Espandi menu
cerca
Brood - La covata malefica

Regia di David Cronenberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

cheftony

cheftony

Iscritto dal 2 marzo 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 98
  • Post 6
  • Recensioni 466
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Brood - La covata malefica

di cheftony
8 stelle

The brood, letteralmente "la covata", gode di un sottotitolo italiano un po' infelice (aggiunge quel "malefica" che rivela una componente non trascurabile della trama). Ma basta far finta di non saperlo per godersi un film in cui Cronenberg dimostra una maturità notevole, che confermerà nei successivi Scanners e La zona morta, dove il geniaccio canadese s'introduce in un filone più psicodrammatico che puramente horror, catapultando gli spettatori in un mondo quotidiano tristemente acromatico, dove dominano il grigiore e la glacialità in senso lato (anche nei rapporti interpersonali).
The brood
si discosta in parte dai due horror precedenti, pur mantenendo alcuni dei leitmotiv che Cronenberg si è portato dietro per parecchi anni: la carne, con le sue mutazioni e il suo rispecchiare i sentimenti, e gli scienziati pazzi. Qui troviamo il dottor Raglan, a cui presta il volto lo statuario Oliver Reed, che, famoso per la sua teoria della "psicoplasmia", si convince di avere un prezioso oggetto di studio fra le mani e svuota il suo edificio psichiatrico degli altri pazienti per garantire l'isolamento più assoluto a Nola; Nola ha problemi mentali e una figlia, Candice, divisa fra le visite alla madre, i pochi giorni che riesce a passare col padre Frank e la nonna Juliana.
Intanto, avvengono strani omicidi da parte di nanerottoli privi di genitali e ombelico, con Frank, preoccupato per sua figlia, deciso a scoprire cosa li lega a sua moglie Nola...
Con meno scene splatter del solito (ma ce n'è una da ricordare), Cronenberg riesce senza problemi a mantenere alta la tensione e la curiosità grazie ad una storia che cresce nella seconda parte, che appassiona per poi disgustare e infine inquietare, grazie al solito finale cronenberghiano.

Sulla colonna sonora

Ottima, grazie al solito Howard Shore, prezioso collaboratore di Cronenberg.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati