Espandi menu
cerca
Da morire

Regia di Gus Van Sant vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 168
  • Post 6
  • Recensioni 853
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Da morire

di bufera
6 stelle

Commedia nera con risvolti satirici feroci sulle persone e l'ambiente di chi è ossessionato dal voler apparire a tutti i costi, compresa la vita di chi li ostacola.

 

 

Tratto da un romanzo di Joyce Maynard e sceneggiato da Buck Henry, DA MORIRE (To die for),1995, è il primo film non indipendente  di Gus Van Sant, commissionatogli da una major appena messo piede a Hollywood. Reduce da alcuni insuccessi come Mala Noche, Drugstore Cowboy e Cowgirl - Il nuovo sesso,e il più fortunato Belli e dannati, tutti girati da indipendente,il regista, in pausa autoriale confeziona una commedia nera sul tema del voler apparire, essere ammirati a tutti i costi, in tal caso sugli schermi televisivi.

 

 

Suzanne Stone è una bella ragazza bionda alla Barbie ( una splendida e bravissima Nicole Kidman ) che vive in provincia nel New Empshire e ambisce uscire da quel piccolo mondo almeno attraverso la televisione. Sposata con ll figlio di un facoltoso ristoratore locale, Larry Maretto ( un convincente Matt Dillon) la ragazza già dal viaggio di nozze adesca un produttore, dimostrando la sua mancanza di scrupoli morali. Presto viene assunta da un'emittente televisiva locale dove presenta le notizie metereologiche, ma nel frattempo coltiva un progetto giornalistico sulla gioventù liceale del posto, intervistandoli e ingaggia come suoi aiutanti tre ragazzi una femmina e due maschi Lydia, Jimmy e Russell (rispettivamente Alison Ford, Joaquin Phoenix e Casey Affleck) che manipola per i suoi scopi con una abilità affabulatoria che finisce per infastidire. 

 

Poichè il marito vorrebbe che si occupasse della casa, di far figli e della pubblicità del Ristorante di famiglia,la cinica Suzanne irretisce specialmente il sempliciotto Jimmy che si innamora perdutamente di lei e diventa il suo schiavo d'amore, credendo alle sue promesse  di un futuro insieme. Gli altri sono poco da meno e quando la donna vede nel marito un ostacolo che si frappone tra lei e il successo li  incarica di ucciderlo, mentre lei legge le previsioni del tempo in TV( alibi perfetto).Pene dall'ergastolo a Jimmy, esecutore materiale dell'omicidio,ad alcuni anni per Russel solo complice, sono solo il primo atto pubblico di una giustizia che verrà completata altrove.....

 

 

La satira feroce di ciò che avviene nel mondo dello spettacolo non è poi così nuova,ma si rappresenta in una elegante confezione con colori smaglianti, abiti strepitosi e sempre diversi indossati dalla protagonista, una bella colonna sonora e sopratutto col sostegno della recitazione travolgente,provocante e ammaliante di una Nicole Kidman, giovanissima e all'apice della sua bellezza, che si è meritato il Golden Globe.Va poi ricordata la prova di Joaquin Phoenix, giovane anche lui e smilzo, che a tratti commuove per la sua ingenuità al limite dell'idiozia. Fastidiosa, anche se informativa, la serie di autointerviste dei vari personaggi,ripresi in primissimo piano. 

 

 

Dopo quest'opera Gus van Sant sarà autore di altre migliori come Will Hunting - Genio Ribelle, Elephant, Paranoid Park, Milk e Don't Worry(di nuovo con un superlativo Joaquin Phoenix) per citare le più note in cui si riflette meglio la personalità creativa  e analitica del regista.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati