La meccanica delle ombre

play

Regia di Thomas Kruithof

Con François Cluzet, Alba Rohrwacher, Denis Podalydès, Sami Bouajila, Simon Abkarian, Tom Adjibi, Adonis Danieletto, Jean-Pierre Demarke... Vedi cast completo

Guardalo su
  • RaiPlay
  • Amazon Prime Video
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Duval è il dipendente perfetto. Riflessivo, persistente, efficiente e impegnato a svolgere al meglio le sue mansioni, dopo un evento imprevisto ha qualche difficoltà a trovare un nuovo posto di lavoro. Così, quando un misterioso uomo d'affari gli propone di lavorare per la sua società di sicurezza, Duval non può rifiutare l'offerta. Chiudendo un occhio sull'eccentricità del capo e sull'illegalità del compito a lui affidato (trascrivere una serie di telefonate private registrate), Duval non riesce a stare tranquillo quando una delle chiamate si traduce in omicidio. Ignaro che la sua esistenza sarà del tutto stravolta, si ritroverà al centro di una cospirazione mortale che porta fino alle alte sfere del governo francese.

Approfondimento

LA MECCANICA DELLE OMBRE: COME OPERANO I SERVIZI SEGRETI

Diretto da Thomas Kruithof e sceneggiato dallo stesso con Yann Gozlan, La meccanica delle ombre racconta la storia di Duval che, dopo due anni di disoccupazione, viene contattato da un misterioso uomo d'affari per un lavoro semplice ma ben retribuito: trascrivere delle conversazioni telefoniche. Spinto dalle difficoltà economiche, Duval accetta l'impiego senza mettere in discussione le finalità dell'azienda che lo assume. Precipitando al centro di una cospirazione politica, dovrà confrontarsi con le brutali meccaniche che si celano nel mondo sotterraneo dei servizi segreti.

Con la direzione della fotografia di Alex Lamarque, le scenografie di Thierry François, i costumi di Christophe Pidre e le musiche originali di Grégoire Auger, La meccanica delle ombre è un thriller strettamente connesso con il mondo della politica e il suo funzionamento. A spiegarne l'origine è lo stesso regista: "Non ho frequentato nessuna scuola di cinema. Appartengo a quella generazione degli anni Ottanta che è cresciuta guardando film su film. Mentre facevo tutt'altro lavoro, ho cominciato a scrivere storie che potessero interessare prima me e poi altri. Allo stesso modo è nata la storia al centro di La meccanica delle ombre, un thriller ancorato con la sfera della politica e i suoi business in cui un individuo solo si ritrova a combattere contro il sistema. Si tratta di un tipo di storia che mi ha sempre affascinato: le cospirazioni, reali o percepite, del resto fanno parte della storia francese degli ultimi trent'anni. E poi il sospetto che i servizi segreti manipolino dati sensibili per fini politici aleggia in ogni nazione.

Sono sempre stato un grande appassionato di romanzi di spionaggio, tra cui quelli di John Le Carré, e del programma Rendez-vous avec X, in cui si raccontava la storia che si celava dietro a grandi affari politico-giudiziari. Lo spionaggio è fatto di situazioni umane in conflitto ed emozionanti. Se ci si pensa bene, infiltrazione, segretezza e manipolazione, sono di per sé molto cinematografiche. Il thriller, genere cinematografico figlio dello spionaggio, può parlare benissimo anche di problemi sociali fornendo un ritratto dello stato del mondo e delle stanze del potere. In La meccanica delle ombre ho voluto raccontare il percorso di un dipendente ideale, di un uomo che rispetta scrupolosamente gli ordini impartiti e che si immerge nell'oscuro sottobosco dei servizi segreti e delle reti politiche. Volevo restituire le immagini di un universo poco chiaro attraverso gli occhi di un subordinato che non conosce nemmeno a che scopo verrà utilizzato il suo lavoro e non fa alcuna domanda prima che le cose prendano una piega per tutti inaspettata. Solo allora la sua coscienza si risveglierà spingendolo a rimettere tutto in discussione e a imparare a disobbedire per salvarsi la pelle. Grazie alla sua figura, ho potuto parlare non solo di spionaggio ma anche di rapporti di potere, obbedienza e alienazione intrinseca, nel mondo del lavoro".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La meccanica delle ombre è il belga Thomas Kruithof. Classe 1976, Kruithof vive e lavora a Parigi e ha alle spalle solo un cortometraggio, Retention, realizzato nel 2013, selezionato in oltre quaranta diversi festival e premiato con un César come miglior cortometraggio dell'anno. "La meccanica delle… Vedi tutto

Commenti (8) vedi tutti

  • Buon film francese che rivela alcuni retroscena dei servizi segreti francesi, di come siano corruttibili e soprattutto di come la vita di un burocrate scrupoloso, dalla vita noiosa e arida che si trovi invischiato a sua insaputa, posto in pericolo sappia trovare la volontà di reagire e sorprendere con iniziative imprevedibili

    commento di Maciknight
  • Un po pesantuccio 5 e mezzo

    commento di eros7378
  • Solito film francese: personaggi improbabili, storia piena di buchi. La regia e la fotografia però meritano.

    commento di IlNinja
  • Film complessivamente gradevole ma troppo lento.

    commento di Falco00
  • Spy-story classica,dal piacevole gusto "retrò"

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Mah,Idea non malvagia ma svolgimento assai lento.Lavoro a €.1500 a settimana e quindi Ti becchi anche il contorno dell'illusione della tranquillità (in vari sensi ...) ! voto.4.

    commento di chribio1
  • Plot semplicissimo; atmosfera pesante non sempre oggettiva; inutile la presenza di Alba Rohrwacher. Uno svarione dei cinefili? Chissà. Soporiferamente...consigliato.

    commento di maurri 63
  • Un bel thriller,costruito come le scatole cinesi ,fatto di atmosfere lente e cariche di suspence,con un Cluzet perfetto.

    leggi la recensione completa di ezio
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ezio di ezio
8 stelle

Rimasto disoccupato dopo un periodo depressivo Duval (Cluzet) accetta l'offerta del misterioso Clement (Podalydes),il suo compito e' trascrivere le intercettazioni telefoniche di persone eccellenti per segretissime agenzie di spionaggio.Ben presto capisce di essere finito in un cul de sac di difficile soluzione.Ottima prova registica di Thomas Kruithof,francese,che costruisce un thriller alla… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

supadany di supadany
6 stelle

Tff 34 – Concorso 34. La mecanique de l’hombre è un’opera prima, ma non lo si direbbe affatto. Pur senza convincere fino in fondo, l’esordiente Thomas Kruithof dimostra di essersi documentato e di conoscere il mezzo espressivo, in più, non si può trascurare nemmeno il valore aggiunto proveniente da un cast trasversale e di estremo rilievo per quella… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

2020
2020
Trasmesso il 30 agosto 2020 su Rai 4
Trasmesso il 29 agosto 2020 su Rai 4
Trasmesso il 19 marzo 2020 su Rai Movie
2019
2019

Recensione

galaverna di galaverna
6 stelle

Discreto thriller con un'adeguata dose di adrenalina, un "tutti contro tutti" che mantiene un buon ritmo per tutta la durata con continui (forse troppi) capovolgimenti di fronte, in una partita a scacchi tra chi si dimostrerà più cinico. Forse la voglia di strafare finisce per rendere tutto abbastanza inverosimile ( sembra difficile immaginare che un collaboratore non più…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
6 stelle

Duval,anonimo individuo, sulla sessantina, vive a Parigi, è single e ha appena perso il lavoro. Depresso e incline all’alcolismo e al tabagismo, si mette alla disperata ricerca di un nuovo impiego, ma ovviamente data l’età e il periodo storico, trova solo porte chiuse. Un giorno però sembra avere un colpo di fortuna, Clément, misterioso personaggio, che…

leggi tutto

Recensione

ezio di ezio
8 stelle

Rimasto disoccupato dopo un periodo depressivo Duval (Cluzet) accetta l'offerta del misterioso Clement (Podalydes),il suo compito e' trascrivere le intercettazioni telefoniche di persone eccellenti per segretissime agenzie di spionaggio.Ben presto capisce di essere finito in un cul de sac di difficile soluzione.Ottima prova registica di Thomas Kruithof,francese,che costruisce un thriller alla…

leggi tutto
2018
2018
Trasmesso il 17 novembre 2018 su Rsi La1

Recensione

axe di axe
6 stelle

Un film a cavallo tra thriller e lo spionaggio. Un uomo di mezza età, di professione contabile, molto preciso e metodico in ambito lavorativo, sebbene affetto da problemi di alcool, rimane disoccupato in seguito ad una crisi di nervi. Dopo un paio di anni senza occupazione, accetta da un individuo misterioso il ben retribuito incarico di trascrivere delle intercettazioni telefoniche…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2017
2017
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

Un travet di mezza età scrupoloso e coscienzioso (Cluzet) si trova coinvolto in una vicenda kafkiana più grande di lui. Perso il lavoro e appena rimessosi dalla dipendenza dall'alcol, l'uomo accetta un bizzarro incarico conferitogli da un'eminenza grigia (Podalydès) di cui sa poco o nulla: quello di sbobinare alcune registrazioni di conversazioni telefoniche usando una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Uscito nelle sale italiane il 3 aprile 2017
locandina
Foto

Recensione

LorCio di LorCio
7 stelle

Disoccupato ed ex alcolista, un ordinario cinquantenne accetta di lavorare per un oscuro funzionario che lo confina in un appartamento vuoto con l’incarico di trascrivere alcune intercettazioni telefoniche. L’esordio di Thomas Kruithof manifesta scopertamente l’ambizione di riferirsi ad una robusta tradizione internazionale senza rinunciare alle tipicità di una…

leggi tutto
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Tff 34 – Concorso 34. La mecanique de l’hombre è un’opera prima, ma non lo si direbbe affatto. Pur senza convincere fino in fondo, l’esordiente Thomas Kruithof dimostra di essersi documentato e di conoscere il mezzo espressivo, in più, non si può trascurare nemmeno il valore aggiunto proveniente da un cast trasversale e di estremo rilievo per quella…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito