Espandi menu

cerca
L'ora più buia

Regia di Joe Wright vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 162
  • Post 5
  • Recensioni 697
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su L'ora più buia

di bufera
7 stelle

Maggio 1940. Racconto di stampo teatrale della difficoltà da parte del Primo Ministro Winston Churchill nel decidere per il bene della nazione o un negoziato di pace con Hitler, perdendo la libertà, o resistere combattendo fino in fondo dovunque.

locandina

L'ora più buia (2017): locandina

 

L'ORA PIU' BUIA (2017) è  un film che abbraccia, nella narrazione, un solo mese di tempo, dal 1°al 31 maggio del 1940, nel momento cruciale in cui il nazismo dilaga in tutta Europa e la possibilità che possa invadere la Gran Bretagna non è poi così remota.  Joe Wright racconta, in un impianto teatrale, le tribolazioni e i dubbi che affliggono i componenti il Governo. Il Primo Ministro Chamberlain si dimette, il ministro degli Esteri Halifax non ha il coraggio di assumere la guida del paese e infine il re Giorgio VI,anche se un po' scettico, chiama Winston Churchill a formare un nuovo governo.             

 

Quest'uomo, di nobili origini, molto vicino alla famiglia reale, un po'stravagante, politico, storico, ottimo scrittore ( futuro premio Nobel )  e ottimo statista, con un sigaro sempre in bocca e, a portata di mano, un bicchiere di whisky, accetta, pur se contestato dagli altri politici. Con una volontà ferrea e un senso della patria che illuminerà questo momento, è inizialmente torturato dal dubbio sulla scelta da farsi, se negoziare con Hitler una pace a spese degli inglesi o resistere fino in fondo rischiando tutto pur di non vedere una bandiera con la svastica su Buckhingam Palace. Egli è sostenuto dall'opinione pubblica raccolta quando dialoga con le persone che viaggiano in metropolitana e che tutte rispondono con un drastico NEVER  all'eventualità di un dominio nazista, e da tutte le persone che gli sono vicine, specie la moglie Clementine (Kristine Scott Thomas) la classica grande donna che è sempre dietro a un grande uomo.

 

Si arriva così all'operazione Dynamo che riesce  a portare a Calais i trecentomila soldati inglesi accerchiati e bombardati dai tedeschi, sulla spiaggia di Dunkerque ad opera di tutte le imbarcazioni possibili per lo più private.....

 

Churchill ha il volto di un grandissimo Gary Oldman, che ha subito oltre 200 ore di trucco per renderlo egregiamente somigliante al grande statista, e che ne interpreta il pensiero politico, il patriottismo e l'autorevolezza con notevole efficacia e passione. Aforismi, battute ironiche e il grande discorso finale, in cui esorta a combattere dovunque pur di non soccombere,conferiscono uno spessore teatrale al personaggio chiave di quel periodo. Gli ambienti  ben ricostruiti, le luci dosate a seconda l'opportunità, conferiscono al film il carattere di uno spettacolo che rappresenta la guerra da dietro le quinte, nella mente di chi decide.

 

Gary Oldman, Lily James

L'ora più buia (2017): Gary Oldman, Lily James

Gary Oldman

L'ora più buia (2017): Gary Oldman

Kristin Scott Thomas, Gary Oldman

L'ora più buia (2017): Kristin Scott Thomas, Gary Oldman

Gary Oldman

L'ora più buia (2017): Gary Oldman

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati