Trama

All'inizio Orson Welles fa giochi di prestigio in una stazione. Sopraggiunge Oja Kodar (l' ultima compagna di vita del regista), che promette alla troupe di raccontare la propria storia. Anche Welles si impegna a dire la verità nel corso della prossima ora. Da qui inizia una narrazione che si snoda presentando vari personaggi, in un complesso incastro, elegante e raffinato, di apparenti verità e di sofisticate bugie. Il film, al di là della sua apparenza totalmente ludica, diventa un'interessante e corposa metafora dell'arte come manipolazione della realtà, e del cinema come strumento principe di questa manipolazione per la creazione di illusioni a uso dello spettatore.

Commenti (4) vedi tutti

  • Voto 4,5. [05.09.2013]

    commento di PP
  • L'Arte. Uno strumento per capire la realtà. Poniamo un fiore davanti ad uno specchio: qual è il fiore più bello e quale durerà più a lungo? Ci vuole davvero un critico d'arte (o cinematografico!) per spiegarcelo :-D voto 9/10

    commento di sokurov
  • ma siamo sicuri che e' di Welles questa porcheria??!!

    commento di ed wood
  • 7.5

    commento di nico80
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Marcello del Campo di Marcello del Campo
8 stelle

Falso come in uno specchio   All’inizio di F. For Fake Orson Welles (che interpreta se stesso) si fa riprendere da François Reichenbach nell’atrio di una stazione ferroviaria mentre esegue alcuni numeri di giochi di prestigio. Afferma che racconterà in sessanta minuti una storia e che dirà soltanto la verità. Quindi presenta al pubblico due… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni
2019
2019
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017

Recensione

Gundawane di Gundawane
8 stelle

Film/saggio/documentario;di sicuro opera non classificabile diretto da Orson Welles nel 1973;ultimo lavoro da lui completato e lavoro piu straniante nella sua filmografia;anche  se presenta al suo interno sfumature malinconiche onnipresenti in tutte le sue opere. Anche se la presenza della malinconia è presente,questo è il film più allegro di Welles. Per comprendere…

leggi tutto
2016
2016
locandina
Foto
2015
2015
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

tafo di tafo
8 stelle

Il regista-attore-uomo bigger than life per definizione che completa per una volta un opera. Il demiurgo che domina la moviola, il self-made man che gioca con il linguaggio cinematografico, ci introduce in una riflessione sull’arte e sulla realtà. Cosa è vero e cosa è falso per l’uomo che ha costruito il suo personaggio sul film più famoso della storia del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2014
2014

Recensione

giuliobonfante di giuliobonfante
8 stelle

Welles è entrato a Hollywood grazie a un enorme scherzo radiofonico, e con un'altra truffa artistica, una trentina di anni dopo, chiude la sua carriera, non più conteso dalle produzioni, ma esausto dalla ricerca di fondi. Lo fa riflettendo sul ruolo della menzogna nell'arte e dandosi (in quanto artista) del ciarlatano di professione. E come se non si fosse divertito abbastanza, ne…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2012
2012
2011
2011

Recensione

Marcello del Campo di Marcello del Campo
8 stelle

Falso come in uno specchio   All’inizio di F. For Fake Orson Welles (che interpreta se stesso) si fa riprendere da François Reichenbach nell’atrio di una stazione ferroviaria mentre esegue alcuni numeri di giochi di prestigio. Afferma che racconterà in sessanta minuti una storia e che dirà soltanto la verità. Quindi presenta al pubblico due…

leggi tutto
Recensione
Utile per 28 utenti
2010
2010

Recensione

allanfelix di allanfelix
8 stelle

Grande saggio sull'arte, sull'opera d'arte e sul falso. Welles ricostruisce il racconto con un montaggio frenetico. L'unica pecca e' di lasciarsi andare nella parte finale dando troppo spazio alla sua bellissima compagna di vita Oja Kodar (Croata, non Ungherese).

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

steno79 di steno79
9 stelle

Probabilmente il film più misconosciuto della carriera di Welles, questo documentario su alcuni celebri falsari fra cui il pittore Elmyr de Hory e Clifford Irving (su di lui è stato fatto recentemente un film interpretato da Richard Gere) è stato giustamente rivalutato in tempi recenti, almeno in America, da quando è uscito un dvd della Criterion collection ricco di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2008
2008

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Curioso omaggio di Welles al cinema, inteso come la più assolutamente vera delle finzioni. Lo accompagnano, a cavallo fra film e documentario, la sua donna Oja Kodar, il pittore-falsario Elmyr ed uno stuolo di amici e collaboratori. Welles intrattiene e si diverte: che senso ha chiedersi (e in base a quali criteri, poi?) cosa sia vero e cosa no?

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Recensione

Vegeta85 di Vegeta85
8 stelle

Iperbolico e magniloquente "documentario", in cui Welles sfrutta il suo talento visivo oltre ogni limite, per dirci che in fondo l'arte non serve a nulla, e che il cinema funzione secondo meccanismi oscuri e curiosi, un po' come la magia. L'intreccio è volutamente confusionario, e mescola tre "storie", quella di un falsario di quadri ungherese, quella del suo biografio Clifford Irving (al…

leggi tutto
Recensione

Recensione

Charlus Jackson di Charlus Jackson
8 stelle

Originale, movimentatissimo, un po' kitsch, ecco il documentario-sperimental-testamento di Orson Welles che, in un visionario un po' farnetico, si pone come meditazione sull'arte, "menzogna che ci fa capire la verità" (Picasso), sull'inutilità dell'arte, sulla caducità della fama, sulla dignità che comunque mantiene questo gioco illusionistico. Anticonformista e malinconicamente divertito.

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito