Espandi menu
cerca
Marketa Lazarová

Regia di Frantisek Vlácil vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stefano L

Stefano L

Iscritto dal 23 settembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 58
  • Post -
  • Recensioni 443
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Marketa Lazarová

di Stefano L
8 stelle

Risultati immagini per Marketa Lazarová (1967)

 

Ambientato nella Boemia della metà del tredicesimo secolo, “Marketa Lazarová” ritrae icasticamente un periodo cruciale del medioevo in cui il cristianesimo non aveva del tutto sostituito il paganesimo. Questa antitesi epocale viene esposta, allegoricamente, nella contrapposizione fra i clan del territorio (guidati rispettivamente dai perfidi Kozlík e Lazar) e l’autorità centrale. Una serie di atroci rappresaglie e tremende imboscate avranno come agnello sacrificale la povera Marketa (primo ruolo per un'intensa Magda Vášáryová), la giovanissima e casta figlia di Lazar che vuole prendere i voti per entrare in monastero.

 

Risultati immagini per Marketa Lazarová (1967)

 

L’opus di František Vlácil è un viaggio surreale che rapisce e destabilizza lo spettatore, incantandolo e stupendolo con numerosissime modificazioni sinfoniche del tono e del ritmo, alternandosi convincentemente dai registri contemplativi a quelli macabri e convulsi, sciorinati in una raffigurazione brutale dell’era di mezzo. L’approccio è formalmente lungimirante, e il regista ceco dispiega una poetica attanagliante utilizzando lirismo brumoso, caratterizzato da inquadrature angoscianti e giustapposizioni simboliche a sfondo religioso. Un prosatore introduce il racconto su un ampio paesaggio invernale; la voce sembra provenire da lontano, echeggiando però una vicinanza intima. Il film altera costantemente il nostro orientamento ottico e acustico; spesso dobbiamo capire dove ci troviamo, in quanto le posizioni e i cambi di prospettiva variano improvvisamente... Come nel testo omonimo di Vladislav Vancura, da cui l’opera di Vlàcil deve la sua genesi, “Marketa Lazarová” filtra coraggiosamente un secolo oscuro attraverso un prisma all’avanguardia, il quale pone in rotta di collisione una tecnica modernista (determinata da un accostamento inebriante tra effigi emblematiche e pungolanti sensazioni uditive) con un mondo arcaico trafelato da sentimenti famelici e scorci acherontei. La purezza iniziale dell’eroina Marketa viene veementemente trasformata in una passione erotica barbaramente risvegliata dagli impeti carnali e dalle scabrosità delle due famiglie in conflitto; una metamorfosi spirituale che la porterà, forse, ad un’indipendenza definitiva. La mdp serpeggiante ed energica scandisce sequenze febbrili rapprese in un montaggio frenetico, il quale scandaglia pervicacemente dissidi interiori e frammenti onirici deflagranti. In questa zona infernale di cacciatori e martiri (il corvo, il serpente, il cervo e l'agnello incarnano delle metafore ricorrenti in parecchi risvolti) ci si perde in un luogo enigmatico ove i pericoli non hanno alcuna spiegazione o pronostico; nei momenti più cruenti l’obiettivo mantiene comunque una distanza tale da lasciare intuire perfettamente le fatalità senza dare uno spaccato del tutto esplicito dei misfatti (non sono rari gli angoli di ripresa posizionati dietro i rami o approntati durante le nevicate che celano parzialmente la piazzata scenica). Tramite questi considerevoli espedienti si raggiunge un livello di immersione corporea edificante; si avvertono il brusco freddo dell'inverno, il dolore ardente di una spinta o l'urgenza del desiderio sessuale. Vlácil, inoltre, manipola lo spazio con una vasta gamma di lenti, sfocando le superfici ravvicinate e allungando repentinamente il campo all’infinito, servendosi altresì di un’incorniciatura molto flessibile, ma sempre in grado di rendere visceralmente tangibile quel malvagio ricettacolo di spietate personalità.

 

Immagine correlata

 

L’intenzione dell'autore era quella di analizzare e trasmettere (mettendo in luce un attrito ancestrale fra l'empietà selvaggia dell'essere umano e il potere della repressione) uno sferzante ritratto antropologico dell’età in cui l’istinto, stimolato dalla viltà, prevaricava sulla ragione. Mediante una narrazione ellittica raffinata e uno stile suggestivo, “Marketa Lazarová”, sebbene impegnativo e di difficile comprensione, si conferma un metraggio visivamente poderoso e strutturalmente affascinante.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati