Espandi menu
cerca
La valle dell'Eden

Regia di Elia Kazan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

IlGranCinematografo

IlGranCinematografo

Iscritto dal 30 luglio 2014 Vai al suo profilo
  • Seguaci 27
  • Post 4
  • Recensioni 398
  • Playlist 35
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La valle dell'Eden

di IlGranCinematografo
8 stelle

Il racconto appassionato di una conflittualità familiare lacerante della quale nessuno dei personaggi ha realmente colpa.

James Dean, Julie Harris

La valle dell'Eden (1955): James Dean, Julie Harris

 

Un figlio (James Dean, proiettato istantaneamente nel firmamento di Hollywood) che brama l'affetto e l'amore di un padre (Raymond Massey) che invece si rifiuta fino all'ultimo di amarlo perché in lui rivede limpido il carattere ribelle, scontroso e intraprendente della moglie (Jo Van Fleet) che lo aveva piantato per fare fortuna: dal romanzo di John Steinbeck (ridotto dalla penna di Paul Osborn), il racconto appassionato di una conflittualità familiare lacerante della quale nessuno dei personaggi ha realmente colpa, dal momento che il candore del fratello (Richard Davalos) del giovane Cal deriva pedissequo da quello del genitore, il gelo del pater familias (figurativizzato nei blocchi di ghiaccio che il ragazzo scaraventa disperato fuori dal magazzino) è l'effetto di un passato sofferto e incancellabile, l'indole scostante del protagonista è un lascito materno fortemente indesiderato e persino le ragioni della donna sono abbastanza condivisibili (voleva coltivare il proprio fiuto per gli affari e il marito non era disposto ad assecondarla). Sebbene a un certo punto non argini del tutto la retorica melodrammatica, Elia Kazan orchestra l'escalation di dolore da ferrato professionista. Da incorniciare la scena (peraltro improvvisata) in cui Dean abbraccia in lacrime Massey gridandogli: "Ti odio!". Quattro nomination per gli Oscar e vittoria del premio da parte della Van Fleet.

Accompagnamento strumentale di Leonard Rosenman.

♥ Film OTTIMO (8) — Bollino VERDE

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati