Espandi menu
cerca
Un chien andalou

Regia di Luis Buñuel, Salvador Dalì vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 23
  • Post 1
  • Recensioni 390
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un chien andalou

di tafo
10 stelle

Per cambiare il mondo bisogna prima cambiare se stessi. Bisogna prima di tutto riversare il proprio inconscio e farlo diventare un'opera d'arte, bisogna condividere i nostri sogni e liberarci dalle nostre costrizioni estetiche e morali. Quale forma d'arte meglio del cinema si poteva legare al surrealismo? il cinema fatto di dissolvenze, fotomontaggi, dove il tempo e lo spazio appaiono nella loro relatività. Il tempo può andare avanti e indietro molle e flessibile come nei quadri di Dalì. Lo spazio si può stratificare, sovraccaricare come un dipinto di Magritte, dove l'immagine perfetta cromaticamente viene caricata da elementi spiazzanti che costringono a superare l'interpretazione logica e sequenziale. Le mani producono formiche quando non sono mozzate, gli ambienti sono puliti e borghesi finchè non si scopre che un pianoforte può essere attaccato da figure vive e figure morte. Il (foto) montaggio, elemento di per sè alteratore della realtà al cinema  può chiudere la bocca con una ascella e l'erotismo può finalmente far cadere i veli della morale e della estetica ritornando ad essere istinto e desiderio di contatto. In questo film si vede come il surrealismo può sfruttare tutte le potenzialità del cinema per riuscire a rappresentarsi dando libero sfogo alla propria (in)coscienza.
Comunque questa non è una opinione.  

Su Luis Buñuel

il primo seme di irregolarità è gettato.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati