Espandi menu
cerca
Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare di agosto

Regia di Lina Wertmüller vedi scheda film

Recensioni

L'autore

maghella

maghella

Iscritto dal 15 aprile 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 193
  • Post 311
  • Recensioni 417
  • Playlist 103
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare di agosto

di maghella
10 stelle

Questo è un ottimo film, forse uno dei migliori della Wertmuller, che riesce a raccontare una storia veramente classica (l'attrazione tra due esponenti di classi sociali diversissime) in maniera originale e molto divertente. Dalla prima scena la Melato, che interpreta Raffaella Pavoni Lanzetti, riccona, snob antipaticissima, si rivela subito per quella che è, umiliando continuamente la ciurma della sua imbarcazione, in particolare il marinaio Gennarino, rude, ignorante e comunista...Dal suo canto Gennarino, seppur attratto dalla signora non perde occasione per manifestare la sua poca dedizione al lavoro per quel ceto sociale. Durante un'uscita in mare aperto, in gommone, i due si perdono, e dopo due giorni alla deriva riescono ad approdate su un'isolotto deserto. Qui comincia la seconda parte del film, dove in condizioni primitive, le parti si invertono, e la signora  non essendo assolutamente in grado di badare a se stessa, ritroverà se stessa innamorandosi perdutamente del marinaio, che diventerà il suo signore e padrone. I dialoghi sono perfetti, a dei ritmi incalzanti, i due protagonisti fanno gara in bravura per trovare un accordo pieno e totale nella complicità delle parti, un vero "matrimonio" tra arte del mestiere e tecnica di recitazione. Giannini che ci regala un siculo vecchia maniera, rozzo, primitivo e uomo, di una bellezza naturale e schietta. La Melato è solare, piena di sfumature, di lei vibra tutto, anche la pelle. Il pregio di questo film è che ci fa toccare il mare e la sabbia, assaporare il sole caldo, i baci dei due amanti, le lacrime finali e la disperazione di un tragico ritorno alla realtà. Infatti Gennarino non si accontenterà delle promesse d'amore della sua signora-schiava, ma pretenderà la "prova", cioè:" passeggerai con me, con il signor Gennarino per le vie di Milano?"...La risposta noi la sappiamo già senza vedere il finale, ma lei, la bella signora, fino all'ultimo gli dirà di sì.

Cosa cambierei

Niente, è solo da riguardare.

Lina Wertmüller

Perfetta.

Giancarlo Giannini

Bravissimo, sempre all'altezza.Oltretutto molto bello.

Mariangela Melato

Insuperabile, una prova di bravura eccezionale, e bellissima.

Riccardo Salvino

Nei film della Wertmuller, si dimodstra sempre un personaggio importante e di forte carattere.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati