Espandi menu
cerca
The Meyerowitz Stories

Regia di Noah Baumbach vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 277
  • Post 181
  • Recensioni 4575
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Meyerowitz Stories

di alan smithee
4 stelle

Grace Van Patten, Ben Stiller, Adam Sandler, Elizabeth Marvel

The Meyerowitz Stories (2017): Grace Van Patten, Ben Stiller, Adam Sandler, Elizabeth Marvel

CANNES 70 - CONCORSO 

Harold Meyerowitz è uno scultore minore mai realmente apprezzato nei circoli culturali newyorkesi. 

Ha avuto 4 mogli, 3 matrimoni ( il primo fu annullato), 3 figli da altrettante consorti. Poco prima che il Mome gli dedichi la tanto agognata personale, un ictus lo riduce tra la vita e la morte.

Toccherà ai tre bizzarri e strampalati figli gestire la situazione, in un crescendo di situazioni tragicomiche e a volte imbarazzanti, in cui gli stessi dovranno chiarire finalmente molti conti lasciati in sospeso dall'uomo e da loro stessi.

Dustin Hoffman, Noah Baumbach

The Meyerowitz Stories (2017): Dustin Hoffman, Noah Baumbach

Grace Van Patten, Adam Sandler, Ben Stiller

The Meyerowitz Stories (2017): Grace Van Patten, Adam Sandler, Ben Stiller

Baumbach sbarca al Concorso con un film "all stars" (tanto paga Netflix) con la solita tiritera radical-chic ma anche bolsa e risaputa, tutta parole ed umorismo sofisticato.

Insomma pare di trovarsi certo in un film di Allen, ma dell'anno sbagliato on cui il maestro galoppa ormai con cadenza ricorrente e precisa.

Sandler e Stiller si affronta o anche in un corpo a corpo goffo come i loro rispettivi personaggi di perdenti o di illusi.

Dustin Hoffman, Emma Thompson

The Meyerowitz Stories (2017): Dustin Hoffman, Emma Thompson

Adam Sandler, Ben Stiller, Elizabeth Marvel, Grace Van Patten

The Meyerowitz Stories (2017): Adam Sandler, Ben Stiller, Elizabeth Marvel, Grace Van Patten

Niente di particolarmente esaltante a parte le voci magnifiche di Dustin Hoffman ed Emma Thompson. 

Loro si, valgono il prezzo del biglietto....ops...dell'abbonamento mensile a Netflix....

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati