Espandi menu
cerca
I fantasmi d'Ismael

Regia di Arnaud Desplechin vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 72
  • Post 7
  • Recensioni 2824
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I fantasmi d'Ismael

di barabbovich
2 stelle

Mathieu Amalric ha un talento straordinario nel fiutare copioni astrusi e pretenziosi, quando non è lui stesso a decidere di passare dietro la macchina da presa e a scrivere il soggetto, come nell'inguardabile Tournée. È successo con Gli amori folli, Venere in pelliccia - e stiamo parlando di Resnais e Polanski - o persino con uno dei peggiori 007 che la storia ricordi, Quantum of Solace. Si aggiunge alla lista, qui ridotta ai casi più clamorosi, anche questo I fantasmi d'Ismael, film pasticciatissimo costruito tra flashback e storie parallele con ambizioni così tracotanti che solo i francesi…
La vicenda raccontata è quella dello scrittore e regista Ismael, sottaniere accasatosi con un'affascinante astrofisica (Gainsbourg), che dopo 21 anni si ritrova sull'uscio di casa la ex moglie (Cotillard), sparita improvvisamente e data per morta dopo aver fatto di lui un vedovo inconsolabile e del padre (Garrel) un uomo in depressione perenne. La bella donna se l'è spassata in India, dove si è anche sposata, per poi decidere di riandarsi a prendere il marito come fosse una sua proprietà. Siccome così il lungometraggio sarebbe stato troppo poco assurdo e non abbastanza estenuante, meglio mescolare a caso immagini del film che il protagonista-regista sta girando con quelle del nuovo copione che sta scrivendo: vedi mai che la confusione non è sufficiente…
Arnaud Desplechin aveva giù diretto Amalric ne I re e la regina, Racconto di Natale, Jimmy P. e I miei giorni più belli. Qui - con quest'opera velleitaria e tracotante - riesce a sprecare il talento di attrici come Marion Cotillard, Charlotte Gainsbourg e Hippolyte Girardot, mentre la nostra Alba Rohrwacher continua a collezionare prove di una mediocrità imbarazzante, sembrando sempre la solita bambina catapultata suo malgrado sul set.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati