Espandi menu
cerca
Il cacciatore di squali

Regia di Enzo G. Castellari vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Marco Poggi

Marco Poggi

Iscritto dal 5 settembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 13
  • Post 6
  • Recensioni 965
  • Playlist 108
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il cacciatore di squali

di Marco Poggi
7 stelle

Film avventuroso made in Italy di una certa fattura, con Franco Nero, con tanto di capigliatura da hippie, che, come da titolo, di professione fa il cacciatore di squali;che cerca tesori sommersi. Divertente, esotico e pieno di scazzottate, ha più riferimenti ai film di James Bond che a "Lo Squalo" di Steven Spielberg, visto che Nero è un ex-007.

Film avventuroso made in Italy di una certa fattura, con Franco Nero, con tanto di capigliatura da hippie (sigh), che, come da titolo, di professione fa il cacciatore di squali; ma anche il cerca tesori sommersi, visto che qui tutti, buoni e cattivi, sono sulle tracce di un aereo pieno di dollari caduto in mare. Divertente, esotico, pieno di scazzottate e con la colonna sonora dei fratelli de Angelis, il film di Enzo G. Castellari (che compare pure nel ruolo di uno dei picchiatori del cattivo) non si prende mai sul serio. Le riprese subacquee, poi, sono ottime e degne di rivaleggiare con quelle altrettanto riuscite dei film di 007. Purtroppo, i riferimenti a "LO SQUALO", il  noto film horror di Steven Spielberg del 1975, si riducono alla professione di Franco Nero, che è la stessa che aveva Robert Shaw, e a qualche indovinata scena con gli squali braccati all'inizio. Poi, si sterza verso l'avventura guascona e il pericolo si sposta dagli squali alla "solita" banda di cattivi che si vuole arricchire alle spalle di chi è più povero. Il protagonista, Mike, poi, oltre a piangere i propri cari, morti in un incidente stradale, è anche un ex-agente segreto che si finge morto per recuperare il  denaro caduto in mare di cui parlavo sopra, sorvegliato, guarda caso, da un branco di squali assassini. Curioso che il cattivo sia lo stesso di "DJANGO", anche se qui l'atmosfera, rispetto al western spaghetti di Sergio Corbucci, sia più solare e spaccona. Franco Nero è comunque abbastanza spiritoso, benché oltre alle scazzottate alla Spencer & Hill ci aggiunge pure qualche sparatoria e un inseguimento fra un biplano e un motoscafo ben fatto. Variegato il cast, fra cui l'amicone ispanico che aiuta Mike senza chiedere nulla in cambio e la spia americana mandata sul luogo per ritrovare lui e l'aereo scomparso. Qui gli squali sono quasi alleati del nostro eroe, non certo un pericolo, ed è bello vederli azzannare i veri cattivi, anziché terrorizzare anche i buoni.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati