Espandi menu
cerca
Nelly e Mr. Arnaud

Regia di Claude Sautet vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 6
  • Recensioni 845
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Nelly e Mr. Arnaud

di bufera
8 stelle

Raffinato ed elegante racconto di un amore impossibile che Claude Sautet ci fornisce con distacco e maestria.

Locandina

Nelly e Mr. Arnaud (1996): Locandina

 

Nelly e Mr. Arnaud è un film del 1996, diretto da Claude Sautet. Il regista, apprezzato per la sua delicatezza nel trattare le vicende sentimentali e già noto per pellicole come Il commissario Pelissier e Tre Amici, le mogli e (affettuosamente) le altre, dirige  Michel Serrault ed Emmanuelle Béart in una storia d'amore incompiuta dove il sentimento e il rispetto reciproco prevalgono su tutti

 

 

Parigi.Nelly è in crisi con il marito Jerome, senza lavoro da un anno e che non si impegna a trovarne uno. Lui trascorre la giornata davanti alla TV e uscendo a fare la spesa. Lei lavora saltuariamente come dattilografa e come commessa in panetteria. Per di più hanno anche qualche debito. Casualmente Nelly( Emmanuelle Béart) conosce Pierre Arnaud (Michel Serrault), ex-magistrato che    negli ultimi anni si è arricchito facendo con abilità l' agente immobiliare. Anziano ma ancora attraente, elegante e molto perspicace,   Arnaud è dotato di un innegabile fascino. Anche Nelly è molto bella, anche se una certa tristezza traspare dai suoi occhi.

 

 Dopo un  breve colloquio in un bistrot Arnaud offre a Nelly un assegno per saldare i debiti e la ragazza accetta e nel frattempo si separa dal marito. Rimasta sola, ma anche libera, accetta di scrivere al computer un libro di memorie che Arnaud ha in progetto da tempo, per cui otterrà un regolare retribuzione.Questo impegno costante renderà gli incontri di Nelly e Arnaud una sorta di piacevole abitudine, nel cui ambito si desterà una crescente curiosità di ciascuno verso l'altro. Accade che Jerome è in ospedale e Nelly accorre subito da lui, temendo  che abbia tentato il suicidio: invece ha assunto solo troppi sonniferi e, nel frattempo, ha trovato un lavoro e una nuova compagna. 

 

 

Nelly cade in una profonda tristezza, per cui i suoi incontri con Arnaud per la stesura del libro subiscono un arresto, dopo un acceso scontro verbale che allontanerà i due per un po'. Nelly accetta allora la corte di Vincent, giovane editore dai modi gentili ed eleganti,  che però corre troppo e propone a Nelly di convivere. In un ristorante parigino la loro storia finisce e lei resta incredula e affranta.In questo difficile momento chiede di poter dormire una notte da Arnaud, che la accoglie come un gentiluomo d'altri tempi, anche se avverte attrazione fisica e sentimenti profondi d'amore per Nelly. Dopo breve tempo,la donna riceve la  notizia che Pierre Arnaud ha deciso improvvisamente di partire con la ex-moglie per un viaggio turistico che lo terrà lontano da Parigi per parecchi mesi.

 

 

Nelly si rende conto  all'istante quanto dolorosa sarà questa separazione anche se lei potrà frequentare l'appartamento per finire di scrivere il libro e poi consegnarlo all'editore, e in modo gentile lo rimprovera per non averla informata prima. Arnaud, invece, capisce all'ultimo momento, in aeroporto, quanto conti per lui Nelly ed ha un momento di dolore ed esitazione a partire. In un finale struggente Nelly cammina tra i passanti a Parigi e i suoi occhi esprimono l'immensa tristezza e malinconia di una splendida donna rimasta ancora una volta sola.

 

Un altro Cuore in Inverno, ma senza musica che colmi il vuoto dei protagonisti (Claude Sautet assume come poetica l’emozione contenuta di chi descrive), con approcci amorosi più cerebrali che passionali che fanno perdere l'attimo fuggente e lasciano nel 

cuore un profondo senso di malinconia. Il personaggio di un grande Michel Serrault, tenerissimo nei suoi scatti di gelosia, ma che      con galanteria conquista la ragazza e, attraverso un manoscritto autobiografico, le parla di sé, è indirettamente efficace, ma anche dolorosamente trattenuto. Il personaggio della bravissima Emmanuelle Béart, fondamentalmente triste, si lascia conquistare nella

speranza di un vero e duraturo amore, da sempre sognato........

 

                                                                                                                                                                                                                        Allo stesso modo il cinema di Sautet (senza movimenti di macchina, solo montaggio) ha uno sguardo distaccato che trasmette calore attraverso gli attimi, le pause, gli sguardi "rubati" all'anima che si cela. Nelly è all'inizio e ha bisogno d'amore, Arnaud è alla fine e ha   

lo stesso bisogno che si radica in lui, ma non può essere espresso per motivi anagrafici e affettivi. Il rapporto che si crea tra i due è soavemente ma anche dolorosamente frustrante. Raffinato nel racconto, elegante nelle visione, il film impegna testa e cuore e non è  facilmente dimenticabile.

 

  

Michel Serrault, Emmanuelle Beart

Nelly e Mr. Arnaud (1996): Michel Serrault, Emmanuelle Beart

Jean-Hugues Anglade, Emmanuelle Béart

Nelly e Mr. Arnaud (1996): Jean-Hugues Anglade, Emmanuelle Béart

Michel Serrault, Michele Laroque, Emmanuelle Béart

Nelly e Mr. Arnaud (1996): Michel Serrault, Michele Laroque, Emmanuelle Béart

Emmanuelle Béart, Michel Serrault

Nelly e Mr. Arnaud (1996): Emmanuelle Béart, Michel Serrault

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati