Espandi menu
cerca
Il cameraman

Regia di Edward Sedgwick vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ed wood

ed wood

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 2
  • Recensioni 1330
  • Playlist 9
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il cameraman

di ed wood
8 stelle

Mi sono fatto un'idea un po' particolare di questo film. Normalmente "Il Cameraman" viene considerato un meta-film nel quale si riflette su come l'immagine riprodotta della realtà possa influire, (de)mistificandola, sulla realtà stessa. Chiaramente questo tema è ben presente, specialmente nella prima e nell'ultima parte. Tuttavia ritengo che a dare il tono e il senso all'opera sia quella lunga parte centrale che vede Buster alle prese con un rovinoso tentativo di corteggiamento. Vedendo il nostro outsider continuamente risucchiato dalla folla indistinta e insidiato da aitanti tipi che cercano di fregargli la ragazza, non possiamo che provare pena ed amarezza: in queste tragicomiche sequenze, Keaton ci mostra (attraverso un dimesso realismo psicologico e interpretativo in anticipo sui tempi, che non si smentisce anche quando sfocia nell'onirico, nel surreale, nell'iperbolico) cosa significhi essere del tutto incompatibili con un modello di vita, di lavoro, di società basato su sopraffazione, opportunismo e precarietà delle relazioni umane. Penso che in questo film il discorso sull'irrealizzabilità dei propri sogni, specie amorosi, sia più approfondito rispetto a quello sul rapporto cinema/realtà: d'altra parte, pare evidente come il cinema (inteso, in senso ampio, come ripresa e trasfigurazione del reale) sia l'unica arma, l'unica possibilità di riscatto per chi da questa vita corrotta è destinato a ricevere solo cantonate. L'epilogo parla chiaro in questo senso. Film ricco di spunti di argomentazione, riscontrabili nell'articolazione della trama e dei dettagli: espedienti apparentemente gratuiti (la partita di baseball immaginaria, la parodia delle avanguardie europee involontariamente filmata da Buster e schernita dai boss della M-G-M, fino alla scimmia co-protagonista) si prestano in realtà alle più svariate interpretazioni. Detto questo, devo dire che, dal punto di vista della ricerca formale sullo spazio e sul movimento, ho trovato più creativi e strabilianti The General e Sherlock Jr.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati