Espandi menu
cerca
The Blues Brothers

Regia di John Landis vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Blues Brothers

di FilmTv Rivista
10 stelle

«Sono 126 miglia per Chicago. Abbiamo il serbatoio pieno, mezzo pacchetto di sigarette, è buio, e portiamo tutt’e due gli occhiali da sole». Ci sarebbe la foto di Elwood e Jake Blues sul dizionario, di fianco alla voce “cult”, Ray-Ban scuri e cappello d’ordinanza, inscalfiti dal tempo. Incapace di invecchiare, l’opera perfettamente folle di Landis è ancora in missione per conto del dio della Settima Arte: a 32 anni di distanza John Belushi “vede la luce” nel buio della sala e il culto si perpetua in alta definizione. Insieme alla certezza che non esiste(rà) un altro film come questo: perché?ha la colonna sonora più bella della Storia del Cinema (non solo i numeri “live”: la precisione con cui la musica aderisce alle sequenze d’azione è millimetrica), perché la grazia che il reverendo James Brown invoca sui fedeli sembra essere scesa a pioggia su tutti i nomi che sfilano nei titoli di coda, perché un’alchimia come quella tra Aykroyd e Belushi non si può ripetere (ben lo sa Dan, che 18 anni dopo ci riprovò con John Goodman). Ma soprattutto per l’anarchia totale, ferocemente gioiosa, che lo abita: al diavolo i nazisti, gli sbirri, le donne (un tris meraviglioso di sedotte e abbandonate: Aretha, Twiggy e Carrie Fisher). Nello sfascio impunito e glorioso di 103 automobili risuona lo sberleffo al cinema blockbuster che nel decennio a seguire avrebbe definitivamente fagocitato gli schermi: Spielberg, impiegato del fisco, incasserà pure l’assegno, ma non partecipa alla festa.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 26 del 2012

Autore: Ilaria Feole

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati