Espandi menu
cerca
Cannonball

Regia di Paul Bartel vedi scheda film

Recensioni

L'autore

giansnow89

giansnow89

Iscritto dal 27 aprile 2017 Vai al suo profilo
  • Seguaci 21
  • Post 15
  • Recensioni 259
  • Playlist 13
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Cannonball

di giansnow89
8 stelle

A distanza di appena un anno dal cult Anno 2000, il regista Paul Bartel torna sul luogo del delitto e pare ripetere lo stesso identico film. Il leonino David Carradine sfreccia di nuovo sul suo bolide rombante in una corsa pazza priva di regole, stavolta illegale e non inquadrata in un programma governativo di controllo della violenza. In Cannonball è però del tutto assente la sia pur grossolana distopia à la Battle Royale del suo predecessore, e il film vira ben presto verso il nonsense più radicale. Si susseguono buchi di trama a gogò, con il protagonista che ha una marea di contrattempi (ad un certo punto è costretto a cambiare il suo bolide con un rottame) ma ineffabilmente è sempre a un’incollatura dai suoi velocissimi avversari. Accade tutto quello che ci si aspetta che accada, spesso con largo preavviso. Una scena lunghissima e inessenziale per lo svolgimento della storia è dedicata all’autodistruzione fine a se stessa di macchine su macchine che si scontrano fra loro in un’infuocata estasi quasi catartica. Se Bartel non fosse così naif e grezzo, si potrebbe azzardare che i riferimenti letterari di questa ecatombe stradal sono il Godard di Week-end o anche l’Altman di Nashville della memorabile scena del mega-incidente. Privato invece di qualsiasi sottotesto anarchico o sociologico anni ’70, Cannonball resta un film che trasforma quella che altrove sarebbe immondizia in spettacolo di buona presa e sicuro intrattenimento.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati