Spira Mirabilis

play

Regia di Martina Parenti, Massimo D'Anolfi

Con Marina Vlady Vedi cast completo

In streaming
  • iTunes
  • iTunes
  • iTunes
  • iTunes
In STREAMING

Trama

Il concetto di immortalità, inteso come proprietà di vivere per sempre, si esprime attraverso i quattro elementi simbolici della natura: l'acqua, l'aria, la terra e il fuoco. Esiste però anche un quinto elemento aristotelico che lo caratterizza: l'etere.

Approfondimento

SPIRA MIRABILIS: LA TENSIONE VERSO L'IMMORTALITÀ

Diretto e scritto da Massimo D'Anolfi e Martina Parenti, Spira Mirabilis è girato in diversi luoghi del mondo ed è una sinfonia visiva che fa da inno alla migliore parte degli uomini rendendo omaggio alla ricerca e alla tensione verso l'immortalità. Simbolo di perfezione e di infinito, la "spirale meravigliosa" - Spira mirabilis, come venne definita dal matematico Jakob Bernoulli - è una spirale logaritmica il cui raggio cresce ruotando e la cui curva si "avvolge" intorno al polo senza però raggiungerlo mai.

Con la direzione della fotografia dello stesso D'Anolfi e le musiche di Massimo Mariani, Spira Mirabilis si compone di quattro parti più una, dedicate ai quattro elementi naturali - la terra, l'acqua, l'aria e il fuoco - a cui se ne aggiunge un quinto, l'etere. La terra è rappresentata dalle statue del Duomo di Milano, sottoposte a una continua rigenerazione; l'acqua ha il suo simbolo in Shin Kubota, uno scienziato cantante giapponese che studia la Turritopsis, una piccola medusa immortale; l'aria ha la sua sintesi in Felix Rohner e Sabina Schärer, una coppia di musicisti inventori di strumenti/scultura in metallo; il fuoco è importante per Leola One Feather e Moses Brings Plenty, una donna sacra e un capo spirituale, e per la loro piccola comunità lakota da secoli resistenti a una società che li vuole annientare; l'etere, infine, è rappresentato dall'attrice Marina Vlady che, dentro un cinema fantasma, narra L'immortale di Borges.

A spiegare meglio origini e intenzioni del progetto sono gli stessi registi in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2016: «Venuti a conoscenza di Shin Kubota e dei suoi studi sulla medusa immortale, abbiamo subito capito che questo era il punto di partenza del nostro film: un uomo alle prese con l'immortalità.

Nei nostri precedenti lavori abbiamo indagato il rapporto fra l'uomo e le istituzioni, in Spira Mirabilis ci interessava invece realizzare un film in cui l'uomo si confrontasse con i propri limiti e le proprie aspirazioni.

Il fatto che poi l'immortalità avesse le sembianze di una piccola e  meravigliosa medusa, ci ha subito convinti.

Ci siamo tuffati in un mondo di acqua e di ricerche scientifiche che ci hanno restituito immagini di straordinaria bellezza: il piccolo può diventare grandissimo, l'universale un dettaglio. Così il gioco cinematografico di lenti microscopiche ci ha consentito di osservare l'invisibile e svelare ciò che normalmente è celato.

Ma la ricerca scientifica, malgrado il meraviglioso mondo che porta con sé, non può esaurire l'eterna tensione dell'uomo verso l'immortalità. Attraverso un percorso di accumulo, suggestione, assonanze abbiamo capito che l'acqua doveva accompagnarsi con gli altri elementi della natura: terra, aria, fuoco ed etere.

Il processo di ricerca delle storie è stato semplice e naturale e ha combinato situazioni su cui riflettevamo da tempo con improvvise scoperte.

Milano, Berna, Wounded Knee, Shirahama su una cartina geografica immaginaria compongono il disegno della nostra spirale meravigliosa.

Spira Mirabilis ha una struttura narrativa che combina pensiero razionale ed emotivo e dà vita a un affresco poetico che racconta la parte migliore di noi, mostrando la responsabilità, la debolezza e la forza che gli uomini hanno nei confronti del mondo in cui nascono, crescono, vivono e di cui sono semplicemente ospiti passeggeri.

Spira Mirabilis è un film contemplativo che cerca di toccare "il cuore del cuore delle cose" in modo che da una pratica di osservazione nasca una trasfigurazione del reale, un film che vive della quotidianità dei tempi e degli spazi di chi li abita più che dell'irripetibilità degli eventi.

In Spira Mirabilis gli elementi, le storie, gli archivi sono montati tra loro assecondandone assonanze poetiche e visive. Abbiamo cercato una "scrittura" elastica, plurale, che non temesse deviazioni e brusche interruzioni, anzi che fosse in grado di allungarsi e di contrarsi per passare in modo fluido dal grande al piccolo, dal generale al particolare, dal comico al tragico, dal singolo alla comunità e viceversa.

Da questa tensione scaturisce la "spirale meravigliosa": l'umano tentativo di accettare e contemporaneamente superare i propri limiti».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Quattro differenti "storie di immortalità", girate in quattro diverse parti del mondo, sfruttano il concetto di "spirale meravigliosa". Così definita dal matematico Jackob Bernoulli, è una spirale logaritmica il cui raggio cresce ruotando e la cui curva si “avvolge” intorno al polo senza però raggiungerlo mai.

Commenti (1) vedi tutti

  • Documentario magari anche Sperimentale assai stralunato e poco capibile.voto.1.

    commento di chribio1
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Il senso evolvente.   Ha tutto inizio con la creazione. L'immagine buia nasconde qualcosa, sotto la coltre della superficie; dei segni, delle luci. La Pietra colpisce il blocco di marmo terrestre e crea le cose, porta l'immagine. A crearla non è qualcuno, ma è la Pietra, il mezzo, l'atto (e non il fatto). Intanto la sala buia si riempie della luce di alcuni fulmini… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Spaggy di Spaggy
4 stelle

L’immortalità è un tema che interessa solo il genere umano. Nessun’altra specie vivente teme la morte semplicemente perché non ha concezione. E allora cos’è l’immortalità per l’uomo? Da questa domanda prende avvio Spira mirabilis, opera con cui i registi Massimo D’Anolfi e Tiziana Parenti si allontano leggermente dal loro… leggi tutto

2 recensioni negative

2019
2019
2018
2018

Perle nascoste

MVRulez di MVRulez

Il titolo (forse un po' troppo altisonante) di questa playlist ne racchiude il suo scopo: catalogare alcune opere meritevoli (sia classiche che moderne) le quali, per un motivo o per un altro, rischiano di rimanere…

leggi tutto
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 13 febbraio 2018 su Rai Movie
2017
2017
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2016
2016
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 13 voti
vedi tutti
Uscito nelle sale italiane il 19 settembre 2016
locandina
Foto

VENEZIA 73 IN ORDINE DI PREFERENZA

alan smithee di alan smithee

Aspettando i risultati ufficiali della Giuria, appena finito di vedere, col film di Kusturica, tutti e venti i film del concorso, mi accingo a stilare una classifica che rappresenta in ordine di preferenza, i miei…

leggi tutto
Playlist

Recensione

nickoftime di nickoftime
7 stelle

Il primo film in concorso alla Mostra del cinema non fa nulla per nascondere le proprie ambizioni rifacendosi fin dal titolo - "Spira Mirabilis", la spirale meravigliosa come venne definita dal matematico Jackob Bernoulli - a ideali di bellezza e di infinito che rasentano il divino. In realtà nel lavoro di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti ogni cosa ha origine da principi concreti e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

VENEZIA 73 - CONCORSO Cosa lega l'attrice Marina Vlady che legge Borges, un ricercatore giapponese che studia una specie di medusa che si rigenera da sola, l'associazione che da oltre 600 anni mantiene in vita e rinnova costantemente una struttura in perenne metamorfosi di rinnovamento come il Duomo di Milano; un paio di musicisti inventori di uno strumento a percussione che tenda alla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Il senso evolvente.   Ha tutto inizio con la creazione. L'immagine buia nasconde qualcosa, sotto la coltre della superficie; dei segni, delle luci. La Pietra colpisce il blocco di marmo terrestre e crea le cose, porta l'immagine. A crearla non è qualcuno, ma è la Pietra, il mezzo, l'atto (e non il fatto). Intanto la sala buia si riempie della luce di alcuni fulmini…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito