Espandi menu
cerca
La vita nascosta - Hidden Life

Regia di Terrence Malick vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 271
  • Post 174
  • Recensioni 4169
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La vita nascosta - Hidden Life

di alan smithee
10 stelle

locandina

A Hidden Life (2019): locandina

FESTIVAL DI CANNES 2019 - CONCORSO "Un giorno scopriremo il vero motivo che ha causato tutto ciò". La vita che ognuno di noi si costruisce, si basa su scelte, bivi di fronte ai quali bisogna decidere quale strada imboccare. E siccome le difficoltà, istintivamente, l'essere umano, così come purequello animale, preferisce già a livello istintivo evitarle, ecco allora che la via più facile diviene di gran lunga quella preferibilmente condivisa per avvicinarsi e tendere a raggiungere un futuro che, nonostante le incognite imponderabili, tenda verso un orizzonte raggiungibile quasi ad occhio nudo.

A meno che, ed avvolte avviene davvero, la voce della coscienza non ci metta dinanzi ad un dubbio che ci attanaglia fino ad spingerci - da animali che non dovremmo essere - fino a ritrovarci in posizione controcorrente, pur consci delle difficoltà a cui stiamo andando incontro, compromettendo così facendo magari anche il futuro di chi ci vuole bene e ci vive accanto.

August Diehl, Valerie Pachner

A Hidden Life (2019): August Diehl, Valerie Pachner

August Diehl, Valerie Pachner

A Hidden Life (2019): August Diehl, Valerie Pachner

Al contadino austriaco Franz è successo così, e da tranquillo e posato padre di famiglia, uomo di campagna e allevatore delle amene, lussureggianti Alpi austriache, si trasforma, di fronte all'opinione dei compaesani che lo amavano e rispettavano assieme alla dolce bella moglie, in un folle mitomane, disertore e vigliacco, in grado di cacciare pure loro in un mare di guai dinanzi agli occhi del potente dominatore. La vicenda del primo obiettore di coscienza che si oppone con tutta la propria ostinazione, ma con un comportamento pacifico coerente con la propria presa di posizione, al regime sanguinario nazista impegnato a reclutare soldati tra la popolazione austriaca atta ad arruolarsi, si trasforma in un vero e proprio calvario e percorso verso un cammino di passione sacra, ma anche laica, in cui la dolce consorte si trasfigura come una Madonna comprensiva e segretamente orgogliosa di essere stata scelta in moglie da un antieroe sacrificale e puro che pare un messia incompreso e deriso.

Valerie Pachner

A Hidden Life (2019): Valerie Pachner

August Diehl

A Hidden Life (2019): August Diehl

E chi meglio dello splendido Terrence Malick, poteva tradurre in immagini sublimi circa tre ore di girato che si trasformano in un'opera della maturità pienamente raggiunta, attraverso la quale il sensibile e raffinato cineasta si riappropria di un compiuto tessuto narrativo, completandolo della magia ormai nota del proprio stile a inquadratura larga che include panoramiche e sfondi a perdita d'occhio? La risposta è scontata, almeno dal mio punto di vista. Malick si riappropria del racconto dall'incedere più tradizionale e vi unisce musiche classiche e sinfonie del tutto pertinenti, oltre all'ormai noto commento off di voce femminile severa, ma pure rassicurante e materna, che accompagnava le ultime riflessive e complesse opere concepite dallo schivo maestro, in questo ultimo venntennio caratterizzato da un'attività mai così frenetica e regolare.

August Diehl, Bruno Ganz

A Hidden Life (2019): August Diehl, Bruno Ganz

Questo connubio tra riflessione estatica e concreto corso degli eventi ora, finalmente, con questo capolavoro, si fonde in una perfezione che suscita nello spettatore una ripetizione di emozioni che lo colgono a più riprese, anche. dopo quasi tre ore di raccoglimento compunto, e vero e proprio abbandono al corso degli eventi. Alla riuscita di questa sensazionale, delicata, poetica opera d'arte, contribuiscono le prove eccelse di due attori coesi e convincenti come risultano August Diehl e Valerie Pachner, protagonisti assoluti della drammatica, orgogliosa e coraggiosa scelta di vita che sta alla base del film.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati