Espandi menu
cerca
Spider-Man: Homecoming

Regia di Jon Watts vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Paul Hackett

Paul Hackett

Iscritto dal 2 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post -
  • Recensioni 1559
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Spider-Man: Homecoming

di Paul Hackett
4 stelle

L'adolescente Peter Parker si divide tra le incombenze scolastiche e un impegnativo apprendistato da supereroe, seguito dal magnate Tony Stark/Iron Man che, attraverso le sue Stark Industries, gli ha fornito un ipertecnologico costume da Spiderman. Un'indagine su alcune pericolosissime armi vendute al mercato nero lo porterà sulle tracce di una banda di criminali capeggiata da Adrian Toomes, alias Vulture, l'Avvoltoio.

 

Chissà perché, si è sempre rivelata ardua l'impresa di trasporre sul grande schermo le gesta del più celebre dei personaggi Marvel. Tralasciando per ovvi motivi i deplorevoli tentativi anni 70, il regista che più si è avvicinato alla perfezione è stato senza dubbio il mai abbastanza celebrato Sam Raimi, con la sua trilogia culminata nel (quasi) capolavoro Spiderman 2. A seguire, l'incomprensibile reboot (con corollario di inutile sequel) firmato da Marc Webb e infine (?) un'ennesima ripartenza (che trae spunto dalla comparsata di questa nuova versione dell'Arrampicamuri in Capitan America: Civil War), per la regia del carneade Jon Watts. Ce n'era davvero bisogno? La domanda è ovviamente retorica: Spider-Man: Homecoming irrita profondamente per la rappresentazione di un Uomo Ragno in piena fase prepuberale o giù di lì e nella ricerca insistita di una comicità che, a differenza di altre, ben più riuscite, pellicole Marvel recenti, non fa praticamente mai ridere, risultando a tratti francamente fastidiosa e fuori luogo. Non basta, poi, qualche comparsata di lusso (da Robert Downey Jr/Iron Man a Chris Evans/Capitan America) a dare spessore a un cast, a cominciare dall'insulso protagonista, francamente mediocre (si salva solo, di puro mestiere, un a sprazzi luciferino Michael Keaton). Solita pedante colonna sonora dell'onnipresente Michael Giacchino. Con un sequel uscito nel 2019 e un terzo episodio annunciato (forse, ma speriamo di no) per il 2021: chissà se per allora questo Spiderman sarà finalmente diventato adulto.

 

Imbarazzante: 4/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati