Trama

Chloé è una giovane donna fragile e depressa che entra in psicoterapia e si innamora del suo analista, Paul. Qualche mese più tardi, i due vanno a vivere insieme ma lei scopre che il suo amante le ha nascosto un lato della sua identità.

Approfondimento

DOPPIO AMORE: LE VITE DEI GEMELLI

Diretto da François Ozon e sceneggiato dallo stesso con la consulenza di Philippe Piazzo, Doppio amore si ispira liberamente al romanzo Lives of the Twins di Joyce Carol Oates per raccontare la storia di Chloé, una giovane e fragile donna che in preda alla depressione e a strani dolori addominali si sottopone a sedute di psicoterapia prima di innamorarsi del suo psichiatra Paul. Diversi mesi dopo, Chloé e Paul vanno a vivere insieme ma ben presto la giovane scopre come il suo innamorato le stia nascondendo una parte fondamentale della sua identità.

Con la direzione della fotografia di Manu Dacosse, le scenografie di Sylvie Olivé, i costumi di Pascaline Chavanne e le musiche di Philippe RombiDoppio amore è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2017, occasione durante la quale il regista ha ampiamente parlato del suo lavoro: "Ho sempre ammirato Joyce Carol Oates per il suo stile e per come affronta dettagliatamente questioni psicologiche, personaggi complessi e storie altrettanto complicate. Il fatto poi che la scrittrice sia una grafomane è poi un ulteriore dettaglio che mi ha sempre affascinato. Quando ho scoperto che ha scritto diverse storie con lo pseudonimo di Rosamond Smith, mi sono subito interessato a questi suoi romanzi considerati "minori" ed è così che ho reperito Lives of the Twins, "Le vite dei gemelli". Ne ho mantenuto allora la premessa: una donna scopre che il suo psichiatra, divenuto il suo uomo, ha un fratello gemello anch'egli terapista. La Oates racconta la vicenda in maniera molto realistica mentre io ho preferito, adattandola, concentrarmi sugli aspetti psicologici, ambientare la storia in Francia e aggiungere una rivelazione medica sul finale. Il film che ne ho tratto, però, continua a esplorare ancora i soggetti cari alla scrittrice america: le nevrosi, il sesso e le personalità doppie.

Ho voluto inoltre trattare il tema dei gemelli come qualcosa di affascinante, mostruoso e artistico. Del resto, ho fatto sì che la protagonista Chloé lavorasse in un museo e fosse circondata da opere d'arte, che in qualche modo riflettono non solo il suo piacere per tutto ciò che è estetico ma anche i suoi tormenti interiori. Ovviamente, ho pensato a Inseparabili di Cronenberg: ho il sospetto che la scrittrice abbia visto il film prima di scrivere il romanzo. Mentre Cronenberg racconta la storia dal punto di vista dei gemelli, la Oates adotta quello della giovane donna che finisce nella loro rete. Per me è stato fondamentale mettere Chloé al centro della storia, mostrare la sua pancia con i suoi gonfiori e i suoi dolori, ed illustrare la sua confusione tra una gravidanza precoce e un feto parassita.

Da tempo, desideravo cogliere l'essenza di una seduta psicoanalitica, qualcosa che permette di entrare nelle vite altrui e osservarle da una posizione privilegiata. Non volevo farne la classica rappresentazione che si è soliti mettere in scena: due persone sedute in maniera statica che parlano entro codici prestabiliti. Volevo fare qualcosa di più fluido e coinvolgente, qualcosa che ricorrendo anche agli effetti speciali non appare chiaro alla prima visione ma che diventa di facile comprensione a una seconda: la prima volta che si vede il film non ci si sofferma al dialogo che Chloé tiene durante le prime sedute, successivamente invece ci si rende conto che durante queste viene detto tutto.

Louis, il gemello di Paul, può essere visto come una sorta di avatar che permette a Chloé di vivere i desideri e le fantasie che si priva di condividere con Paul. In ogni relazione, anche nella più felice, c'è sempre un qualche elemento di frustrazione e si necessita di uno spazio mentale in cui esprimere se stessi e ciò che si reprime.

Per il ruolo di Chloé ho voluto dirigere nuovamente Marine Vacht, con cui avevo già lavorato in Giovane e bella, mentre Paul e Luis hanno il volto di Jérémie Renier, con cui ho già girato Amanti criminali e Potiche - La bella statuina. Ho circondato i due con tre donne che possono essere viste come figure materne: Myriam Boyer, la vicina di Chloé, può essere considerata come una madre invasiva e vagamente grottesca, una sorta di strega con il suo gatto imbalsamato; Jacqueline Bisset è invece la vera madre di Chloé, quella madre assente che la giovane cita già dalle prime sessioni con il suo analista e che nel suo mondo di fantasia diviene un'infermiera/carceriera per la figlia costretta a casa; Dominique Reymond è infine la madre medica, colei che fornisce a Chloé notizie sulle sue condizioni senza alcun tipo di particolare trasporto.

Per il finale della storia, m'è venuta incontro la scienza con le sue scoperte. Mentre facevo ricerche sui gemelli, ho scoperto l'esistenza dei gemelli parassiti, che mi ha mostrato come la natura possa essere più fantasiosa e al tempo stesso mostruosa di qualsiasi scrittore. Da ciò, arriva la conclusione finale, la rivelazione che lascia Chloé con un gran vuoto dentro".

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (2) vedi tutti

  • Una donna bellissima ed insicura finisce per diventare il prezioso oggetto del contendere di due antitetiche e controverse personalità di identiche fattezze fisiche. Ozon è consapevole quanto sia allettante, ma anche pericoloso l'argomento, e dirige un thriller erotico troppo estetizzante in cui manca ironia e vitalità. Una occasione buttata al vento.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • anche Ozon di cimenta in un film che tratta del "doppio". dopo un inizio interessante. ne viene fuori un film che via via si sfalda e pasticcia troppo. decisamente non la migliore opera del regista francese. "Enemy" di Villeneuve e "Inseparabili" di Cronenberg rimangono ad anni luce.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

maurri 63 di maurri 63
7 stelle

CANNES 70 - CONCORSO UFFICIALE Ancora Francoise Ozon. Ancora il cinema francese.  Il regista del pluricitato "Potiche", in verita', porta a casa un discreto colpo, nonostante il dissenso (pur se contenuto) alla fine della proiezione.  I temi sono, in realta' quelli di sempre, cari al cineasta parigino: l'incontro tra due anime che cercano disperatamente la propria identita'. SE,… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Leo Maltin di Leo Maltin
6 stelle

Visto in lingua originale con sottotitoli I credits iniziali c’informano che si tratta di un libero adattamento del romanzo “Vite dei gemelli” della scrittrice Joyce Carol Oates. La storia della 25enne Chloé – una sensuale e bravissima Marine Vacth (in versione Jeanne d'Arc, nelle fattezze riunisce le precedenti apparse sullo schermo) – sembra uno dei… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

CANNES ’70 - CONCORSO Prima inquadratura: un tuffo ginecologico all'interno di una vagina, per ottenere poco dopo un responso medico puntuale ed approfondito. Chloé è una bellissima venticinquenne impiegata presso una frequentata galleria d’arte parigina, che accusa malesseri fisici di probabile origine psicosomatica: la propria ginecologa pertanto - dopo la visita… leggi tutto

1 recensioni negative

Recensione

Leo Maltin di Leo Maltin
6 stelle

Visto in lingua originale con sottotitoli I credits iniziali c’informano che si tratta di un libero adattamento del romanzo “Vite dei gemelli” della scrittrice Joyce Carol Oates. La storia della 25enne Chloé – una sensuale e bravissima Marine Vacth (in versione Jeanne d'Arc, nelle fattezze riunisce le precedenti apparse sullo schermo) – sembra uno dei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane il 16 aprile 2018
locandina
Foto
Il meglio del 2017
2017

Recensione

maurri 63 di maurri 63
7 stelle

CANNES 70 - CONCORSO UFFICIALE Ancora Francoise Ozon. Ancora il cinema francese.  Il regista del pluricitato "Potiche", in verita', porta a casa un discreto colpo, nonostante il dissenso (pur se contenuto) alla fine della proiezione.  I temi sono, in realta' quelli di sempre, cari al cineasta parigino: l'incontro tra due anime che cercano disperatamente la propria identita'. SE,…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito