Espandi menu
cerca
Il pasto nudo

Regia di David Cronenberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

axe

axe

Iscritto dal 23 marzo 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 24
  • Post -
  • Recensioni 1228
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il pasto nudo

di axe
7 stelle

William Lee è uno scrittore tossicomane di New York, sposato con Joan, della quale accetta i tradimenti ed una forte dipendenza da droghe e, in particolare, da una particolare polvere che l'uomo utilizza nel suo lavoro di disinfestatore. Gli insetti sono suoi nemici, ma non solo; proprio alcuni di essi influenzano con la sua vita. Uno scarafaggio gigante l'avvisa che la moglie è un agente segreto di un'organizzazione misteriosa e nemica; William uccide involontariamente la consorte, poi è inviato da un alieno nell'Interzona, grande città ai margini del deserto; qui entra in contatto sia con altre creature, ibridi insetto-macchina da scrivere, sia con esseri umani, promiscui e libertini; i contorni di una cospirazione si fanno più nitidi, ed il protagonista comprendere che deve trovare il misterioso Dottor Benway per annientarla. William è al centro di una realtà parallela, onirica, assurda, quasi inconciliabile con la nostra. Per comprendere il film è necessario conoscere il pensiero sia del regista David Cronenberg sia dello scrittore di William S.Burroughs, autore del romanzo "Pasto Nudo", fonte di ispirazione per il cineasta canadese. Del primo, ho visto ed apprezzato diverse opere; il secondo mi è ignoto. Leggendo la biografia emergono diversi riferimenti autobiografici nel racconto. Il protagonista, come Burroughs - ed il personaggio di Tom Frost - è uno scrittore. Ne deduco che la sua essenza di artista sia connessa allo stile di vita che questi soggetti prediligono; l'alterazione artificiale della percezione è uno strumento di connessione con altre realtà, altri mondi; noi, da spettatori, non possiamo comprenderli. Essi vivono su un altro piano dell'esistenza; possono muoversi da esso al nostro, liberi dai limiti delle convenzioni, ed, allo stesso tempo, indifesi di fronte alle pulsioni distruttive. La corruzione, la morbosità, la contaminazione, sono temi ricorrenti nel cinema di Cronenberg. Qui è rappresentata dalle presenze di una misteriosa creatura dalle sembianze aliene, insetti giganti, assurdi ibridi tra macchina e materia organica; raffigurazione di una sorta di metamorfosi donna/uomo; macellerie di insetti. Anche sotto l'aspetto emotivo e sentimentale, è presente un'assoluta assenza di convenzioni e limiti. I personaggi praticano ed ammettono promiscuità sessuali di ogni sorta; l'omosessualità non è un tabù, ed anzi, pare incoraggiata. Per la quasi totalità della narrazione, vediamo gli eventi con lo sguardo "abbacinato" del protagonista; alcuni fotogrammi ci richiamano alla nostra realtà. Tuttavia, man mano che il racconto procede, il distacco dalle nostre logica e percezione aumenta, fino alle battute finali, che mostrano come anche un rapporto causa/effetto non porti a quanto ci aspetteremmo. Buona interpretazione per Peter Weller; il suo William, pur in quella che, secondo un certo metro di giudizio, appare follìa, è sempre lucido e coerente; l'interazione con le creature fantastiche non lo sconvolge per ciò che è, bensì per le rivelazioni che esse gli fanno. Tra le ambientazioni, ho apprezzato la ricostruzione della città dell'Interzona, simile ad una località dell'Africa del nord. Di un certo effetto le rappresentazioni degli "abomini" con cui dialoga William, in particolare gli incroci tra macchina da scrivere ed insetto. Ottima la colonna sonora di Howard Shore. L'opera ha una notevole complessità. L'assurdità della trama e la costante apparizione di elementi "repellenti" possono scoraggiare, sin dalle sequenze iniziali, uno spettatore "casuale": presupposto per apprezzarla a pieno è, pertanto, la conoscenza del pensiero dei suoi autori, il regista David Cronenberg e l'ispiratore Burroughs.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati