Espandi menu

Trama

Dopo quindici anni di vita insieme, Marie e Boris decidono di divorziare. Marie è colei che ha comprato la casa in cui hanno vissuto con le due figlie ma Boris, che l'ha completamente rinnovata, non ha altro posto in cui andare. Nessuno dei due è disposto a rinunciare alla loro abitazione.

Approfondimento

DOPO L'AMORE: QUANDO FINISCE UN AMORE

Diretto da Joachim Lafosse e sceneggiato dal regista con Fanny Burdino, Mazarine Pingeot e Thomas van Zuylen, Dopo l'amore racconta la storia di Marie e Boris che, dopo quindici anni di vita condivisa, decidono di divorziare. Marie era stata colei che aveva comprato la casa in cui vivono con le loro due figlie mentre Boris l'ha completamente rimessa a nuovo. Dal momento che Boris non può permettersi di trovare un altro posto in cui trasferirsi, i due devono continuare a condividere l'abitazione, con tutte le conseguenze del caso.

Con la direzione della fotografia di Jean-François Hensgens, le scenografie di Olivier Radot e i costumi di Pascaline ChavanneDopo l'amore conta sulle interpretazioni di Bérénice Bejo e Cédric Kahn, chiamati a dare corpo e anima a Marie e Boris. A descrivere meglio il progetto sono le parole dello stesso regista, in occasione della partecipazione di Dopo l'amore alla Quinzaine des Réalisateurs 2016: «Da un incontro con Mazarine Pingeot è nato il desiderio comune di realizzare un film sulla coppia. Entrambi volevamo mostrare le fortissime emozioni che si celano dietro ai conflitti, spesso generati dal denaro. Mazarine è solita lavorare con Fanny Burdino mentre io sono abituato a collaborare con Thomas van Zuylen. Io e Thomas abbiamo scritto la sceneggiatura, l'abbiamo mandata a loro, per le revisioni e le aggiunte. Dopodiché abbiamo cominciato a preparare le riprese: da quel punto in poi, ho lavorato solo con Thomas e gli attori. Per quanto mi riguarda, la sceneggiatura può dirsi finita solo quando il film è terminato: bisogna essere pronti sempre a rimettere mano al lavoro di scrittura, cercando di adeguarsi alle esigenze di realizzazione e alle nuove idee che vengono in mente anche agli attori. Il contributo degli attori, a cui il personaggio deve calzare perfettamente e accuratamente, è stato fondamentale. Dopo l'amore non sarebbe quello che è senza il loro apporto.

Boris e Marie sembrano entrare in conflitto a causa del denaro. Boris proviene da un background meno privilegiato di Marie. In una coppia, i soldi rappresentano spesso uno dei motivi per cui si litiga ma per Boris e Marie non è la causa profonda della controversia. Il denaro non è la ragione per cui non possono più amarsi... è semmai il pomo della discordia, dietro cui si celano altri malesseri. Boris e Marie non riescono a stabilire quanto hanno dato l'uno all'altra, forse perché sin dall'inizio della loro relazione non è mai stato chiaro quanto ognuno investisse nella coppia. Del resto, sono i piccoli accorgimenti che fanno grandi le storie d'amore. Il denaro può fornire una delle chiavi di interpretazione del film ma il mio punto di partenza era quello di voler sottolineare la sensazione di tristezza che accompagna ogni separazione: quando ci si sposa e si hanno dei figli, non si pensa mai che tutto possa finire da un momento all'altro. Per Boris e Marie è tutto ancora più difficile da sopportare a causa dei soldi: decidendo di separarsi, devono continuare a vivere sotto lo stesso tetto perché lui non può permettersi una nuova casa. Non ne ha i mezzi: i prezzi degli affitti nelle grandi città sono proibitivi, soprattutto per una personale sola.

Boris e Marie devono inoltre relazionarsi continuamente con le figlie, una coppia di gemelle molto turbate dalla situazione ma anche molto comprensive delle regole che la madre impone in casa al padre. Marie è colei che detta le regole, è il capo. Boris non ha voce in capitolo ma la situazione lo obbliga a rivedere il suo ruolo. Nessuno dei due trova un punto in comune e nelle loro liti c'è qualcosa di molto infantile. La madre di Marie, invece, interpretata da Marthe Keller, spera in una riconciliazione: come molte persone della sua generazione, ha accettato il compromesso secondo cui l'amore si trasforma in amicizia con il passare del tempo.

Nonostante tutto, Dopo l'amore non è una tragedia. Nonostante tutto, Boris e Marie hanno ancora qualcosa da fare insieme».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (1) vedi tutti

  • La casa come teatro di guerra tra due coniugi alla deriva,che non possono vivere separatamente per ragioni di tipo economico,e che si sforzano di costruire barricate e mura invalicabili all'interno delle macerie di un ex focolare domestico.Un film ben scritto, con dialoghi e situazioni credibili che evita facili sentimentalismi ed inutili retoriche

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
7 stelle

Tff 34 – Festa Mobile. Ancora una volta, si parla di amore ma Joaquin Lafosse parte dalla sua fine (già in atto) per raccontare quello che arriva dopo, quando il sentimento esaurisce la sua propulsione e all’interno della coppia si sviluppano forze repulsive. Dopo l’amore è un film tutto d’un pezzo, ostinato nel tratteggiare una linea di demarcazione... leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

laulilla di laulilla
4 stelle

La fine di un matrimonio, forse (come lascerebbe intendere il titolo italiano come al solito alquanto arbitrario), dopo una storia d’amore. Il fatto è che, quand’anche ci fosse stata, nel film non se ne vede che una pallidissima traccia, subito cancellata dal ritorno del sentimento predominante nella moglie, Marie (la bella e brava Bérénice Bejo), ovvero... leggi tutto

2 recensioni negative

Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 12 voti
vedi tutti

Recensione

zombi di zombi
7 stelle

una grande casa in una zona residenziale della città, c'è da credere. la casa è stata ristrutturata molto bene dal marito boris e pagata coi soldi di famiglia della moglie marie. la coppia è scoppiata e vivono divisi in casa. ci sono anche due figlie, due gemelle. fredda cronaca di una famiglia. se il titolo italiano da un'impronta più umana alla storia,...

leggi tutto

Recensione

laulilla di laulilla
4 stelle

La fine di un matrimonio, forse (come lascerebbe intendere il titolo italiano come al solito alquanto arbitrario), dopo una storia d’amore. Il fatto è che, quand’anche ci fosse stata, nel film non se ne vede che una pallidissima traccia, subito cancellata dal ritorno del sentimento predominante nella moglie, Marie (la bella e brava Bérénice Bejo), ovvero...

leggi tutto

Recensione

BobtheHeat di BobtheHeat
3 stelle

Salutato alla sua presentazione in quel di Cannes, da buona parte dei miei critici di riferimento (Sigh, Emanuela Martini inclusa) , come uno dei titoli più riusciti di tutto il Festival, "Dopo l'amore" è un film purtroppo monocorde, che ripropone dall'inizio alla fine le stesse situazioni, senza alcuna evoluzione , con scene appiccicate , un finale frettoloso ed attori costretti...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Uscito nelle sale italiane il 16 gennaio 2017

Recensione

LorCio di LorCio
7 stelle

Quando finisce un amore, checché ne dicano i cantautori, c’è sempre un motivo, e ci sono il nodo nella gola e il buco nello stomaco. Nel mettere in scena l’autopsia del matrimonio fallito tra la sofisticata Marie e il rude Boris, Joachim Lafosse, calibrando le implicazioni fisiche della crisi col contesto forzatamente ovattato entro cui avviene, pensa anzitutto a...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

Tff 34 – Festa Mobile. Ancora una volta, si parla di amore ma Joaquin Lafosse parte dalla sua fine (già in atto) per raccontare quello che arriva dopo, quando il sentimento esaurisce la sua propulsione e all’interno della coppia si sviluppano forze repulsive. Dopo l’amore è un film tutto d’un pezzo, ostinato nel tratteggiare una linea di demarcazione...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito