Espandi menu
cerca
Polvere di stelle

Regia di Alberto Sordi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 30
  • Post -
  • Recensioni 1687
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Polvere di stelle

di Furetto60
7 stelle

Commedia amara, con due star assolute.

A Roma nel 1943, la sedicente soubrette Dea Dani,la mitica Monica Vitti e il capocomico Mimmo,l'indimenticabile Sordi, costituiscono una coppia e un sodalizio artistico, che gestisce alla men peggio, una scalcinata compagnia d'avanspettacolo,che si  barcamena tra una scrittura e l'altra,patendo talvolta anche la fame.Decidono di  recarsi  per una tournèe in Abruzzo, soltanto perché nessun altro ci vuole andare,in quanto teatro di guerra. Dopo l'armistizio, gli uomini della compagnia vengono imprigionati dai fascisti, ma Dea, concedendosi a un federale, ne ottiene la liberazione,dunque la compagnia ricostituita  arriva in quel di Bari, dove si esibisce,nel famoso teatro "Petruzzelli",di fronte ai soldati statunitensi,che essendo di bocca buona, saluteranno con favore, l'allestimento dello  spettacolo "Polvere di stelle" di cui al titolo, da parte di Mimmo e Dea, che finalmente potranno coronare  il loro sogno di gloria,che però sarà molto effimero.Infatti a seguito dell'occupazione di Roma, importanti  e solide compagnie di varietà potranno  raggiungere Bari e di conseguenza per loro non ci sarà più posto,verrano liquidati senza troppi complimenti e costretti a  rimettere i piedi per terra,per tornare ad essere i derelitti mentecatti che erano.

Classificato come commedia e come un film di costume, è in sostanza molto di più,è uno spaccato crudo e brutale di quel mondo ambiguo, che vivacchiava,ai margini,nel sottobosco,dell"ambiente dell"avanspettacolo.Chi ha calcato il palcoscenico in quel periodo, sa cosa significa, vivere alla giornata e frequentare quei luoghi, squallidi, dove si aggiravano e sguazzavano, impresari da strapazzo e  aspiranti artisti, falliti di fatto, disperati e alla fame,a caccia di una scrittura e quindi di una boccata dì ossigeno.In un divertente e amaro scambio di vedute, Dea dice al compagno" questi " ti danno solo il vitto, l'alloggio e niente da mettersi da parte" e allora risponde Mimmo, non ti basta? dopo che hai mangiato,dormito e fatto una bella fumata, che vuoi più"

I due attori Vitti e Sordi erano ai tempi del film, il 1973,al massimo della loro popolarità e successo e in questo film sono assolutamente esemplari.Due mattatori assoluti, in ruoli che calzavano loro a pennello.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati