Espandi menu
cerca
Caro diario

Regia di Nanni Moretti vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 362
  • Post 183
  • Recensioni 5606
  • Playlist 114
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Caro diario

di supadany
10 stelle

VOTO : 8.

Questo è stato il primo film di Moretti che ho visto, avevo 16 anni e guardavo quasi solo film ad alto tasso spettacolare, ma, dopo il massimo riconoscimento ottenuto al Festival di Cannes (inutile ricordare l’affetto e l’amore spasmodico che i francesi nutrono per lui), mi sentii moralmente obbligato a vederlo.

Fu amore a prima vista.

Il film è costituito da tre storie che raccontano un po’ tutto il vero Moretti, con una serie di dialoghi e punti di vista (sul cinema, sul tennis, sulla gente, sulla vita), oltre che esperienze personali, come la malattia.

Il primo episodio vede il buon Nanni girovagare per le strade di Roma in un caldo agosto con la sua fidata vespa (con l’immagine che diventerà un po’ il suo simbolo), andare al cinema, con una critica ad un film che ha sollevato un vero e proprio vespaio ai tempi, e di conseguenza crocifiggere un critico reo di averlo incensato.

Il secondo lo vede in trasferta, dove incontro un amico con il quale potrà disquisire sulla televisione.

Nel terzo ripercorriamo una sua vicenda personale, una malattia, ed il conseguente travaglio dovuto a diagnosi affrettate, cure sbagliate e medici poco avvezzi a capire.

Diciamolo subito, a me questo film piace davvero da matti.

Semplice, ma contemporaneamente umano, personale, cartina tornasole dell’io morettino, egocentrico come pochi (pur non condividendo buona parte delle sue idee è un personaggio che mi piace ascoltare, mi sta simpatico), ma vero anche quando ha delle esternazioni altisonanti.

Irresistibili alcuni monologhi, bellissimo vedere il Moretti padre che si crogiola il suo pargoletto, parlare di Pasolini, sfottere i tennisti italiani (ed il loro storico braccino nei momenti decisivi),  e via dicendo affrontando un po’ tutte le cose che gli interessano da sempre di più, in positivo ed in negativo.

Il primo ed il terzo episodio li ho trovati bellissimi (meno il secondo, più leggero, ma con temi meno suggestivi), il terzo proprio lo reputo magnifico, per lo sguardo sulla vita (beh non è un’esperienza solo sua) che regala.

Sarà anche quasi un docufilm personale, ma presenta un mondo, il suo, con naturalezza, personalità ed un tocco estremamente felice, facendo un cinema privo di costrizioni, lontano anni luce da quello che è consuetudine in Italia (ed infatti è più amato Oltralpe) che mi risulta impossibile non amare.

Per me stupendo, cinque stelle e via.

Su Nanni Moretti

VOTO : 8.
Regia semplice e lineare che affronta il suo mondo con intelligenza, disinvoltura, manifestando a pieno regime il suo egocentrico "io".

Su Nanni Moretti

VOTO : 7,5.
Facile recitare nei panni di se stesso, ciò non toglie che cattura l'attenzione mettendosi in mostra e non è cosa da tutti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati