Espandi menu
cerca
Una giornata particolare

Regia di Ettore Scola vedi scheda film

Recensioni

L'autore

George Smiley

George Smiley

Iscritto dal 29 gennaio 2014 Vai al suo profilo
  • Seguaci 56
  • Post 3
  • Recensioni 160
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Una giornata particolare

di George Smiley
10 stelle

Storia dell'incontro casuale tra due "vittime" della società, ognuna a modo suo, e delle relative solitudini. "Una giornata particolare" di Ettore Scola prende luogo nella giornata del 6 Maggio 1938, data della storica visita di Adolf Hitler a Roma (della quale vengono mostrate in apertura immagini di repertorio). Antonietta (Sophia Loren), madre di sei figli e moglie di un impiegato statale fervente fascista, rimane da sola a badare alla casa mentre la famiglia e quasi l'intero caseggiato assistono alla parata in onore del Führer e fa fortuitamente la conoscenza di Gabriele (Marcello Mastroianni), ex radiocronista dell'EIAR licenziato in quanto omosessuale e sull'orlo del suicidio. Entrambi faranno i conti con le loro stesse vite, Antonietta prendendo coscienza della propria condizione e Gabriele trovando la forza di continuare a vivere nonostante tutto, scoprendo l'una nell'altro quella comprensione e reciproca accettazione che mancava loro e amandosi per un lungo, straziante giorno che li cambierà per sempre. Il regista (che fa grande uso di piani-sequenza, così come di primi e medi piani e di carrellate avanti e indietro) decide di raccontare dunque una storia nella Storia, utilizzando come sottofondo alle vicende di Antonietta e Gabriele la cronaca per radio della visita di Hitler a Roma, la quale appare tuttavia un semplice evento contingente al più importante avvenimento che gli preme di comunicarci, dando un tocco surreale alla narrazione che pare sospesa nel tempo e nello spazio, come se tutto avvenisse in un angolo remoto d'universo riempito soltanto da due interpreti giganteschi, Marcello Mastroianni e Sophia Loren in una delle loro migliori e più struggenti interpretazioni. La giornata particolare è quella di due persone oltraggiate e discriminate dalla collettività a causa delle convenzioni sociali, della morale imperante e dei condizionamenti politici, che ritrovano se stesse e riprendono coscienza della loro individualità: lei "donna del regime" e quindi obbligatoriamente moglie e madre devota e fedele che si rende conto della sua condizione di sfruttamento e subalternità rispetto al marito/padre padrone e capisce la ristrettezza del ruolo che le è stato assegnato, lui "depravato sovversivo" discriminato per i suoi orientamenti sessuali e non conforme agli obblighi morali e alle esigenze del regime, che viene finalmente accettato e amato per ciò che è. Anche se il film è ambientato nel ventennio fascista, il messaggio che promuove ha grande rilevanza tuttora: dittatura o democrazia, ordini del partito o slogan pubblicitari, morale bigotta o intransigenza progressista, viviamo in un mondo in cui purtroppo siamo sempre costretti a uniformarci alla maggioranza, a vergognarci anche se privi di colpe, a sentirci perennemente sbagliati o colpevoli di qualcosa di non ben definito, mentre la nostra individualità e spontaneità, le nostre idee e la nostra personalità fanno paura se non corrispondono a ciò che la società o la collettività in cui viviamo, piccola o grande che sia, si attende dal nostro essere. La paura del diverso, di ciò che è "strano", di ciò che si discosta dalla consuetudine e dall'abitudinarietà della massa è un pericolo reale e più che mai attuale, che aumenta col periodico ripresentarsi di fenomeni di intolleranza e di autoritarismo di qualsiasi tipo (ogni riferimento a vicende odierne è puramente casuale...o forse no). Alla fine i due protagonisti si separeranno a malincuore (lei torna nell'opprimente nido familiare, lui viene mandato al confino in Sardegna) per non rivedersi mai più. Il clima di maschilismo, bigottismo e autoritarismo sembra dunque aver vinto per l'ennesima volta, ma l'incontro delle infelicità di Antonietta e Gabriele non è stato vano: una nuova consapevolezza si è fatta strada in loro, le due solitudini si sono riconosciute e amate e adesso non sono più sole. La loro vita è cambiata per sempre, così come quella di noi spettatori.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati