Espandi menu
cerca
La grande guerra

Regia di Mario Monicelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

OGM

OGM

Iscritto dal 7 maggio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 193
  • Post 123
  • Recensioni 3105
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La grande guerra

di OGM
10 stelle

Quando alla grande anima della commedia all'italiana si aggiunge la perfezione formale del dramma a sfondo storico, il risultato non può che essere un capolavoro. Monicelli ritrae la guerra come una disgrazia di tutti, un inferno che si disvela a poco a poco, e che trasforma l'essere uomini in una condanna. Il film, per comunicare il suo messaggio di dolore universale, non sceglie la facile strada dell'orrore a effetto, bensì aderisce fedelmente al cinismo della realtà di trincea, in cui la morte è, semplicemente, un fatto improvviso e naturale, che accade e subito si può dimenticare. Per i due protagonisti, essere soldati significa, soprattutto, cimentarsi nella funambolica arte della sopravvivenza, della carne come dello spirito: partendo per il fronte si sono portati appresso il loro essere poveri e mascalzoni, che, però, il fine tocco del regista cesella in una aristocratica forma di stravaganza, in cui il colore dialettale diventa eccentricità verbale e l'espediente una manifestazione di snobismo. La coppia Gassman-Sordi è anche, a dispetto dell'apparenza dimessa, una nobile incarnazione dell'indefinibile idea di Italia, nata dalla fusione di un nord e un sud ("da Parma in giù è tutto Roma") complici, benché rivali, e diversi, però sempre saldamente uniti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati