Noir”.
La storia è un classico giallo, niente di sorprendente, e la regia non fa altro che il suo semplice dovere. Piuttosto, spero a causa di tagli voluti da chissà quale autorità con potere decisionale (di solito sono le distribuzioni), vi si trovano evidenti difetti attribuibili al montaggio (il comandante Visconti passa da un cazziatone al caffè col figlio ad una visita a domicilio in un batter di ciack, senza nessun respiro in mezzo), ed anche la sceneggiatura, con mezza stazione di polizia indaffarata a pieno organico nella ricerca di un adolescente scomparso (difficilmente accadrebbe nella realtà) ha le sue pecche.
Ma il modo di camminare, di guardare, di rincorrere ogni pista sempre col fiatone perennemente a rischio di infarto, la figura di questo comandante Visconti che si fa offrire da bere (e bere forte) da chiunque, ben temperata anche dalla storia collaterale del figlio piccolo spacciatore e della “sbandata” con la testimone chiave davvero meritano considerazione.
Detto da uno al quale, peraltro, Vincent Cassel non è mai stato simpatico.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati