Espandi menu
cerca
Enrico V

Regia di Kenneth Branagh vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stefano L

Stefano L

Iscritto dal 23 settembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 57
  • Post -
  • Recensioni 456
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Enrico V

di Stefano L
8 stelle

Risultati immagini per Enrico V (1989)

 

1413: Enrico V d'Inghilterra, su suggerimento di alcuni viscidi, persuasivi chierici, vuole rivendicare i suoi diritti sul trono di Francia, riconosciuti dalle dichiarazioni della legge salica. Carlo VI però si oppone, ed Enrico V, sebbene supportato da un esercito numericamente limitato, si affretterà a scendere con determinazione e orgoglio sul campo di battaglia. Tenterà la vittoria sugli offensivi e ostili francesi, in principio nella cittadina di Harfleur, e successivamente presso Anzicourt. Le traversie del giovane Re alterneranno momenti strazianti con attimi di esistenza più frugali e spensierati... Girato con mezzi minimalisti e allestito con una scenografia esigua e suggestiva, "Enrico V" di Branagh trae linfa vitale da dialoghi eleganti e abbastanza fedeli all'opera del bardo; patriottico o meno il lavoro del regista britannico è un gran pezzo di cinema forgiato da uno script solido, da immagini mozzafiato e da interpreti ragguardevoli. Inizialmente pensato come remake dell’omonimo metraggio di Oliver, il film fece il botto al botteghino e si guadagnò la fama di un ammaliante scorcio atavico dall’afflato mitologico. La cadenza della trama, coinvolgente e con pochi rallentamenti, nonché l’incredibile solerzia orale della recitazione rendono il metraggio un’esperienza audiovisiva rara e preziosa. La difficoltà maggiore della messa in scena consisteva nella scansione di una narrazione che fosse capace di restituire allo spettatore la poetica e il dinamismo verbale del celebre testo; affinché l’astante in qualche modo si identificasse nelle gesta del protagonista, o almeno entrasse in empatia con esso, rimanendone rapito dalla verve affascinante, e lasciandosi trascinare nel quadro a sfondo epico, la raffigurazione doveva sostanzialmente essere in grado di far trapelare il pathos e l’energia delle parole vergate su carta. Branagh non sempre gestisce con zelo le sequenze melodrammatiche e sentimentali (il flirt tra Enrico e Katherine si prolunga in maniera eccedente). Oltre a questo, la chiarezza della prosa non è completamente confacente al pubblico medio: le arringhe di Enrico V appagheranno con più probabilità chi ha una maggiore familiarità con l’opus shakespeariano. La mésse quindi è avvincente, benché non esente da qualche smagliatura. L’avvio difatti si protrae flemmaticamente con tutta quella serie di vicissitudini che profilano il carisma e la sagoma iconica di Enrico V, per poi perdersi un po’ nelle parentesi da feuilleton e nei parzialmente impantonati frammenti al fulmicotone degli scontri all'arma bianca; quest'ultimi si rivelano fulgidi e travolgenti, nonostante in certi punti diano l’impressione di dilatarsi troppo. Un’inanellamento a volte claudicante di pause ed accenti non lede comunque il piacere dello spettacolo, il quale, tirando le somme, espone una foggia eclettica di un mix ben dosato di azione, lirica e contenuti storici. Non si può inoltre non ammirare la bellezza della fotografia: la parvenza sgargiante di colori e contrasti, le fonti luminose seducenti e le superbe sfumature delle tonalità sono tasselli di un’estetica incantevole. Le performance di Branagh, invece, sono cariche di un'enfasi passionale memorabile, egregiamente esaltata dagli spartiti musicali "O! for a Muse of Fire" e "St Crispin's Day" del compositore Patrick Doyle. Il resto del cast, il quale annovera attori di prim'ordine, come Emma Thompson, Ian Holm, Paul Scofield, un adolescente Christian Bale e la bravissima Judi Dench, vede anche l'apprezzata presenza di Derek Jacobi nei panni di un Coro che si immette nei passaggi del plot con il compito di raccontare didascalicamente (ma non invasivamente) il susseguirsi delle vicende... Branagh realizza una gradevolissima ed eloquente versione di "Henry V" adattando convincentemente il linguaggio teatrale a quello del cinema, riuscendo altresì a non farsi bistrattare dai puristi dei classici della letteratura inglese.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati