Chiamami col tuo nome

play

Regia di Luca Guadagnino

Con Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, Victoire Du Bois, Vanda Capriolo, Antonio Rimoldi... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Netflix
  • Amazon Prime Video
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

A metà degli anni Ottanta, nell'Italia settentrionale, il diciassettenne Elio, l'unico figlio della famiglia italo-americana dei Perlman, si prepara ad affrontare un'altra noiosa estate nella villa dei genitori quando l'arrivo di Oliver sconvolge i suoi giorni. Accademico ventiquattrenne, Oliver è arrivato per aiutare il padre di Elio, insigne professore ed esperto di cultura greca. Durante le sei settimane di permanenza dell'ospite, Elio viene conquistato dal suo essere frizzante, spontaneo e affascinante.

Approfondimento

CHIAMAMI COL TUO NOME: IL DESIDERIO GIOVANILE DA UN ROMANZO DI ACIMAN

Diretto da Luca Guadagnino e sceneggiato dallo stesso con James Ivory e Walter Fasano, Chiamami col tuo nome è ambientato durante l'estate del 1983 nell'Italia del nord, dove il diciassettenne italo-americano Elio Perlman trascorre pigramente le sue vacanze in una villa seicentesca appartenente alla sua famiglia, trascrivendo musica e flirtando con l'amica Marzia. Un giorno, Oliver, un affascinante studioso americano ventiquattrenne alle prese con la tesi per il suo post dottorato, arriva nella villa per essere d'aiuto al padre di Elio, un eminente professore specializzato in cultura greco-romana. Nel corso di un'estate che cambierà per sempre le loro vite, Elio e Oliver scopriranno la bellezza inebriante del risveglio del desiderio e di un sentimento inatteso.

Con la direzione della fotografia di Sayombhu Mukdeeprom, le scenografie di Samuel Deshors, i costumi di Giulia Piersanti e la colonna sonora originale di Sufjan Stevens, Chiamami col tuo nome è l'adattamento dell'omonimo romanzo di André Aciman, pubblicato in Italia da Guanda nel 2008 e divenuto in breve tempo un caposaldo della letteratura omosessuale. Le ragioni della sua trasposizione cinematografica vengono spiegate dallo stesso Guadagnino: "Chiamami col tuo nome chiude una trilogia di film sul desiderio, cominciata con Io sono l'amore e continuata con A Bigger Splash. Mentre nei precedenti film il desiderio portava al possesso, al rimpianto, al disprezzo e alla necessità di liberazione, quello di Chiamami col tuo nome è il desiderio che appartiene agli idilli giovanili. Elio, Oliver e Marzia sono come smarriti in quella bella confusione ben descritta da Truman Capote quando disse che "l'amore, non avendo geografia, non conosce confini". Chiamami col tuo nome è anche un omaggio ai padri della mia vita, mio padre e i miei padri cinematografici: Renoir, Rivette, Rohmer e Bertolucci".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Chiamami col tuo nome è il regista palermitano Luca Guadagnino. Cresciuto in Etiopia fino all'età di sei anni e a Palermo dopo, si è laureato all'Università La Sapienza di Roma in Storia e Critica del Cinema con una tesi sul regista americano Jonathan Demme prima di dedicarsi alla regia del suo primo… Vedi tutto

Commenti (35) vedi tutti

  • Un film visivamente deludente, ora capisco perché in Italia non è attecchito. Gli italiani davvero sanno il fatto loro, checché ne dicano gli altri. Da evitare proprio, è tempo perso. Il peggior film dell'anno.

    leggi la recensione completa di maestro_farnese
  • Sarò arida, ma non riesco a identificarmi in questi ricconi nullafacenti in questa bellissima villa in campagna circondati da servitù. Sarà l'invidia di quei begli alberi carichi di frutta che i miei poveri alberelli se la sognano.... Il resto è noia....

    commento di Artemisia1593
  • Il film è un vero gioiello; era stato presentato un anno fa alla Berlinale, in una sezione speciale, ma qui da noi nessuno se ne era accorto, anche se da allora aveva raccolto prestigiose attestazioni di stima e riconoscimenti, fino alle ultime molto clamorose nomination ai Golden Globes e agli Oscar*.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Non è così superficiale come dice qualcuno. I discorsi filosofici di un padre che tutti vorremmo sulla libertà, sull'attimo fuggente amoroso, sulle sue sofferenze pari ai dolori, sul fisico che in breve tempo non attira più, lasciano il segno! Guadagnino ancora mi deve convincere del tutto tra picchi in alto e cadute in basso

    commento di marco bi
  • Potevo anche fermarmi dopo 27' con le note di "Love my way" degli Psychedelic Furs ma poi continuando la visione,il Film riesce a non appiattirsi in se stesso e rimanere valido Prodotto.voto.6.

    commento di chribio1
  • Un film che non ha avuto il coraggio di andare oltre il prevedibile, dove tutto è insopportabilmente patinato e superficiale e che lascia solo una labile traccia della durata di un’ estate... o anche molto meno...

    leggi la recensione completa di PrisD
  • Un film che ti tocca il cuore ce poco da dire. A meno che tu ce l'abbia di Pietra.

    commento di Fiesta
  • "Chiamami col tuo nome" di Luca Guadagnino oscilla tra il melò vestito di "caldo" mistero e il dramma esistenziale incentrato sulla scoperta della propria sessualità. Un film molto elegante nella forma, attraversato dal fuoco della cultura alta, ma che non riesce penetrare del tutto il mondo dell'animo umano che si è messo ad esplorare. Timido.

    commento di Peppe Comune
  • Tanto tuonò ma alla fine piovve molto poco.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Dopo una visione già molto positiva ma non completamente convinta - e già amante del romanzo - alla seconda mi convinco che il film è un capolavoro sotto ogni aspetto, con tutti i collaboratori in stato di grazia. Un vero gioiello di bellezza e umanità. Grazie Ivory e Guadagnino!

    commento di kotrab
  • Film interessante.Storia d'amore fuori dai soliti schemi.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Pesca, o albicocca?

    leggi la recensione completa di LAMPUR
  • Chiamami col tuo nome è un'opera che ridurre a storia d'amore sarebbe dannoso e fuorviante, come lo sarebbe semplificarla ad una delicata rappresentazione della scoperta del sentimento. Chiamami col tuo nome è un inno alla vita nella sua totalità, un'opera sull'accettazione della sofferenza.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Un storia d'amore fra 2 uomini.. messo in scena in un modo molto delicato.. amore che non è solo fisico ma un amore profondo.. all'inizio il film è lento e poco entusiasmante.. cresce come intensità e diventa coinvolgente nella sua secondo parte. Ottima regia e interpretazione. voto 8

    commento di nicelady55
  • Un film che accarezza soave l'emotività.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Un film d'amore dove non viene mai pronunciata la parola "amore" o "ti amo". Unico. Non un film gay, ma un film sulla possibile esistenza della bisessualità, peraltro argomento mai affrontato dai media. Hammer (sia in originale che doppiato) riesce a rendere simpatico un personaggio che se fosse reale sarebbe un bastardo.

    commento di crocedimalta
  • Molte luci (splendidamente fotografate) e qualche ombra di troppo nell'incontro dapprima spigoloso, poi sempre più intenso ed appassionato, tra Elio e Oliver, eroi del trionfo internazionale di Luca Gudagnino. Un'estate che cambierà la vita nel momento più intenso di una giovinezza che si fonde con la bellezza dell'arte e del paesaggio.

    leggi la recensione completa di BigSur
  • Se si potesse votare l'ambientazione, il film meriterebbe almeno 9, forse 10. Però, per contrasto, proprio la meticolosa ricostruzione dei tempi e dei luoghi fa a pugni con la storia che viene raccontata: non sarebbe mai potuta succedere "hic et tunc", almeno non così.

    leggi la recensione completa di andenko
  • Miglior film, miglior attore protagonista, Timothée Chalamet, miglior sceneggiatura non originale (adattata da James Ivory) e miglior canzone originale (Sufjan Stevens - Mistery of love). Li merita, tutti, il lungo sviluppo della storia convince gradualmente, quasi impercettibilmente, che è giusto così.

    leggi la recensione completa di yume
  • Il tempo dell'estate e il tempo della giovinezza che fiorisce. Un tempo breve raccontato con leggerezza, pure troppa, che non ha coinvolto il sottoscritto. Troppo idealizzato, forse come idealizzato può essere l'amore adolescenziale, non ha saputo crescere e si è perso in qualche coito. Amen.

    commento di filobus
  • Come diceva l'architetto Melandri: "...ma perché non siamo nati tutti finocchi?"

    commento di irvine
  • Call Me by Your Name è un film languido ed intenso sullo sbocciare di un sentimento, ma anche sulla poesia della giovinezza, quando tutto è nuovo ed un numero indefinito di possibili percorsi si apre davanti a te. Questa storia di un amore estivo e della crescita di un adolescente è tutta atmosfera, tono rarefatto e sfumature.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Non facciamoci ingannare, questa non è una storia di amore omo, chi dice così è solo perché è prevenuto o è omofobo. È una bella storia d’amore, e l’amore quando nasce - e non si può mai sapere quando nasce – è SEMPLICEMENTE AMORE, vero, da trasporto, che lascia impronte nel cuore e nel corpo, che non ti fa pensare ad altro, che ti cambia la vita.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Nelle nostre vite che rotolano per inerzia, tra tradizioni (la fotografia è quasi da documentario) e abitudini consunte, l'innamoramento più sincero irrompe come una stella cometa. Una perla.

    leggi la recensione completa di Marsil_Claritz
  • Coraggioso, ben interpretato, bella fotografia e belle musiche... se devo fare una critica in alcune parti l'ho trovato noioso da qui una sceneggiatura non all'altezza.

    commento di mike53
  • Chi non ha mai avuto uno zainetto dell’Invicta giallo e blu alzi la mano? Chi non ha mai indossato giorno e notte un Walkman anche a letto? Chi non conosce le poesie di Antonia Pozzi?

    leggi la recensione completa di gaiart
  • Mia recensione su https://andrealeonettidivagno.com/2018/02/01/chiamami-col-tuo-nome/

    commento di registandre
  • Io Prassitele lo conosco e conosco anche l'amore, il desiderio, l'attrazione. e ho ritrovato tutto questo dentro il bel film di Guadagnino. Alla barba degli omofobi che si scandalizzano ancora nel terzo millennio quando tutto questo è coniugato al maschile.

    commento di millertropico
  • Prassitele, chi era costui?

    leggi la recensione completa di leporello
  • La noia, la polvere, la flemma, la pochezza e la decadenza sono le reali cifre stilistiche che pervadono tutta quest'ennesima pellicola del tutto trascurabile ed assolutamente perdibile. Il tutto guarnito da uno dei commenti sonori più improbabili ed ammorbanti dell'ultimo decennio. Tutto tempo rubato ad una bella serata tra amici.

    commento di Abelard
  • Bah leggo solo lodi sperticate... io il film l'ho trovato noiosetto. Visivamente bellissimo, ma noiosetto e davvero poco coinvolgente.

    leggi la recensione completa di ForestOne
  • In un tenero innocente, ma prezioso gioco di scambio di nome proprio, si rifugia un miracolo di poesia e di scrittura che conduce lo spettatore sino alla commozione; per la purezza di espressione, per la rappresentazione magistrale, carnale certo, ma mai volgare, di un innamoramento più forte di ogni eventuale ostacolo od impedimento.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • impropabile. noioso. l'unico momento buono del film e' il discorso del padre al figlio seduti sul divano, una piccola lezione di vita; per il resto .....ma per favore.

    commento di vflamingo
  • L'ultima opera di Guadagnino non racconta una storia sul desiderio, racconta il desiderio stesso. Il regista italiano ha realizzato un capolavoro che ha entusiasmato critici e pubblico in tutto il mondo, fuorché in Italia, dove (purtroppo) sta passando inosservato.

    leggi la recensione completa di GiuliaDC
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
9 stelle

"Words don't come easy", cantava in quella prima parte degli '80 il tenebroso ed occhialuto F.R. David, in uno dei più ricorrenti tormentoni delle lunghe spesso spensierate estati giovanili di chi, come Elio, appartiene alla classe dei nati attorno all'epicentrico '68.  Ma costui, 17 anni appena compiuti, è solo di lontana provenienza italiana, e per sola parte materna, in… leggi tutto

28 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Furetto60 di Furetto60
6 stelle

Sullo sfondo della bassa padana,nei dintorni delle campagne di Crema, durante la calda e luminosa estate del 1983  Elio Perlman, un diciassettene italoamericano di origine ebraica,figlio di un eminente professore universitario,specializzato nella cultura greco-romana,vive con i genitori nella loro villa del XVII secolo,è un musicista colto e sensibile, più maturo dei suoi… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

karugnin di karugnin
4 stelle

Nel 1983 “padano” è solo un innocente aggettivo che qualifica il grana e la pianura, e a Pizzighettone e Scanzorosciate i Mississippiani giocano ancora a briscola nei trani e votano Dc. Guadagnino lo sa, ma un sud lombardo scevro da redneck non gli basta e, con larga licenza, elimina dal panorama anche i ditteri, permettendo ai suoi personaggi di bighellonare tra stagni e… leggi tutto

8 recensioni negative

2021
2021

Recensione

maestro_farnese di maestro_farnese
4 stelle

Una breve relazione gay disorienta la vita di Elio, un adolescente che finisce per essere frastornato pure dai discorsi del padre. Una famiglia francese di estrazione ebrea trascorre, tutti gli anni, le vacanze nella campagna della bassa Lombardia. Il padre di Elio è uno stimato professore di archeologia e come consuetudine ogni anno ospita un dottorando, suo…

leggi tutto
Recensione

Love Affair 2.0

BobtheHeat di BobtheHeat

Degli ultimi 20 anni, quali sono i film con le storie d'amore che più ti hanno colpito?   Quali film ti vengono alla mente?   Sono tutti film d'amore, romantici?  Oppure sono anche molto…

leggi tutto

Best Movies of the Decade

mcoccinelli di mcoccinelli

I miei migliori film del decennio 2011-2020. Ho diversi film nella mia Watchlist che non sono riuscito a vedere, tuttavia mi è sembrato che ci siano stati pochi film tra cui scegliere, solo 5 tra i…

leggi tutto
Playlist
2020
2020
Trasmesso il 20 ottobre 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 17 ottobre 2020 su Rai Movie
Trasmesso il 14 ottobre 2020 su Rai Movie

Recensione

trebby di trebby
8 stelle

Premetto che il film mi è piaciuto veramente tanto, tuttavia ritengo che non si possa dare un solo voto ma più voti. Il film merita un bel 10 per aver rappresentato in maniera raffinata l'iniziazione sessuale e sentimentale di un adolescente di 17 anni che prima ha rapporti sessuali con una ragazza e poi con un ragazzo; mentre con la ragazza il rapporto rimane solo sessuale con il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

PrisD di PrisD
1 stelle

“Ma c’è qualcosa che non sai?” chiede Oliver, il professore americano che sembra uscito da Vogue, anzi no, da un fotoromanzo, occhioni azzurri e fisico atletico che mette continuamente in mostra, (il regista Guadagnino ha convenientemnte ambientato il film in estate) a Elio, il ragazzino ebreo di buona famiglia, tanto buona e tanto colta che ci viene a noia, e dopo…

leggi tutto
Trasmesso il 13 giugno 2020 su Rsi La1

Recensione

kahlzer di kahlzer
7 stelle

Purtroppo il film comincia solo alla fine, nell’intensa scena davanti al caminetto, dove nell'incantesimo del fuoco, ricordi e pensieri si fanno e si sfanno. Bravo il ragazzo. Tutti gli altri, scialbi comprimari dell’entourage di una qualche prova del cuoco. La madre? Solo una silhouette nel finale. Il padre? L’Epilogo della Commedia Antica. Resta la bella estate delle piazze…

leggi tutto
Recensione
2019
2019
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

tobanis di tobanis
6 stelle

Elio è un ragazzo di 17 anni figlio di una famiglia ricchissima e coltissima, che trascorre l’estate in una villa in campagna. E’ un bravo ragazzo, legge troppo, suona il piano, sta con gli amici, si annoia…il solito, insomma. I genitori sono intellettuali e alla fine pure molto saggi. Arriva come ospite un bel ragazzo americano, più grande, e il nostro Elio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Oscar 2018 - Miglior film

Gangs 87 di Gangs 87

Con netto ritardo, di oltre un anno, sono riuscita finalmente a vedere tutte le pellicole candidate a Miglior Film nel 2018, che comprendono quindi tutte i film usciti in sala tra il 2017 e il 2018. Di seguito la mia…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

Demian_Avenue di Demian_Avenue
5 stelle

Troppo lungo, alcune scene potevano tranquillamente essere tagliate. Inoltre, i due personaggi sembrano vagamente appartenenti a un classico romanzo di Fitzgerald: Oliver che è sexy e lo sa, intelligente e lo sa, Elio è una sorta di ricco annoiato che cerca qualcosa nell'arte. Ho apprezzato invece la chimica fra i due attori e la spontaneità di questa storia d'amore,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito