Espandi menu

cerca
Austerlitz

Regia di Sergei Loznitsa vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Badu D Shinya Lynch

Badu D Shinya Lynch

Iscritto dal 28 marzo 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 85
  • Post 1
  • Recensioni 152
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Austerlitz

di Badu D Shinya Lynch
8 stelle

L'unico horror moderno (in)concepibile oggi.

 

Un terribile ed agghiacciante film dell'orrore che non spaventa (più). Un'operazione diaziana ribaltata, eticamente capovolta: al contrario di Lav Diaz, Loznitsa imprime, scolpisce su pellicola la non-memoria, piuttosto che la memoria; la dimenticanza di quest'ultima, riguardante un periodo storico catastrofico. Un'Immagine che è, quindi, memoria della non-memoria. In base anche a quanto detto fin'ora, Austerlitz potrebbe essere definito come il solo film apocalittico possibile oggi insieme a Spring Breakers (nonostante il gesto e l'intento filmici siano opposti).

 

Il documentario di Loznitsa è un lavoro che scuote le coscienza dello spettatore. Un'opera che non può lasciare indifferente il pubblico. Un film in cui l'orrore viene modernizzato, tecnologizzato, museificato. Quindi un'Immagine che si devitalizza, si spegne, (ar)resa ad uno spettatore inteso come turista, non più, quindi, spettatore di un Cinema, ma spettatore di un museo, di una mostra. Quindi, l'Immagine che smette di pulsare, e diventa Fotografia, testimonianza (cinematografica) di un mondo spento, standardizzato.

 

Fuori-campo di concentramento. L'unico non-luogo filmico in cui "ricordare l'orrore".

 

scena

Austerlitz (2016): scena

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati