Espandi menu
cerca
Future World

Regia di James Franco, Bruce Thierry Cheung vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 383
  • Post 189
  • Recensioni 5730
  • Playlist 115
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Future World

di supadany
2 stelle

Per quanto un film possa essere mal architettato e sviluppato, arriverà sempre qualcuno in grado di produrre risultati ancora peggiori, di farti ricredere individuando un punto più basso rispetto ai precedenti noti.

Un titolo per nulla invidiabile, che può tranquillamente essere appiccicato a Future world, una pellicola che, pescando da sorgenti prese costantemente d’assalto, riesce nell’ardua impresa di sbaragliare la concorrenza, inanellando una sequela incredibile di scelte assurde, vuoti d’aria e disattenzioni imperdonabili.

In un futuro non meglio precisato, nel quale la razza umana è ormai ridotta ai minimi termini, il giovane Prince (Jeff Wahlberg, il nipote di Mark Wahlberg) esce dal riparo dell’area in cui sopravvive la sua comunità per scovare una fantomatica cura che salvi sua madre Queen (Lucy LiuKill Bill: Volume 1) da morte certa.

Sulla sua strada dovrà vedersela con il subdolo Warlord (James Franco - The disaster artist) che, a capo di un gruppo di predoni, terrorizza e stermina chiunque incontri, sfruttando la forza di Ash (Suki WaterhouseThe bad batch), un cyborg che comanda tramite un dispositivo elettronico.

A sorpresa, Prince troverà proprio in Ash una valida spalla per poter contrastare Warlord e fronteggiare chi, come Drug Lord (Milla JovovichResident Evil), potrebbe fornirgli delle risposte utili ma non ha intenzione di collaborare.

 

Suki Waterhouse, Jeffrey Wahlberg

Future World (2018): Suki Waterhouse, Jeffrey Wahlberg

 

Realizzato a quattro mani da James Franco e Bruce Thierry Cheung, Future world riversa per l’ennesima volta le inquietanti prospettive di uno scenario post apocalittico, che pone la parola fine sullo sviluppo esponenziale dell’umanità vaticinando un’ecatombe con pochi superstiti in lotta per la sopravvivenza, la fine di ogni forma di benessere, l’entrata in vigore della legge del più forte e la conservazione di alcune oasi così come di sporadici luoghi di perdizione decisamente mal frequentati.

La spina dorsale è costituita da una fotografia derivativa (vedi da Interceptor in giù), spostamenti telefonati e punti di approdo parziali che vengono di volta in volta raggiunti arrancando paurosamente.

In più, le tematiche sono di riporto e non smuovono di una virgola la qualità della transizione anzi, quando – a singhiozzo - tenta di concepire e successivamente elaborare ragionamenti più elevati e complessi, di approfondire il respiro, casca immediatamente nel precipizio dell’aleatorietà, finendo solo per combinare disastri, per piazzare pezze che – alla resa dei conti – risultano essere finanche peggiori dei buchi stessi.

Anche nella più semplice articolazione dei movimenti, Future world non imbrocca una sola intuizione che valga la pena riportare o commentare, di estrarre dalla poltiglia, nemmeno rovistando tra le maglie della fantascienza e dell’azione, che occupano una parte significativa degli spazi.

Infine, anche gli interpreti sono straniti e stranianti, tra i viscidi sorrisi dispensati da James Franco, l’irruzione destabilizzante ex abrupto di Milla Jovovich, un protagonista insipido qual è Jeff Wahlberg e Suki Waterhouse che, nei panni di un cyborg, non può certo sprizzare empatia da tutti i pori.

 

James Franco, Suki Waterhouse

Future World (2018): James Franco, Suki Waterhouse

 

Con buona pace dell’improvvido spettatore, Future world non possiede mezza dote che gli consenta di difendersi. È un b-movie pensato, diretto e interpretato senza un brandello di passione, svuotato di ogni qualsivoglia forma di interesse, che al più abbozza situazioni e considerazioni sparpagliate tra la violenza e il dolore, il deserto e grumi di umanità, divisioni in fazioni e unità d’intenti, il declino della civiltà e le ultime macchine evolute, limitandosi a unire i puntini imbastendo iniziative maldestre, anonime e spuntate.

Sbrigativo e faticoso da seguire nonostante non raggiunga nemmeno i novanta minuti di durata, in poche parole, semplicemente disastroso.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati