Espandi menu
cerca
Ça ira - Il fiume della rivolta

Regia di Tinto Brass vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 132
  • Post 16
  • Recensioni 8989
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Ça ira - Il fiume della rivolta

di mm40
3 stelle

Le principali rivoluzioni e guerre del Novecento ripercorse attraverso materiale filmato d'archivio.

 

Subito di seguito al fulminante esordio con Chi lavora è perduto (1963), Tinto Brass assembla questo film di montaggio ispirato al tema della rivoluzione, che prende il titolo da un canto patriottico d'oltralpe, appunto 'ça ira' (cioè 'si farà': compare sia sui titoli di testa che su quelli di coda), che parla della rivoluzione francese. E' l'occasione per sfoggiare un commento di Giancarlo Fusco a tinte provocatorie e a tratti perfino sarcastiche, improntato a un'analisi sociopolitica schietta e non troppo ottimistica e letto dalle voci di Tino Buazzelli, Enrico Maria Salerno e Sandra Milo (il produttore non a caso è suo marito, Mors Ergas). Brass, ben lontano ancora dal cinema erotico, nostalgico e privo di particolari morali che segnerà la sua futura carriera nell'immaginario collettivo, si occupa personalmente del montaggio del materiale, chiudendo il film con la prossima rivoluzione in arrivo, cioè quella del popolo nero. Previsione non difficile, certo, ma comunque azzeccata. Non sempre si evitano i toni pesanti e morbosi del mondo movie, ma sostanzialmente il film risulta più politico che spettacolare. Il successivo lungometraggio del regista sarà Il disco volante, con Alberto Sordi e Silvana Mangano. 3,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati