Espandi menu
cerca
Maverick

Regia di Richard Donner vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 219
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Maverick

di FilmTv Rivista
6 stelle

Maverick si aggira bello e simpatico per il West. Non teme l'avventura ma mostra chiaramente che i saloon e i tavoli da gioco gli sono molto più congeniali delle sparatorie, delle cavalcate, dei duelli. Al suo fianco c'è Annabelle, ladra simpatica ed esuberante, e un ruolo importante è anche quello di Cooper, anziano sceriffo dalla morale molto agile ed elastica. Per diversi motivi, i tre si trovano tutti insieme a St. Louis, dove si sta per svolgere un importante cimento: un torneo di poker ospitato su un barcone-casa da gioco, con per premio la ragguardevole cifra di mezzo milione di dollari. L'appuntamento è una vera e propria sfida per i virtuosi del mazzo di carte e dal canto suo Maverick decide di giocarla sino in fondo. Sorprese e colpi di scena non mancheranno; quello che non funziona è invece il ritmo, che dovrebbe essere veloce e brillante (erano queste le caratteristiche del telefilm e invece risulta greve e stiracchiato. Per la verità, gli attori sono bravi: Mel Gisbson ha già dimostrato di non temere le parti brillanti (ricordiamo ad esempio Arma letale, in cui l'azione è interrotta da numerosi spunti ironici), Jodie Foster è probabilmente l'attrice più completa tra le nuove leve di Hollywood, James Garner è simpatico e poi non poteva proprio mancare (qui è lo sceriffo anziano e trafficone, nella serie televisiva che aveva tenuto banco nell'America degli anni Cinquanta e Sessanta era invece lui a interpretare Maverick). Quello che non funziona è la regia: Richard Donner si conferma regista di imprese ambiziose che risultano però soporifere (così come era già successo nel tremendo Superman 1). Costumi e ambientazione sono iperrealisti, nel tentativo vano di ricreare l'atmosfera dichiaratamente falsa dei telefilm.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 39 del 1994

Autore: Stefano Della Casa

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati