Espandi menu
cerca
A 30 secondi dalla fine

Regia di Andrej Konchalovskij vedi scheda film

Recensioni

L'autore

supadany

supadany

Iscritto dal 26 ottobre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 383
  • Post 189
  • Recensioni 5731
  • Playlist 116
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su A 30 secondi dalla fine

di supadany
8 stelle

VOTO : 7.

Film tutto da gustare che offre un corollario adatto a tutti, ma anche sugellato da scelte tecniche (per esempio vedasi l’ambientazione e le connotazioni dei personaggi) di grande efficacia.

L’intrattenimento è pienamente assicurato, ma non è nemmeno lasciato solitario ad essere l’unico protagonista, anzi.

Manny (Jon Voight) è un detenuto che ha già dimostrato una propensione all’evasione.

Per questo è stato tenuto in isolamento per tre anni dal direttore del carcere, ma appena si presenta l’occasione è di nuovo pronto per provarci.

Così, insieme a Buck (Eric Roberts), riesce a fuggire attraverso la rete fognaria e a salire su un treno che però perde il macchinista e quindi ogni possibile controllo.

Lo schema di fondo proposto è piuttosto classico, ma anche completato con caratteristiche interessanti, non per niente si basa su una vecchia storia del maestro Kurosawa.

Si respira aria di avventura, ma al contempo non ci si dimentica mai degli uomini che la vivono, che non sono certo l’emblema della felicità e che sono anche diversi tra loro, sia per il passato che per le aspettative che nutrono nel futuro.

E quando il treno viaggia a tutta velocità per le impervie lande dell’Alaska si respira un’atmofera contrastata di buona efficacia, tra un contesto naturale avverso, comportamenti umani violenti e spesso ambigui, e prospettive poco rassicuranti.

Così il film finisce con l’assumere connotazioni epiche e col generare riflessioni contrastate e contrastanti che dominano la scena.

Dunque questo film è un valido esempio di prodotto completo, semplice da seguire, ma anche propenso a generare pensieri e considerazioni non proprio banali.

Decisamente solido e anche ben fatto sotto tutti i punti di vista.

Su Andrey Konchalovskiy

VOTO : 7. Riesce nell'impresa di abbinare tanta azione a tematiche proprie di un cinema d'autore.

Su Jon Voight

VOTO : 7. Prova decisamente convincente.

Su Eric Roberts

VOTO : 6/7. Non mi ricordo sue interpretazioni migliori di questa, un pò perchè è "scivolato" parecchie volte, un pò perchè qui è davvero bravo.

Su Rebecca De Mornay

VOTO : 6++. Soddisfacente.

Su John P. Ryan

VOTO : 6,5. Duro, protagonista di un riuscito duello a distanza con Jon Voight.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati