Espandi menu
cerca
The War - Il Pianeta delle Scimmie

Regia di Matt Reeves vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4478
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su The War - Il Pianeta delle Scimmie

di sasso67
8 stelle

Pur essendo un episodio di una saga che conta ormai mezzo secolo di vita (i primi cinque capitoli si esaurirono nel 1973, mentre dal 2011 è iniziata la serie dei prequel/reboot, di cui questo dovrebbe essere l'ultimo), The War - Il pianeta delle scimmie è un film che si può anche vedere da solo, sebbene sia consigliato conoscere almeno il film originario di Franklin J. Schaffner, molto migliore del suo remake del 2001, firmato da Tim Burton. Questo perché il film è la summa di tanti elementi e situazioni ben conosciute agli spettatori di oggi e il regista Matt Reeves (già autore del precedente segmento della saga) si dimostra attento cinefilo ed ottimo organizzatore di una materia cinematograficamente tanto ricca da annoverare richiami al western classico, al Gladiatore e ad Apocalypse Now, opera, quest'ultima, citata a più riprese, soprattutto nella sovrapponibilità della figura del colonnello McCullough a quella del colonnello Kurtz. Ma in The War - Il pianeta delle scimmie sono numerosi anche i rimandi biblici ed evangelici, con Cesare che rappresenta sia la figura di Mosè dell'Antico Testamento che quella di Gesù Cristo del Nuovo Testamento, in quanto ha il compito di condurre il proprio popolo alla terra promessa, nella quale tuttavia non riuscirà ad entrare, ma a un certo punto della vicenda viene preso prigioniero e messo in croce dal suo nemico. Quest'ultimo è un pazzo megalomane, avversato anche dal governo degli umani, che si crede il Dio delle sacre scritture, tanto da proclamare di avere sacrificato il proprio figlio per la salvezza del genere umano.

In una narrazione avventurosa che non ha niente da invidiare ad altre saghe più famose e celebrate di questa dedicata al pianeta delle scimmie, con una trama che riallaccia in qualche modo i fili alle situazioni e a qualche personaggio creati dallo scrittore Pierre Boulle, Matt Reeves si destreggia bene, consegnando un prodotto avventuroso senza essere puramente muscolare, con al centro un protagonista non umano ma tutt'altro che inumano.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati