Espandi menu
cerca
Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare di agosto

Regia di Lina Wertmüller vedi scheda film

Recensioni

L'autore

AlexPortman80

AlexPortman80

Iscritto dal 19 giugno 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 62
  • Post 13
  • Recensioni 50
  • Playlist 60
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare di agosto

di AlexPortman80
8 stelle

Voto: 8/10.


Pubblico: imdb 7,2/10 – rottentomatoes 3,7/5 – mymovies (IT) 4,3/5 – filmtv (IT) 3,8/5 – allociné (F) 2,8/5 – screenrush (UK) 3,0/5 – kinopoisk (RU) 7,4/10 – mtime (CI) 7,5/10
Critica: rottentomatoes 5,9/10 – filmtv (IT) BUONO
Dizionari: maltin 4/4 – mereghetti 2/4 – morandini 2/5 – farinotti 3/5

Forse sarà per i chilometrici titoli dei suoi film, di fatto finora non ne avevo mai visto uno diretto da Lina Wertmuller. Nell’atroce (?) dubbio (??) se recuperare l’originale o il remake con protagonista l’aTTRICE Madonna, ho optato per il primo. Impossibile inserire questa pellicola in un’unica scatola, quella della commedia. Trattasi in realtà di un bel ritrattino, da pronunciarsi rigorosamente con la “r” della milanese Raffaella Pavone (nomen omen) Lanzetti, dell’Italia degli anni ’70. Un po’ sopra le righe ma non troppo (come invece ho letto da qualche parte), è l’incontro fra due spiriti (non) liberi, opposti in tutto (sesso, origine geografica e quindi dialetto, fede politica e in generale visione del mondo), in un microcosmo, inizialmente una barca a vela, poi ancora più piccolo (il gommone) e in seguito un po’ più grande (l’isolotto), prima del ritorno sulla terra ferma (e ai rispettivi universi) nell’emblematico finale. L’anno del film coincide con quello del referendum sul divorzio e precede di 7 quello sull’aborto. Questo, e molto altro, si riflette nelle caratterizzazioni dei personaggi (magnificamente resi da Mariangela Melato e Giannini, Giancarlo of course… ma non si sa mai, dato l’affollamento dei “jr”) e nei dialoghi, taglienti, caustici, non certo scotti come gli spaghetti... Nella prima ora si ride senza sosta (grazie al memorabile botta e risposta dei due protagonisti, che culmina in uno sfrenato scambio di “complimenti” sull’isola), poi il film vira su toni decisamente più drammatici (la rivincita) ed infine passionali (la seduzione). Colonna sonora firmata da Piero Piccioni (“Il caso Mattei”, “Il medico della mutua”, “Il disprezzo”) e vincitrice del David di Donatello. Qualche sforbiciata qua e là non avrebbe nuociuto ma lo script della stessa Wertmuller gira molto bene. Un film attualissimo, segno dell’immutabilità di fondo del nostro paese, in particolare di (mal)costumi e perbenismi tipici di certe fasce sociali.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati