Trama

La famiglia Marcoux abita in una bella dimora nella campagna provenzale. Henri, il capofamiglia, si innamora della bella Leda; Thérèse, la moglie, sopporta per paura dello scandalo...

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

hupp2000 di hupp2000
8 stelle

Si è detto e scritto infinite volte che Chabrol realizza grandi film quando affonda il bisturi nei vizi, le debolezze e l’ipocrizia della società di provincia, meglio ancora se si tratta dell’alta o della piccola borghesia. « A double tour » è la prima opera del regista che si addentra in questo campo e la borghesia chiamata in causa è tutt’altro che piccola. In una lussuosa villa,… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

sasso67 di sasso67
6 stelle

Uno Chabrol d'inizio carriera comincia a scoperchiare i suoi primi nidi di vipere familiari, tra rancori, complessi edipici e istinti di autoconservazione di una borghesia con poco fascino, ma che non vuole perdere i propri privilegi. Al terzo film, Chabrol sembra avere già abbandonato la Nouvelle Vague, in favore di un cinema più classico, che, se non è proprio quello di papà, si accosta a… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
4 stelle

Dopo l'esordio, l'anno precedente, con Le beau Serge, Chabrol aveva girato l'altrettanto piacevole I cugini ed ora arrivava al terzo lungometraggio con questo soggetto tratto da un romanzo di Stanley Ellin e sceneggiato insieme a Paul Gegauff (già collaboratore per la precedente pellicola). Un cambio di cast (nei primi due film i protagonisti erano i medesimi) ed un approfondimento dei… leggi tutto

1 recensioni negative

2017
2017

Recensione

penelope68 di penelope68
7 stelle

Chabrol è qui nel primo film in cui indugia nei vizi e le ipocrisie della borghesia francese e lo fa con cura, ma senza il vigore dei suoi futuri film . La protagonista non famosissima,  è molto brava a interpretare la moglie nevrotica di Henry, signore di mezza età invaghito di Leda, bella ragazza solare . Finché qualcuno uccide la ragazza, e tutti sospettano di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2014
2014

Introvabili cercasi

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista

"Mi piacerebbe tanto rivederlo, ma non esiste più in commercio..." "Ce l'avevo registrato, ma sarebbe bello se lo pubblicassero finalmente in dvd..." "L'ho visto una volta in televisione quando ero piccolo e…

leggi tutto
2013
2013

Recensione

sasso67 di sasso67
6 stelle

Uno Chabrol d'inizio carriera comincia a scoperchiare i suoi primi nidi di vipere familiari, tra rancori, complessi edipici e istinti di autoconservazione di una borghesia con poco fascino, ma che non vuole perdere i propri privilegi. Al terzo film, Chabrol sembra avere già abbandonato la Nouvelle Vague, in favore di un cinema più classico, che, se non è proprio quello di papà, si accosta a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2012
2012

Recensione

hupp2000 di hupp2000
8 stelle

Si è detto e scritto infinite volte che Chabrol realizza grandi film quando affonda il bisturi nei vizi, le debolezze e l’ipocrizia della società di provincia, meglio ancora se si tratta dell’alta o della piccola borghesia. « A double tour » è la prima opera del regista che si addentra in questo campo e la borghesia chiamata in causa è tutt’altro che piccola. In una lussuosa villa,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2011
2011

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Dopo l'esordio, l'anno precedente, con Le beau Serge, Chabrol aveva girato l'altrettanto piacevole I cugini ed ora arrivava al terzo lungometraggio con questo soggetto tratto da un romanzo di Stanley Ellin e sceneggiato insieme a Paul Gegauff (già collaboratore per la precedente pellicola). Un cambio di cast (nei primi due film i protagonisti erano i medesimi) ed un approfondimento dei…

leggi tutto
Recensione
2010
2010

APPELLO !!!!!

panflo di panflo

Che qualcuno, più bravo di me, si adoperi a commemorare Claude Chabrol scomparso ieri. Tutti noi nouvellevaguisti lo ringraziamo sin d'ora .

leggi tutto
2009
2009

Recensione

jonas di jonas
8 stelle

In una famiglia dai rapporti malsani, con un padre padrone che umilia la moglie e mantiene un’amante molto più giovane in una dépendance, viene commesso un omicidio; verrà risolto dal fidanzato della figlia, un tipo in apparenza menefreghista e poco raccomandabile. A Chabrol non interessa il versante giallo, puro pretesto per scandagliare il solito groviglio di vipere…

leggi tutto
Recensione
2005
2005

Recensione

ZioMaro di ZioMaro
6 stelle

Questo film degli esordi è una vicenda drammatica dai risvolti gialli senza grandi pretese, ma con il quale il giovane Chabrol dimostra già il suo talento e con il quale già tratta di quello che diverrà uno dei suoi temi prediletti: un ritratto di famiglia borghese impietoso, con le sue ossessioni, i tradimenti, le morbosità.

leggi tutto
Recensione
2004
2004

Recensione

emmepi8 di emmepi8
6 stelle

Film agli esordi di Chabrol (o quasi..), vittima di dettami della Nouvelle Vague, che come ogni corrente, da i suoi frutti a posteriore e non nel momento.Una recitazione sopra le righe ed anche fuori dalle righe, che depista la storia e lo spettatore, facendoci assistere ad una cosa un po' squallida, con attori lanciati al disfacimento, e qualcuno lo fa con voglia e consapevole dei pochi mezzi…

leggi tutto
Recensione
2003
2003

Recensione

degoffro di degoffro
8 stelle

Ritratto di borghesia in nero: il giovane Chabrol indaga e analizza con uno sguardo spietato, lucido, glaciale, amarissimo e sconsolato il lento sfasciarsi e disgregarsi di una famiglia come tante, ricca di possedimenti e di averi ma del tutto incapace di restare unita, distrutta da odi, paure, rancori, segreti, inganni e tradimenti per troppo tempo tenuti nascosti ed esplosi improvvisamente in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
1959
1959
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito