Espandi menu
cerca
Brubaker

Regia di Stuart Rosenberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 82
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Brubaker

di will kane
8 stelle

Una fattoria riadibita a penitenziario, in cui vige la legge del più spietato, si contano i vermi nella zuppa, i reclusi più belli d'aspetto vengono stuprati, e alcuni detenuti ritenuti "affidabili" vengono addirittura armati con il fucile a fare da cani da guardia agli altri, oltretutto, com'è ovvio, imponendo propri regolamenti e abusi: ma nell'ultima mandata di nuovi "ospiti" è presente, all'insaputa di tutti, il nuovo direttore nominato, Brubaker appunto, che a un certo punto scopre le carte e avvia una riforma più civile. Naturalmente la cosa disturba ai piani superiori, e urgono freni per l'onda moralizzante. Un regista "specializzato" con il filone carcerario, che già girò anni prima un titolo importante quale "Nick Manofredda", Stuart Rosenberg, e un divo notoriamente impegnato come Robert Redford si immergono in una storia che oggettivamente è interessante, e tocca corde sensibili: robusto nella narrazione, ben recitato ( c'è anche un Morgan Freeman non ancora noto tra i carcerati) e diretto, soffre un pò qualche cenno retorico di troppo, anche perchè è prevedibile fin dall'inizio che le alte sfere faranno di tutto per voltare le spalle a Brubaker e al suo disegno rinnovatore per un esercizio più civile della giustizia. Però, il finale con i detenuti che salutano con un ritmico batter di mani l'uomo che ha tentato di dar loro un ambiente più dignitoso è di quelli commoventi come il cinema americano ci ha abituato a conoscere.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati