Trama

Le vacanze estive di Moonee, una bambina di sei anni, e dei suoi amichetti trascorrono all'insegna di spensieratezza, meraviglie e avventure. Gli adulti che li circondano, a cominciare dalla madre di Moonee, sono però costretti a confrontarsi con le difficoltà della vita e tempi difficili.

Approfondimento

UN SOGNO CHIAMATO FLORIDA: APPENA FUORI DISNEYWORLD

Diretto da Sean Baker e sceneggiato dallo stesso con Chris Bergoch, Un sogno chiamato Florida racconta la storia di Moonee, una precoce bambina di sei anni. Mentre le vacanze estive per i bambini sono piene di meraviglie e avventure, intorno a loro gli adulti affrontano tempi non proprio facili. In tutti gli Stati Uniti, i motel economici sono diventati una sorta di ultimo rifugio per coloro che non sono in grado di avere una residenza permanente. Una crescente fetta di popolazione "senzatetto", il 41% della quale è composta da famiglia, lotta settimana dopo settimana per avere un tetto sulla testa. Appena fuori Orlando, la capitale delle vacanze e luogo dove ha sede il posto più magico del mondo, i motel economici che un tempo ospitavano i turisti di passaggio per Disneyworld sono oramai popolati da famiglie senza casa. Moonee e la ventiduenne madre Halley vivono in uno dei motel, il Magic Castle. Senza padre, Moonee intravede una specie di figura genitoriale in Bobby, il gestore del motel attratto dalle buffonate dei bambini. Halley ha perso il suo lavoro e una bambina della stessa età di Moonee si è trasferita nella stanza accanto: i due eventi, sebbene non collegati, segnano l'inizio dell'avventurosa estate di Moonee.

Con la direzione della fotografia di Alexis Zabe, le scenografie di Stephonik Youth, i costumi di Fernando Rodriguez e le musiche supervisionate da Matthew Hearon-SmithUn sogno chiamato Florida viene così descritto dal regista: "Una versione moderna di Piccole canaglie: è questo il modo in cui mi piace definire Un sogno chiamato Florida. I corti di Piccole canaglie, prodotti negli anni Venti e Trenta, da Hal Roach erano essenzialmente incentrati sui bambini che vivevano in povertà durante la Grande Depressione. Il loro status economico era solo sullo sfondo: quello che interessava erano le loro avventure e disavventure. Ciò che si vive nei motel prima di arrivare a Orlando è invece frutto dell'esperienza diretta del cosceneggiatore Chris Bergoch. Nell'aiutare la madre a trasferirsi in Florida. Chris ha viaggiato molto lungo l'autostrada 192, una delle arterie che conducono fino a Disneyworld. Ha avuto così modo di scoprire quanto la vita fosse poco magica a ridosso dei cancelli di uno dei parchi divertimento più grandi al mondo. I motel della zona, un tempo pieni di turisti, sono diventati un centro di ricovero per famiglie senza un'abitazione mentre intorno resiste qualche negozietto di souvenir e i bambini giocano per strada. Già nel 2012 volevamo concentrarci sulla situazione ma la realizzazione di Starlet prima e di Tangerine dopo ci hanno portati altrove. Non abbiamo però dimenticato il nostro proposito e abbiamo deciso di raccontare la vita nei motel con la prospettiva di una bambina di sei anni, che sebbene non sia in grado di permettersi un biglietto per Disneyworld riesce a divertirsi ugualmente e a vivere le proprie avventure. Per capire meglio il clima che si respira nei motel, abbiamo anche soggiornato in alcuni di essi e abbiamo cominciato a coinvolgere le comunità, chiedendo alle persone se volessero far parte del film e se volessero condividere le loro esperienze personali. In tal modo, abbiamo trovato quasi tutti gli attori protagonisti di Un sogno chiamato Florida, a cominciare dai piccoli Brooklynn Prince, Valeria Cotto e Christopher Rivera".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Un sogno chiamato Florida è Sean Baker, regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Baker ha curato anche la regia di Take Out, Prince of Broadway e Starlet, titolo che lo ha fatto conoscere anche al di fuori del contesto indie. Laureato alla New York University, ha presentato Tangerine al… Vedi tutto

Commenti (8) vedi tutti

  • Film inutile su una bambina da riformatorio e della sua madre da galera.

    commento di gruvieraz
  • Il regista Baker esplora gli angoli piu' nascosti di una America reale e troppo spesso dimenticata.Imperdibile.

    leggi la recensione completa di ezio
  • Tutto scorre con i giusti tempi, com calma e dovizia di dettagli, come sono le lunghe giornate estive di un bambino, che pare non finiscano mai.

    leggi la recensione completa di Cocchan
  • anche se girato in gran parte in esterni, l'opera di Baker risulta al contrario (e volutamente) claustrofobica...è questa la sua qualità migliore. giunti a metà, il film ha già probabilmente detto tutto, ma vale comunque la pena aspettare gli ultimi toccanti minuti. una raccomandazione: se possibile, evitare come la peste la copia doppiata.

    commento di giovenosta
  • Girato con un Iphone e con pochissimi mezzi, il film non è forse scritto in modo molto accurato, eppure ha una sua forza coinvolgente che lo rende più interessante di quanto il titolo e il trailer italiano lascino supporre.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Dal Sunset boulevard di Tangerine Sean Baker si sposta ai margini di Disneyland, il sogno dei sogni, e se stavolta lo fa con i finanziamenti necessari e le mdp giuste lo spirito è sempre quello, uno sguardo disincantato, stavolta però più acre e sconsolato, non c’è spazio per l’humor quando una società è compromessa anche nel suo futuro, i bambini.

    leggi la recensione completa di yume
  • Cosa si nasconde dietro al sogno del divertimento americano

    leggi la recensione completa di siro17
  • Dopo gli ottimi Starlet e Tangerine, Sean Baker conferma il suo talento di filmaker indipendente e la passione smodata per i colori e le tonalità pastello. Drammatico e serio, senza dimostrarlo.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ezio di ezio
8 stelle

Caldo estivo.I turisti se la spassano a Disneyland ,ma in un motel del quartiere alcuni bambini vivono in precarieta' mendicando dai passanti un gelato ,mentre i loro genitori cercano di scovare un sistema per pagarsi l'affitto,su tutte la mamma (Vinaite) che con la figliola (Prince) non rispetta le regole della vita e dell'albergo in cui abita ,gestito da un grande Dafoe (nominato agli… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

supadany di supadany
6 stelle

Torino Film Festival 35 – Festa mobile. L’inferno e il paradiso sono più vicini di quanto crediamo, talvolta addirittura si mescolano tra loro ma senza riuscire a comunicare veramente. Sarà che ovunque c’è talmente tanta povertà da rischiare di vederla passare per qualcosa di inevitabile, uno stato che a qualcuno deve pur toccare, perché il… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Disponibile dal 14 giugno 2018 in Dvd a 14,99€
Acquista

Recensione

ezio di ezio
8 stelle

Caldo estivo.I turisti se la spassano a Disneyland ,ma in un motel del quartiere alcuni bambini vivono in precarieta' mendicando dai passanti un gelato ,mentre i loro genitori cercano di scovare un sistema per pagarsi l'affitto,su tutte la mamma (Vinaite) che con la figliola (Prince) non rispetta le regole della vita e dell'albergo in cui abita ,gestito da un grande Dafoe (nominato agli…

leggi tutto

Recensione

Cocchan di Cocchan
8 stelle

Toccante ma allo stesso tempo spensierato racconto della storia di un'estate, dove una bambina trascorre il tempo in uno squallido motel con la ragazza madre. Sebbene la situazione non sia delle più rosee, lo è invece il mondo visto dagli occhi di Moonee: a sei anni tutto il circondario (nei pressi di Disneyland) è un luogo da scoprire e in cui avventurarsi con gli amici,…

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

laulilla di laulilla
7 stelle

  Il trailer italiano è insopportabile: gli urli e gli strepiti dei bambini, protagonisti del film, ti indurrebbero a scappare velocemente, altro che compiacerti e ridere per le loro prodezze da teppistelli! Nonostante il trailer, è stato il passaparola a indurmi a vedere questo film che, anche senza essere un capolavoro, merita tuttavia di essere visto e meditato…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 19 voti
vedi tutti

Recensione

zombi di zombi
9 stelle

tutto si presterebbe per essere chiamato sogno, ma del sogno ha ben poco. forse un arcobaleno nel crepuscolo sopra al motel color glicine nel quale monee e sua madre halley vivono, lo porta alla mente, ma in fondo all'arcobaleno ricordiamoci che c'è un lepracaun da prendere a calci nel culo come urla monee alla sua amica jancey. monee e la sua giovane madre, vivono all'ombra di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

yume di yume
8 stelle

  Applaudito alla Quinzaine des Réalisateurs a Cannes, dato in corsa per un Oscar mai arrivato, mandato in chiusura al Torino Film Festival 2017, film super indipendente di un geniaccio che il cinema ce l’ha nel DNA, Sean Baker, The Florida Project prende tutto il kitch americano da cartolina, l’America dei Trump e delle ciambelline zuccherate, dei motel color…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
8 stelle

Intorno al mondo artificiale e incantato dei parchi a tema di Orlando, esiste una periferia fatta di residence coloratissimi e a basso prezzo dove vive tutto quel proletariato che lavora nei negozi e nei servizi in funzione dei milioni di turisti in arrivo da ogni parte. Qui si aggira la vivacissima Moonee, una bambina di 6 anni che impiega le vacanze estive con i suoi amichetti a perlustrare i…

leggi tutto

Recensione

siro17 di siro17
5 stelle

Sono uscito da questo film con le orecchie frastornate dalle grida della bambina protagonista che anche quando (raramente) non urla ha una voce insopportabile (nel doppiaggio, peraltro modesto). Un film che nell’intento e nel contesto che vuole rappresentare è certamente interessante, una Florida defilata rispetto al sogno del divertimento americano. Qui si consuma la vita di stenti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

nickoftime di nickoftime
8 stelle

In un film sincero e lineare come Un sogno chiamato Florida il rischio è quello di fermarsi all’evidenza, sottovalutando la capacità del regista di andare oltre la tumultuosa e vitale interazione tra i personaggi, cosi come di non apprezzare il fatto che Sean Baker, pur davanti a una materia importante, come può esserlo quella della marginalità sociale ed…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Uscito nelle sale italiane il 19 marzo 2018
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

AlbertoBellini di AlbertoBellini
7 stelle

  All that pink allows. Si apre con Celebration dei Kool & the Gang The Florida Project di Sean Beaker, coloratissima parabola sul tanto celebrato (e sopravvalutato) sogno americano, visto e vissuto attraverso gli occhi di Moonee (Brooklynn Prince), una bambina vivace che vive in un motel con la madre Halley (Bria Vinaite), la quale è costantemente in bilico tra…

leggi tutto
Il meglio del 2017
2017

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Torino Film Festival 35 – Festa mobile. L’inferno e il paradiso sono più vicini di quanto crediamo, talvolta addirittura si mescolano tra loro ma senza riuscire a comunicare veramente. Sarà che ovunque c’è talmente tanta povertà da rischiare di vederla passare per qualcosa di inevitabile, uno stato che a qualcuno deve pur toccare, perché il…

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito