Espandi menu
cerca
Café Express

Regia di Nanni Loy vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 89
  • Post 64
  • Recensioni 4464
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Café Express

di sasso67
8 stelle

Anche se a una prima impressione il film di Nanni Loy può sembrare d'impianto realistico, è la musa del grottesco che vi mena le danze. Si tratta soprattutto, infatti, di una metafora su un'Italia meridionale stracciona, patetica, arrangiona con appena qualche speranza di evolversi (come può indicare il personaggio interpretato da Leo Gullotta) quanto meno al livello dell'Italia settentrionale.

È un'Italia, questa, non ancora da bere, che sembra avere bisogno di essere presa per mano da qualche leader che la conduca verso un sogno di modernità, illusione che sapranno offrire, in sequenza, prima Craxi e poi Berlusconi.

Nino Manfredi è mattatore in questo film peraltro pieno di buoni interpreti e caratteristi (Caprioli, Mezzogiorno, Gigi Reder, Lina Sastri) di ottima scuola, soprattutto napoletana.

Dicevo che la vicenda si svolge in un'Italia stracciona (in particolare su quello che, secondo Guccini, ma cent'anni prima, sembrava un mito di progresso, cioè il treno), come dimostrano quei ferrovieri, costretti a viaggiare di notte attraverso stazioni la cui illuminazione sembra risalire agli anni del fascismo (con una burocrazia di tipo austroungarico che rimanda ai romanzi di Kafka e Hrabal), eppure ancora dotata di grande umanità, cosa che non si può sempre dire del nostro paese di oggi.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati