Espandi menu
cerca
Il camorrista

Regia di Giuseppe Tornatore vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 368
  • Post 189
  • Recensioni 5657
  • Playlist 115
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il camorrista

di supadany
8 stelle

Importante, quanto costoso, esordio cinematografico di Giuseppe Tornatore che si affida a un tipo di una storia dal buon affidamento - attraversata soprattutto da intrighi malavitosi, in questo caso con la camorra assoluta protagonista - mettendo in risalto brillanti qualità registiche a sostegno di un racconto che, snodandosi per oltre due ore e mezza, presenta pochi passaggi discutibili e molti altri decisamente ben composti, senza perdere mai il coraggio, così come la crudezza.

Il Professore (Ben Gazzara) è un uomo che nel carcere trova la sua dimensione di uomo del malaffare, arrivando al punto di controllare anche da dietro le sbarre i traffici della nuova camorra.

Quando torna finalmente libero, stringe accordi anche con importanti uomini d’affari, mentre la discesa in campo delle Brigate Rosse lo porta anche a collaborare direttamente con lo Stato.

 

Ben Gazzara

Il camorrista (1986): Ben Gazzara

 

Il camorrista è un'opera molto ricca, nella quale il lungo minutaggio viene pienamente sfruttato per rendere al meglio le tante connotazioni che una storia come questa può garantire.

Così si passa agevolmente dal primo contatto con il mondo criminale, avvenuto in concomitanza con l’arresto per omicidio, all’ascesa di popolarità in carcere, sia tra i detenuti, sia tra i secondini, dalla conquista del potere al di fuori delle sbarre, con battaglie in campo, ai contrasti con chi (pochi) nella legge ci crede, fino alle commistioni direttamente con lo Stato,  senza poi dimenticare la malinconia delle spalle voltate quando il tempo ha fatto il suo corso e c’è un nuovo che avanza.

Un film costruito evitando tempi morti, ma sempre con un occhio rivolto alla ricerca di un equilibrio formale curato ed eloquente, con ricchezza di sentimenti derivanti da rapporti di sangue (con la sorella costretta in pratica a non pensare ad altro che agli affari del fratello, con tanto di rimpianto finale), di amicizia (con l’amico di sempre poi eliminato frettolosamente) e di interesse (la maggior parte delle persone che vogliono solo conseguire i propri interessi).

Lavoro dunque denso, che ama coltivare il gusto del racconto arioso e che possiede diversi elementi collaudati da porre in rilievo, tra gli altri anche un finale di una crudezza e risoluzione assoluta, riuscendo peraltro ad ottenerli con gran decisione, senza comunque mai andare fuori giri.

Coinvolgente e spietato.

 

Giuseppe Tornatore

Esordio registico con gli attributi.

Sviluppa un racconto solido dimostrando di saper valorizzare i momenti cardine senza perdere mai di vista il filo del discorso.

Molto valido.

Ben Gazzara

Alle prese con uno di quei personaggi tipicamente adatti a ben figurare al cinema, offre un'interpretazione di grande spessore dall'inizio alla fine.

Affidabile e sicuro, a tratti maestoso.

 

Laura Del Sol

Ruolo che presenta i suoi buoni momenti nei quali l'attrice risulta efficace.

Interpretazione discreta.

Leo Gullotta

Nei panni del Commissario Iervolino, qui ancora distante dal cinema becero che per lo più lo ha visto impegnato negli anni a seguire.

Attinente.

Marzio Honorato

Sufficiente.

Franco Interlenghi

Sicuro.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati